Tortura e abusi sessuali sulle praticanti del Falun Gong sono comuni nei centri di detenzione e nei campi di lavoro in Cina (Parte 1)

Introduzione

(Minghui.org)Al 1° marzo 2013 sono stati confermati i decessi di 3643 praticanti del Falun Gong come risultato della persecuzione e tortura in Cina. Considerando che il Partito Comunista Cinese (PCC) ha usato le sue vaste risorse per coprire i suoi crimini, la quantità delle morti confermate è solo una frazione del totale. Il vero numero è certamente molto più alto.

Il 53% di queste morti confermate erano donne.

Infatti, decine di migliaia di praticanti donne sono state sottoposte ad abusi indicibili, incluso lo stupro, aborti forzati, detenzione, torture fisiche, iniezione di sostanze sconosciute ed espianto forzato degli organi. E in aggiunta, un numero considerevole di famiglie è stato sfasciato.

Questo articolo presenta una profonda relazione sui numerosi casi di vari tipi di abusi sessuali e torture perpetrati contro le donne che praticano il Falun Gong.

Speriamo che i lettori possano stimare la severità della situazione e fare tutto ciò che è in loro potere per aiutare a fermare queste atrocità.

Praticare il Falun Gong non è un crimine. La libertà di credo è un diritto riconosciuto nella costituzione cinese, tuttavia il Partito Comunista Cinese ha perseguita implacabilmente il Falun Gong da almeno quattordici anni. Chi sosterrete nel vostro cuore? La pacifica pratica spirituale che ha portato numerosi benefici alle vite di milioni di persone nel mondo? O il brutale e corrotto regime che la perseguita?

Tavola dei contenuti

Parte A – Donne torturate a morte

- Wang Yuhuan : Vestiti intrisi di strati di sangue, muore per ferite indotte dalla tortura - Mentre respirava appena Yu Xiuling gettata dal quarto piano affinché morisse

-Wu Jingxia colpita a morte il terzo giorno della sua detenzione - Shi Yongqing è venduta da un ufficiale del Partito, in seguito stuprata e torturata a Morte

Parte B – Donne stuprate in gruppo

- Lo stupro è usato in modo abituale per abusare delle praticanti femmine del Falun Gong - Gli ufficiali proteggono i persecutori che abusano sessualmente o stuprano le praticanti donne.

Parte C – Abusi sessuali sulle donne

- Campo dei lavori forzati di Dalian: indicibili abusi sessuali sulle praticanti femmine

- Abusi al noto campo di lavori forzati di Masanjia
- A una giovane donna hanno inserito un manico di scopa nella vagina - Seni calpestati, sangue che sgorga dal naso e dalla bocca, la sig.ra Chen Chenglan è morta

Parte D – Le donne vengono drogate, provocando danni al sistema nervoso centrale

- La sig.ra Guo Min muore di una morte misera e solitaria dopo più di dieci anni di sofferenza negli ospedali mentali
- Il campo di lavori forzati femminile di Banqian in Tianjin droga le praticanti
- Il piede destro di Song Huilan iniettato con droghe velenose, si ulcera e cade.

Attenzione: Alcune immagini sono pitture

Parte A – Donne torturate a morte

L’interrogazione sotto tortura è un metodo comune che il PCC usa nel suo tentativo di fare soccombere i praticanti sotto pressione. Si conoscono più di 40 metodi di tortura che sono utilizzati dal regime, ed una porzione significativa delle vittime sono donne e anziani. Questa crudeltà viziosa ha dato luogo alle morti o alla disabilità permanente di molte persone innocenti.

Il PCC usa più di 40 metodi di tortura per brutalizzare i praticanti del Falun Gong

Wang Yuhuan: vestiti intrisi di strati di sangue, muore per ferite indotte dalla tortura

La sig.ra Wang Yuhuan di Changchun, provincia di Jilin è stata detenuta più di dieci volte e inviata ai campi di lavoro forzato nove volte prima di morire.

