Una vita di comodità è peggio di un bicchiere di vino avvelenato

(Clearwisdom.net) Tutti coloro che vivono in questo mondo vogliono vivere una vita felice e piacevole. Questi pensieri non sono certamente sbagliati, ma una vita felice e una vita comoda sono due concetti completamente differenti. Una vita felice è misurata in base alla sensibilità spirituale di ognuno, mentre l’agiatezza e la comodità si riferiscono principalmente al piacere fisico. Per gli esseri umani, la mente e il corpo sono interconnessi tra loro come le radici e rami di un albero. Mantenere la mente in pace e nella gioia è fondamentale. Ricercare il piacere fisico ciecamente e costantemente, tuttavia, è come mettere il carro davanti ai buoi.

Prima di tutto esaminiamo un racconto intitolato "Una vita di comodità è peggiore di un bicchiere di vino avvelenato."

C’era un famoso ufficiale di nome Tao Kan durante la Dinastia Orientale Jin (317-420). Guadagnò meriti durante le guerre così divenne Governatore di Jingzhou. Alcune persone s’ingelosirono di lui e così lo diffamarono. Come risultato, fu declassato e trasferito in un luogo lontano chiamato Guangzhou nella regione del Guangdong. Era un luogo selvaggio dove i criminali venivano mandati in esilio.

A Guangzhou erano inviati pochissimi compiti ufficiali, ma Tao non perseguiva mai l’agiatezza o la comodità. Trasportava un centinaio di mattoni dal suo studio al deposito ogni mattina, e poi riportava gli stessi mattoni dal deposito al suo studio la sera. Le persone erano curiose del suo comportamento e gli chiesero perché lo facesse.

Tao rispose: "Il mio scopo è quello di riguadagnare la Cina centrale in questa vita. Se io mi rilasso troppo e mi accontento, temo che non sarò in grado di compiere la mia missione".

Tao fu poi ritrasferito a Jingzhou. Anche se divenne molto più impegnato di quanto fosse a Guangzhou, ancora portava i mattoni ogni giorno per rafforzare la sua forza di volontà.

Tao Kan spesso diceva alla gente, "Dayu, il leggendario fondatore della Dinastia Xia attorno al 2100 a.C. era un saggio, ma sapeva far tesoro di ogni minuto. Noi siamo persone ordinarie, quindi dovremmo far tesoro di ogni secondo. Come possiamo noi ridurre la pressione e indulgere in giochi o nel piacere e dimenticare i nostri doveri? "

Il Sig. Tao ottenne una posizione di grande responsabilità e sopportava molte avversità. Non inseguiva le agiatezze. Era così persistente che mentre prestava servizio come Governatore di Jingzhou, fu promosso a Grande Generale di West Battlefield. Era responsabile degli affari militari di otto prefetture e gli fu dato il titolo di Sir Changsha County, diventando così un personaggio famoso nella storia.

Durante il periodo primaverile e autunnale (770 a.C.-476 a.C.), Guan Zhong, il Primo Ministro dello Stato di Qi, consigliò al Sovrano Qi Huan Gong, "non si dovrebbe perseguire il buon cibo, il comfort, ed il vino." I nostri antenati vedevano la comodità come qualcosa persino peggiore del vino avvelenato, perché la comodità può erodere la forza di volontà dell'uomo. C'è un antico detto, "si sopravvive spesso attraverso le avversità, eppure si muore nel benessere", si riferisce alla stessa saggezza.

Si afferma a Hanshu (annotazione storica della Dinastia Han): "Gli antichi consideravano l’agiatezza come un bicchiere di vino avvelenato, ed il perseguire la ricchezza come sventura. Fin dall'inizio della Dinastia Han (206 a.C.) alla venuta dell'Imperatore Xiaoping di Han (1 a.C. a 5 a.C.), guardando tra centinaia di duchi, re e imperatori, la maggior parte erano corrotti e moralmente degenerati. Perché la storia è così? Il loro ambiente e la loro posizione li fecero sprofondare in uno stato di mancanza di auto disciplina." Questa è veramente una lezione che le generazioni successive devono imparare.

Gli antichi dicevano, "I simili si radunano". La buona condotta e il carattere morale sono intrecciati. La virtù in mezzo al duro lavoro rende la gente consapevole che la vita sia dura, così si impara ad essere parsimoniosi, accarezzando le cose e sviluppando gentilezza. Quando la vita è troppo facile e comoda, la si passa oziosamente, senza freni, si diventa scortesi, egoisti, quindi è più facile generare cattivi pensieri. Così, cercare una vita di agiatezza e comodità senza virtù, è molto pericoloso per una persona.

Guardando tutto questo dal punto di vista dei coltivatori, le persone che vivono in questo mondo devono aver fatto molte cose cattive nel corso delle molte vite [reincarnazioni] e creato molto karma. Tutti i disastri che ci colpiscono nella vita e tutte le cose che incidono negativamente sui propri bisogni derivano da retribuzioni karmiche. Così come dobbiamo pagare ciò che dobbiamo agli altri, se si accumula troppo karma senza espiarlo, la prossima vita sarà infelice. Guardando la cosa dal punto di vista dei livelli di coltivazione più elevati della Scuola Buddista e della Scuola Taoista, lo scopo di vivere in questo mondo è di non cercare il piacere, ma tornare al proprio vero sé originale.

Versione inglese: http://www.clearwisdom.net/html/articles/2009/11/24/112583.html

Versione cinese: http://minghui.ca/mh/articles/2009/11/18/212733.html

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.