Liaoning: Il signor Qu Shanlin muore dopo un lungo periodo di torture nella prigione di Dongling

Nome: Qu Shanlin (曲 善 林)
Sesso: maschio
Età: 67 anni
Indirizzo: città di Fengcheng, provincia del Liaoning
Impiego: operaio, in pensione
Data di morte: 16 maggio 2012
Data di arresto: 5 settembre 2010
Posto più recente di detenzione: carcere di Dongling (东陵 监狱)
Città: Fengcheng
Provincia: Liaoning
Persecuzione subita: detenzione, condanna illegale, imprigionamento, tortura, privazione del sonno, lavaggio del cervello, percosse
Persecutori chiave: Jiang Jun (姜 军), capo della stazione di polizia di Baiqi; Fen Xizhu (樊 喜 柱), vice capo della stazione di polizia di Baiqi; Zhang Yumei (张玉海), ufficiale della stazione di polizia di Baiqi, e Cao Dejun (曹德军 ), ufficiale alla stazione di polizia di Baiqi

(Minghui.org) Un anno nella prigione di Dongling trasformò il sig. Qu Shanlin da uomo sano a uno in condizioni critiche, conducendolo alla morte.

Il signor Qu venne arrestato poiché praticava il Falun Gong nel settembre 2010 e condannato a tre anni di prigione nel dicembre dello stesso anno. Fu brutalmente torturato nella prigione di Dongling, il ché provocò il rapido deterioramento della sua salute. Alla fine al sig. Qu venne diagnosticato un cancro allo stomaco. La prigione non gli concesse la libertà condizionale medica fino alla fine del 2011, quando era già vicino alla morte. Il signor Qu morì il 16 maggio 2012, all'età di 67 anni.

Una famiglia distrutta

Il signor Qu era un operaio in pensione della città di Fengcheng, provincia del Liaoning. Afflitto in passato da una miriade di malattie, poté godere di ottima salute dopo aver iniziato a praticare il Falun Gong. Avendo sperimentato i benefici del Falun Gong in prima persona, il sig. Qu rimase fermo nella sua fede, anche dopo che il Partito Comunista Cinese (PCC) lanciò una brutale campagna per sradicare la pratica nel 1999. Di conseguenza, diventò un bersaglio della persecuzione.

Sotto gli ordini dell'Ufficio 610 (*), agenti del dipartimento di polizia di Fengcheng fecero irruzione nella casa del signor Qu nel mese di aprile 2004 e lo arrestarono poiché era un praticante del Falun Gong. Fu tenuto in un centro di detenzione e successivamente trasferito al campo di lavoro forzato di Dandong, dove venne torturato. Furono il dipartimento di polizia della città di Fengcheng e il dipartimento di polizia della città di Dandong a istigare il trasferimento.

Sua moglie successivamente crollò a causa dello shock e del terrore della persecuzione, ammalandosi gravemente. Quando fu sul suo letto di morte, la sua famiglia fece richiesta al campo di lavoro di permettere al signor Qu di vederla. Tuttavia, le autorità rifiutarono e non informarono nemmeno il signor Qu che sua moglie stava morendo. Egli seppe che sua moglie era morta solo dopo essere stato liberato.

Vessato illegalmente e torturato

Il 5 settembre 2010, il sig. Qu e altri quattro praticanti – il sig. Jiao Lin, il sig. Liang Yuncheng, il sig. Wu Jian, e la signora Sun Zhongqin - andarono al villaggio di Minzhu e al villaggio di Ziyou nella città di Baiqi per chiarire i fatti sul Falun Gong alla gente, e per dissipare le menzogne propagandate dal PCC.

Kang Qindong, un abitante del villaggio locale ingannato dalla propaganda diffamatoria del regime comunista, li denunciò alla polizia. I cinque praticanti finirono per essere arrestati. La polizia sequestrò anche l'auto del sig. Lin.

Sotto gli ordini di Wang Zhengjin e di Chen Bin della divisione di sicurezza interna, tre agenti di polizia della stazione di polizia di Baiqi – il capo Jiang Jun, il vice capo Fen Xizhu, e Zhang Yuhai- li picchiarono per la durata dell'intera notte. Essi vennero trasferiti al centro di detenzione di Erlongshan (ovvero centro di detenzione di Fengcheng) nella città di Fengcheng il giorno successivo.

I cinque praticanti del Falun Gong furono processati davanti alla corte di Fengcheng, la mattina del 23 novembre 2010. Il tribunale ammise le prove fabbricate dal dipartimento di polizia di Fengcheng in modo da poter condannare i praticanti. Il sig. Qu venne condannato a tre anni di carcere.

Il sig. Qu fece appello per l'ingiusto verdetto, ma il tribunale intermedio di Dandong rifiutò la sua richiesta di una nuova udienza e confermò la condanna originale il 10 aprile 2011. Venne mandato alla prigione di Shenyang il giorno successivo e poi trasferito al carcere di Dongling.

Il sig. Qu venne sottoposto a crudeli torture nella prigione di Dongling. Come risultato, la sua salute peggiorò rapidamente e alla fine gli venne diagnosticato un cancro allo stomaco. Quasi i due terzi del suo stomaco dovevano essere rimossi chirurgicamente. Quando le autorità carcerarie finalmente gli concessero la libertà condizionale su parola medica per motivi di salute alla fine del 2011, era già estremamente emaciato e debole.

Il signor Qu morì in casa di suo figlio il 16 maggio 2012.

La prigione di Dongling: un malvagio covo della persecuzione

Il carcere di Dongling si trova nella città di Shenyang, provincia del Liaoning. Ospita più di 800 detenuti e impiega circa 500 guardie carcerarie. È noto per la sua crudeltà verso i praticanti del Falun Gong. I praticanti di provenienza locale, così come quelli al di fuori della città di Shenyang, sono detenuti lì.

Nella prigione di Dongling a tutti i praticanti del Falun Gong è proibito comunicare con il mondo esterno, rendendo estremamente difficile esporre la brutalità della polizia all'interno del carcere. I praticanti sono anche frequentemente arrestati di nuovo dall'Ufficio 610 il giorno stesso del loro rilascio.

Quasi 10 praticanti sono stati torturati a morte in quel carcere secondo una testimonianza, ma le morti che si sospetta siano state causate dalla persecuzione nella prigione sono molte di più.

Nell'autunno del 2012, prima del 18° congresso nazionale del popolo, la prigione intensificò di nuovo la tortura dei praticanti. Le guardie privarono i praticanti del sonno e li picchiarono fino a quando riportarono lesioni gravi o divennero disabili.

Funzionari e agenzie coinvolte nella persecuzione del signor Qu Shanlin

Comitato degli affari politici e legali della città di Fengcheng

Ding Wenbo, segretario di partito del Comitato: +86-15841502111
Li Hongquan, vice segretario di partito del Comitato: +86-415-6808612, +86-415-8126046 (casa), 86-13941595008 (cell)

Dipartimento di polizia della città di Fengcheng

Wang Zhengjin, vice capo: +86-13941532188 (cell), +86-415-8133986 (ufficio), +86-415-8129718 (casa)
Li Fengjin, vice capo: +86-13941502656 (cell), +86-415-8130073 (ufficio)
Dong Mingde, vice capo: +86-13941592989 (cell), +86-415-8158589 (ufficio), +86-415-3517101 (casa)
Zhu Chongming, vice capo: +86-13940952777 (cell), +86-415-8135815 (ufficio), +86-415-8127777 (casa)
Chen Bin, capitano della divisione di sicurezza interna: +86-13941595556

(*) GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.