Dopo che la sig.ra Wang è stata arrestata l’11 marzo 2002, Gao Peng e Zhang Heng l’hanno legata e caricata nel bagagliaio della loro macchina prima di portarla a una camera di tortura la notte seguente. Hanno legato le sue gambe a una panca della tigre (*) e l’hanno fatta sedere diritta con le braccia legate dietro la schiena. Ogni cinque minuti l’hanno poi sottoposta ad un metodo di tortura noto come la “grande scossa e pressione”.

“Scossa e pressione” si riferisce a un metodo di tortura nel quale i persecutori scuotono le braccia della vittima legate dietro la schiena in avanti e indietro, lasciandola con ossa rotte e con un dolore terribile.

Hanno anche spinto la testa della sig.ra Wang il più possibile tra le sue gambe fino a che il suo collo ha ceduto quasi sul punto di rompersi. Nel frattempo, hanno tirato duramente le sue caviglie, provocandole un dolore insopportabile. Aveva tremati ed è svenuta di conseguenza molte volte.

Molto presto, i capelli e i vestiti della Sig.ra Wang sono rimasti intrisi del suo sudore, lacrime e sangue. Ogni volta che lei sveniva, versavano alternativamente dell’acqua fredda e bollente per svegliarla. L’acqua bollente ha bruciato la sua pelle già danneggiata.

Wang Yuhuan

Dopo più di quattro ore di tortura su una panca della tigre e dopo essere stata bruciata con le sigarette, la sig.ra Wang è svenuta incapace di reggere il fumo di sigaretta. I persecutori hanno versato acqua fredda per svegliarla e bruciato i suoi occhi con sigarette accese. Due dei suoi denti incisivi sono stati sradicati e la sua faccia è divenuta gonfia e blu e nera. Ha anche perso l’udito in ambedue le orecchie.

Durante i 17 giorni della sua detenzione, la sig.ra Wang è rimasta allacciata alla panca della tigre tre volte, ogni sessione di tortura era peggiore della precedente. Ad un certo punto la polizia le ha messo addosso una maglia pesante e pantaloni per evitare che altri vedessero il suo corpo insanguinato, ma i vestiti si sono presto intrisi del suo sangue. Hanno aggiunto uno strato di vestiti ancora più pesanti, solo che anche questi si sono presto intrisi di sangue.

Anche se il corpo della sig.ra Wang si era totalmente arreso e lei era sull'orlo della morte dopo essere stata torturata ripetutamente, la polizia l’ha spedita ad un ospedale della prigione per una ulteriore persecuzione.

Appena è arrivata, è stata legata ad un letto e le sono state iniettate sostanze sconosciute. Le sue gambe si sono intirizzite ed i suoi piedi sono diventati freddi. É stata anche abusata sessualmente.

Dopo che è stata rilasciata, la sig.ra Wang ha detto che lei e le altre praticanti donne erano state fatte spogliare nude e legate ad assi di legno per un totale di 26 giorni, tempo durante il quale la polizia, i dottori e i detenuti maschi hanno continuato ad umiliarle.

Il 9 maggio 2007, la sig.ra Wang è stata di nuovo arrestata e interrogata la stessa notte da agenti della Divisione di Sicurezza Nazionale. Quando è stata rilasciata aveva ferite su tutto il corpo e i suoi organi interni erano severamente danneggiati. Aveva difficoltà a ingoiare e non poteva camminare da sola. È morta il 24 settembre 2007 all’età di 52 anni.

Yu Xiuling che respirava appena gettata dal quarto piano affinchè morisse

Yu Xiuling

La sig.ra Yu Xiuling, 32 anni, era una praticante dalla contea di Chaoyang, della provincia di Liaoning. È stata portata da casa sua al centro di detenzione di Shijiazi il 14 settembre 2001. Pochi giorni dopo, alle 8 di mattina del 19 settembre, è stata trasferita al dipartimento di polizia di Longcheng per un interrogatorio.

Dopo 13 ore di tortura, respirava appena. Per coprire i loro crimini, gli agenti di polizia l'hanno gettata dal quarto piano e hanno cremato il suo corpo intorno alla mezzanotte dello stesso giorno.

Wu Jingxia colpita a morte il terzo giorno della sua detenzione

Wu Jingxia e suo figlio

La sig.ra Wu Jingxia, una praticante dal Weifang, provincia di Shandong, è stata arrestata, detenuta, colpita e le hanno estorto denaro molte volte. È stata arrestata mentre distribuiva materiale per il chiarimento della verità la mattina del 17 gennaio 2002.

La polizia l'ha portata alla stazione di polizia di Chanyeyuan, dove è stata ammanettata a un radiatore. Il giorno dopo è stata trasferita al centro di lavaggio del cervello del distretto di Kuiwen, dove è morta il terzo giorno della sua detenzione. Aveva solo 29 anni.

Quando la famiglia ha visto il suo corpo, ha notato ferite dappertutto. La sua faccia era coperta da un asciugamano e il sangue stava ancora filtrando fuori dalla sua bocca.

La sua schiena era nera e porpora e il suo collo aveva un lungo taglio rosso. Quando hanno cambiato i suoi vestiti, hanno visto che il suo osso iliaco era rotto e che l'osso stava sporgendo fuori dalla sua carne.

Essendo ancora una madre in allattamento, la sig.ra Wu non ha potuto espellere il suo latte durante i tre giorni della sua detenzione ed i suoi seni sono divenuti di conseguenza molto gonfi. Vedendo i suoi seni gonfi e già dolorosi la polizia l'ha scioccata intenzionalmente sui seni con bastoni elettrici.

Dopo la sua morte, il telefono della sua famiglia è stato messo sotto intercettazione e la libertà dei suoi cari è stata compromessa.

Shi Yongqing è venduta da un ufficiale del Partito, poi stuprata e torturata a Morte

Shi Yongqing

La sig.ra Shi Yongqing, una contadina della città del villaggio di Qizhou, città di Anguo, provincia di Hebei, è stata detenuta numerose volte per essere andata a Pechino a fare appello per il Falun Gong. È diventata mentalmente disorientata nel 2001 a causa della tortura che ha subito al campo di lavoro forzato di Baoding.

Per sfuggire alla sua responsabilità, Cao, il segretario del PCC del villaggio di Qizhou ha venduto la sig.ra Shi al villaggio di Ding nella contea Ding, dove è stata abusata e stuprata.

La sig.ra Shi in seguito ha citato in giudizio Cao per traffico umano, ma è stata spedita a un campo di lavori forzati. Dopo essere stata rilasciata dal campo, è stata inviata direttamente al centro di lavaggio del cervello di Zhuozhou, dove è morta come risultato della tortura il 27 gennaio 2005, all’età di 35 anni.

Il dipartimento di polizia locale non ha permesso alla sua famiglia di richiedere un autopsia e ha dato loro 1000 yuan per farli tacere. La sua famiglia ha dovuto seppellirla in seguito. Il suo bambino piccolo è stato ritirato dalla scuola, poiché non c’era più nessuno che si prendesse cura di lui. Traumatizzato, suo padre ha avuto un infarto e ha perso la vista da un occhio.

Parte B – Donne stuprate in gruppo

Oltre alle torture fisiche, il PCC ha consistentemente e sistematicamente usato lo stupro come mezzo per umiliare e traumatizzare le praticanti femminili.

Illustrazione della tortura: I persecutori abusano sessualmente delle praticanti

Lo stupro è usato in modo abituale per abusare delle praticanti donne del Falun Gong

Al tristemente noto campo di lavori forzati Masanjia di Shenyang, provincia di Liaoning, le autorità hanno gettato 18 praticanti donne nelle celle degli uomini e incoraggiato gli uomini a violentare le donne, il che ha portato alle morti, disabilità e instabilità mentale delle vittime.

- La sig.na Jiang, una giovane donna non sposata, è divenuta mentalmente disorientata dopo essere stata stuprata in gruppo e ha avuto un bambino dopo che è stata rilasciata. Il bambino ha adesso oltre dieci anni.

- Nel maggio 2001, il campo di lavori forzati Wanjia di Harbin, provincia di Heilongjiang ha messo più di 50 praticanti femminili nei quartieri degli uomini e hanno incitato i detenuti maschi ad abusare sessualmente di loro e stuprarle in gruppo.

- Il mese successivo, la sig.ra. Tan Guanghui della contea Bin, provincia di Heilongjiang è stata portata al reparto degli uomini, dove è stata stuprata da un gruppo di tre uomini. Successivamente all’ospedale Wanjia è stata di nuovo stuprata da una guardia. È stata anche forzata a prendere medicine sconosciute che l’hanno portata a un collasso mentale.

- La prigione femminile della provincia di Liaoning ha spogliato le praticanti donne inclusa la sig.ra Huang Xin e le ha gettate nelle celle degli uomini dove detenuti condannati a morte sono stati incoraggiati a stuprarle a volontà.

- Il campo di lavori forzati della provincia di Guangdong ha minacciato le praticanti donne e ha detto loro che sarebbero state stuprate dai detenuti maschi se non avessero abbandonato il loro credo nel Falun Gong.

- Nell’ottobre 1999, il centro di detenzione della contea di Fuyu in Qiqihar, provincia di Heilongjiang ha spogliato completamente una praticante e l’ha inviata in una cella degli uomini, dove è stata stuprata in gruppo dai detenuti maschi.

- Nel luglio 2001, agenti del dipartimento di polizia di Xingtai e del dipartimento di polizia di Qiaodong nella provincia di Hebei hanno ammanettato i piedi e le mani delle praticanti donne e le hanno stuprate nella macchina della polizia mentre le trasferivano a un centro di detenzione.

Un poliziotto si è vantato di aver stuprato tre praticanti del Falun Gong.

Gli ufficiali proteggono i persecutori che abusano sessualmente e stuprano le praticanti donne

Oltre a istigare gli abusi, il PCC cospira con i persecutori che abusano sessualmente a volontà delle praticanti femmine e li protegge. Questi villani includono la polizia, agenti dell’Ufficio 610 (*) e criminali istigati dalla polizia.

- La notte del 13 maggio 2003, una studente laureata di nome Wei Xingyan di Chongqing è stata stuprata di fronte a due detenute nel centro di detenzione di Baihelin in Shapingba. In seguito, almeno dieci praticanti sono state condannate da 5 a 14 anni per aver esposto questo “segreto di stato” sullo stupro da parte della polizia. Non si sa ancora dove si trovi la sig.ra Wei dieci anni più tardi.

- Due praticanti femmine della contea di Xinjin, Chengdu, provincia dello Sichuan, una di loro una studente di college, sono state stuprate in gruppo da Wang Tao e altri due poliziotti del distretto di Wuhou, Chengdu all’ufficio relazioni di Chengdu di Pechino il 17 marzo 2000.

- La settantenne Zou Jin di Changsha, dalla provincia di Hunan, è stata stuprata in gruppo nel Primo centro di detenzione di Changsha nel febbraio 2001 da Lei Zhen e altri poliziotti della stazione di polizia di Jingwanzi. È stata in seguito condannata a nove anni ed è adesso deceduta.

- Il capo dell’Ufficio 610 Hu Jun della contea di Zhengding, provincia di Hebei ha condotto due agenti a stuprare in gruppo tre praticanti femmine nubili inclusa la sig.ra Yu all’Hotel Guohao nel 2002.

- Gao Fei, capo dell’Ufficio 610 della città di Zhuozhou e la direzione del centro di lavaggio del cervello di Nanma nella provincia di Hebei, una volta hanno stuprato alcune praticanti detenute al centro di lavaggio del cervello. Ha anche provato a fermare le vittime dal testimoniare per loro stesse.

- Nell’aprile 2004, la sig.ra Chen Danxia dalla contea di Xianyou, provincia di Fujian è stata percossa e stuprata da un persecutore istigato dalla polizia. È rimasta incinta ed è stata forzata ad avere un aborto. Questo trauma l’ha portata ad essere mentalmente instabile. Sua madre praticante è morta come risultato della persecuzione e sua sorella più giovane, anche lei praticante, è stata condannata a sei anni.

- Mentre era detenuta all’ospedale mentale di Changzhi nella provincia di Shanxi, la diciannovenne Xiao Yi è stata stuprata in gruppo 14 volte durante tre notti. Il suo seno e corpo inferiore erano ricoperti da cicatrici dovute a bruciature di sigaretta. Era incapace di muoversi del tutto dopo la tortura..

- Nell’estate 2002, una ragazza di 9 anni (la bambina orfana di una praticante) è stata stuprata in gruppo da tre uomini all’ospedale mentale di Changping a Pechino. Le sue grida e pianti erano strappalacrime.

Parte C – Altri abusi sessuali sulle donne

I casi di praticanti donne detenute che sono state abusate sessualmente in tutta la Cina sono troppi per potersi contare. Di seguito ci sono solo alcuni esempi.

Le praticanti femmine sono abitudinariamente percosse con bastoni elettrici sul petto e parti intime

Campo di lavori forzati di Dalian: abusi sessuali indicibili su donne praticanti

Per forzare le centinaia di donne praticanti detenute ad abbandonare il loro credo nel Falun Gong, il campo di lavori forzati di Dalian nella provincia di Liaoning è ricorso a indicibili abusi sessuali causando alle vittime danni fisici e mentali irreparabili.

- La sig.ra Chang Xuexia è stata spogliata dei suoi vestiti e colpita brutalmente. Diretto dalla guardia Wan Yalin, un gruppo di persecutori ha tirato i capezzoli della sig.ra ed i peli nei suoi genitali e inserito uno spazzolino da denti nella sua vagina. Vedendo che non usciva del sangue, hanno usato uno spazzolino più grande e lo hanno spinto nella sua vagina.

- La sig.ra Wang Lijun è stata torturata con una corda spessa strofinata avanti e indietro contro i suoi genitali in tre occasioni. I persecutori hanno anche usato un bastone di legno rotto con estremità affilate per pugnalare la sua vagina, causando una emorragia e gonfiore in grande quantità al suo addome e all’area genitale. Lei non poteva tirare su i suoi pantaloni né poteva accovacciarsi giù. Aveva anche grandi problemi ad urinare.

Ricostruzione della tortura: spazzola per scarpe inserita nella vagina

- La signora Fu Shuying è stata legata su un letto in una posizione chiamata “l'aquila dispiega le ali” per più di un'ora, durante la quale i persecutori l'anno violentata con un bastone, causandole infiammazione e infezione vaginale. Hanno inoltre usato uno spazzolino da denti e lo hanno spinto nella vagina, causando emorragie diffuse. Hanno poi pompato acqua al peperoncino nella vagina.

- La signora Zhong Shujuan è stata torturata con uno spazzolino utilizzato per pulire il bagno, come conseguenza ha avuto un' emorragia.

- La signora Sun Yan è stata violentata con un coltello e il sangue ha cominciato a uscire copiosamente. Poi è stata fatta stare in piedi senza muoversi mentre il sangue scorreva fuori e gocciolava a terra. Poteva solo zoppicare dopo che era stata torturata.

- La signora Qu Sumei è stata tenuta appesa per cinque giorni di fila. I persecutori le hanno riempito la vagina con del peperoncino ed un panno umido e di conseguenza non è stata in grado di sdraiarsi per dormire per più di tre mesi.

- Alla signora Man Chunrong è stato messo del peperoncino all'interno della vagina.

Questi scioccanti metodi di tortura vanno al di là dell'immaginazione di qualsiasi persona normale e non si può paragonare neanche al comportamento dei peggiori delinquenti di strada. Eppure le guardie coinvolte erano spudorate e sostenevano di rappresentare il governo per “riformare” i praticanti.

Gli abusi al noto campo di lavori forzati Masanjia

Al campo di lavori forzati Masanjia (nella provincia del Liaoning ) le guardie non solo mandano le praticanti nude nelle celle degli uomini per essere violentate in gruppo, ma le obbligano a denudarsi davanti alla telecamera per umiliarle ulteriormente. Le guardie inoltre fanno stare queste donne fuori sotto la neve per congelarle. Questi persecutori inseriscono perfino dei bastoni elettrici nella vagina delle praticanti e danno loro la scossa.

All'inizio del 2003, Guo Tieying e alcune altre guardie hanno dato la scossa alla signora Wang Yunjie sui seni, con due bastoni elettrici simultaneamente per diverse ore senza fermarsi. Come risultato i seni della signora Wang sono stati completamente rovinati.

Il giorno seguente le guardie hanno incrociato le gambe della signora Wang una sopra l'altra e le hanno legate alla testa così forte che sembrava una palla. Poi le hanno ammanettato i polsi dietro la schiena e l'hanno appesa per le manette per 7 ore di fila. Dopo questa tortura non era in grado di sedersi, stare in piedi o camminare.

Le guardie hanno pensato che la signora Wang avesse solo poche settimane di vita così hanno chiamato la famiglia per venirla a prendere nel novembre 2003. Dopo il suo rilascio i seni si sono infettati sempre di più. É scomparsa nel luglio 2006.

I seni della signora Wang Yunjie dopo le scosse elettriche.

La signora Xin Suhua da Benxi è stata presa a calci nella zona genitale numerose volte e come risultato è entrata in coma.

Ad una giovane donna hanno inserito un manico di scopa nella vagina

La signora Hu Miaomiao della città di Zhangjiakou, provincia di Hebei, è stata mandata presso la divisione n.1 del campo di lavori forzati di Hebei il 26 giugno 2010. La guardia Wang Weiwei e dei detenuti l'hanno obbligata a stare in piedi per lunghi periodi di tempo e l'hanno picchiata duramente.

Hanno inserito le dita e un manico di scopa nella sua vagina. Tre mesi dopo le sue ferite non erano ancora guarite. Non riusciva a stare in piedi o a camminare. Il dolore è stato straziante per questa giovane donna.

Seni calpestati, sangue che esce da naso e bocca, la signora Chen Chenglan sviene.

Chen Chenglan dalla contea di Laishui, provincia di Hebei è andata a Pechino per fare appello per il Falun Gong nell'agosto del 2000. Ė stata arrestata e mandata alla scuola di Partito dove il capo villaggio di Laishui Liu Zhenfu l'ha gettata a terra e le ha calpestato i seni molto duramente.

Il sangue le è uscito immediatamente dalla bocca e dal naso ed è svenuta. I seni si sono gonfiati e sono diventati neri e viola.

Chaoyang, del secondo centro di detenzione di Pechino ha fatto cose simili ad alcune praticanti i cui nomi sono sconosciuti. I persecutori hanno messo una tavola di legno sull'addome di una vittima e quattro persone ci sono saltate sopra calpestando violentemente. Come risultato gli organi interni della vittima sono stati gravemente danneggiati e sangue e urina sono fuoriusciti dal corpo.

Un'altra praticante è stata spogliata e messa su una croce. Doveva sollevarsi dalla posizione legata.

Dipinto: Persone calpestano la parte inferiore del corpo di una vittima

Al campo di lavoro forzato femminile Shibalihe a Zhengzhou, provincia di Henan, una praticante si è rifiutata di maledire il maestro Li Hongzhi, ed è stata quindi spogliata e appesa ad un telaio in metallo della finestra. I persecutori si sono alternati afferrandole i seni, tirando verso il basso il più forte possibile. Come risultato dell'abuso il sangue fuoriusciva dai capezzoli.

Mu Chunyang e un altro poliziotto di cognome Pan da Zhugou, città di Pingdu, nella provincia di Shandong, hanno spogliato alcune donne praticanti e hanno usato delle pinze da caminetto per seviziare la vagina delle vittime mentre allo stesso tempo colpivano i loro seni ed il petto. Hanno inoltre ustionato il viso delle praticanti con le pinze riscaldate.

A una docente universitaria di 29 anni della regione autonoma dello Xinjiang hanno ammanettato le mani dietro la schiena e hanno legato i suoi capezzoli dando loro la scossa.

Parte D – Donne drogate, provocando danni al sistema nervoso centrale

Oltre agli arresti sfrenati, torture brutali e abusi sessuali, il PCC ha avvelenato alcuni praticanti, causando loro dolori insopportabili, crollo mentale e disabilità fisica.

La signora Guo Min muore di una morte miserabile e solitaria dopo più di 10 anni di sofferenze in ospedali psichiatrici.

Prima di essere arrestata la signora Guo Min lavorava all'ufficio del ramo municipale Xima nel reparto fiscale della contea di Laishui, provincia di Hubei. Poiché ha rifiutato di rinunciare alla sua fede nel Falun Gong, è stata inizialmente mandata all'ospedale psichiatrico Kangtai nella città di Huangguan nel 2000 e trasferita all'ospedale mentale della croce rossa due anni dopo.

Più di otto anni di detenzione nel secondo ospedale hanno causato danni enormi per la sua salute fisica e mentale.

L'avvelenamento da sostanze sconosciute e le torture mentali le hanno fermato il ciclo mestruale per sei anni e le hanno causato una pancia gonfia come quella di una donna incinta di nove mesi. Le è stato diagnosticato un cancro al collo dell'utero a luglio 2010.

Ingannata dal PCC, la famiglia della signora Guo aveva paura di essere perseguitata e quindi per molti anni non è stata disposta a fare appello per la sua liberazione. La signora Guo è morta senza nessuno al suo fianco il 4 aprile 2011, all'età di 38 anni.

Durante i suoi ultimi giorni all'ospedale, la signora Guo era incontinente e non aveva nessuno che si prendesse cura di lei.

Praticanti drogate nel campo femminile di lavori forzati Banqian di Tianjin.

Le guardie hanno minacciato le praticanti determinate dicendo che la conseguenza del rifiutare di essere “riformate” sarebbe stata la tortura e l'abuso fino all'insanità mentale. Segretamente hanno messo sostanze sconosciute che danneggiano il sistema nervoso centrale nei pasti, nelle bevande e nelle flebo delle praticanti.

Molte praticanti hanno avuto problemi a rispondere ad altre persone, sono diventate cieche, hanno perso la sensibilità degli arti, hanno sviluppato ipertensione e disturbi cardiaci e alcune hanno subito un collasso mentale totale.

- La signora Zhao Dewen, dal distretto Beichen nel Tianjin è stata forzata ad assumere alcune sostanze sconosciute ed ha avuto un'emorragia. É morta al campo il 3 giugno 2003.

- La signora Zhou Xuezhen del distretto Beichen è stata prelevata da casa alla fine del 2000. Durante la sua detenzione al campo di lavoro è stata spogliata e gettata in un porcile, dove è stata punta da insetti ed è morta come risultato.

- È stata anche messa in isolamento e costretta ad assumere farmaci sconosciuti. Le guardie non l' hanno fatta uscire fin quando non è diventata mentalmente instabile.

- La signora Zhao Binghong ha lavorato presso il campo petrolifero di Dagang nel Tianjin. È divenuta mentalmente disorientata dopo la tortura nel campo di lavoro. Nonostante le sue condizioni le guardie hanno detto ai carcerati tossicodipendenti e criminali di picchiarla, facendole diventare l'intero corpo blu e nero. Non è stata rilasciata fino a quando la sua condanna non è scaduta.

- La signora Chen Yumei del distretto di Dagang nel Tianjin è stata arrestata il 14 novembre 2008. É stata legata ad un letto nella posizione dell' “aquila dispiega le ali” per un totale di più di due anni. Le sono state inoltre iniettate forzatamente delle sostanze sconosciute.

Le guardie hanno inoltre volutamente pompato aria nel corpo della signora Chen sperando di vederla morire presto. É stata rilasciata dopo che è crollata mentalmente.

Ricostruzione della tortura: letto della morte

- La signora Bai Hong ha lavorato presso la clinica della salute Quanyechang nel distretto di Heping, nel Tianjin. Dopo essere stata inviata al campo di lavoro forzato nell'inverno del 2002, gli aiutanti dei persecutori l'hanno picchiata selvaggiamente e l'hanno denudata, prima di gettarla in un porcile.
La signora Bai ha fatto lo sciopero della fame per protesta e i persecutori l'hanno ammanettata al letto. L'hanno fatta anche sdraiare nuda su una lastra di cemento. Altre volte l'hanno minacciata dicendo che l'avrebbero messa insieme ai cani. Come risultato di questi abusi ha subito un crollo mentale.

- La signora Wang Jingxiang è stata sottoposta a torture mentali e fisiche al campo di lavoro forzato. Le guardie le hanno messo delle droghe sconosciute nel cibo. È diventata mentalmente disorientata e per un periodo di tempo ha perso la memoria.

- Anche la signora Mu Xiangjie è una praticante del Tianjin. É stata torturata e le sono state fatte iniezioni con sostanze sconosciute. Ad un certo punto ha avuto un crollo mentale e difficoltà a controllare i propri pensieri.

- La signora Wang Yuling è del distretto di Dagang. A causa delle sostanze sconosciute immesse nel suo organismo, una volta ha perso la vista da entrambi gli occhi e la sensibilità della parte inferiore del corpo. Quando i persecutori l'hanno trascinata per il pavimento non aveva neanche idea che le scarpe le erano cadute.

- La signora Ma Zezhen viene da Wuqing, nel Tianjin. Era una persona molto sana quando è stata mandata per la prima volta nel campo di lavoro forzato. Nel 2001, le guardie hanno istigato alcuni detenuti per forzarla ad assumere alcune sostanze sconosciute per due volte al giorno.

Ogni volta, alcune persone la tenevano a terra e le chiudevano il naso per metterle delle droghe in bocca. Lo hanno fatto per due anni di seguito e la sua salute si è deteriorata drammaticamente. Aveva difficoltà anche a camminare.

Iniezioni di sostanze velenose, il piede destro di Song Huilan si infetta e cade.

La signora Song Huilan della fattoria di Xinhua, città di Hegang, provincia di Heilongjiang è stata perseguitata in numerose occasioni. Nel dicembre 2010, è stata arrestata dagli agenti della stazione di polizia di Hengtoushan nella contea di Huachuan, città di Jiamusi, provincia di Heilongjiang. Durante la prigionia nel centro di detenzione della contea di Tangyuan, le sono state iniettate droghe sconosciute. Ben presto la sua mente è diventata lenta e aveva difficoltà a controllare i movimenti. La gamba destra le è diventata nera e si è infettata. Il suo cuore soffriva terribilmente.

Il piede destro di Song Huilan è caduto.

Il 23 febbraio 2011, il capo del centro di detenzione Yan Yong ha ordinato ad alcune persone di ammanettare la signora Song al letto. Velocemente le hanno iniettato un'intera bottiglia di flebo composta di sostanze sconosciute. Si è subito sentita male ed è caduta a terra incapace di parlare.

In seguito ha perso sensibilità sotto le ginocchia. Il corpo e la lingua erano ridigi e non poteva camminare. Inoltre è diventata incontinente e sempre più debole. La sua mente era diventata molto lenta nel rispondere agli stimoli.

Nelle prime ore del 28 febbraio, ha sentito un profondo dolore nel suo cuore e non poteva resistere più a lungo. Quando il dottore del centro di detenzione l'ha visitata il giorno seguente, ha detto che la gamba era completamente infetta e inutilizzabile. In quel periodo aveva delle grandi bolle viola nella gamba destra.

Dopo il suo rilascio non poteva parlare né usare le mani o le gambe. Non aveva più il controllo del suo corpo. La parte superiore del piede destro e tutte le dita dei piedi erano nere e trasudavano sangue. Erano dure al tatto.

La sua gamba destra peggiorava di continuo e la situazione diventava sempre più difficile giorno dopo giorno. Ogni piccolo movimento le provocava delle fuoriuscite di sangue dalla gamba.

Sua figlia e sua sorella maggiore hanno fatto del loro meglio per accudirla notte e giorno. Oltre alla gamba in queste drammatiche condizioni aveva un tremendo dolore al cuore. Ogni secondo era un dolore insopportabile. Il 25 maggio 2011, il piede destro si è staccato dalla gamba.

(Continua)

(*) GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.