WenCheng - La principessa cinese più amata della dinastia Tang in Tibet

La principessa WenCheng, la più amata principessa cinese della dinastia Tang in Tibet (Jane Ku/Epoch Times)

Nella storia cinese, stabilire legami matrimoniali con altri Stati era una pratica strategica per mantenere la pace iniziata con la dinastia Han (200 a.C.), ma il matrimonio della principessa Wencheng con il Zanpu (o re) del Tibet durante il regno dell'imperatore Taizong della dinastia Tang si dimostrò uno degli esempi di maggior successo.

Nel 632 d.D, Songtsan Gambo, un giovane re tibetano di grande talento riunificò il Tibet e divenne un eroe nazionale. Il suo successivo tentativo militare contro la Cina, tuttavia, non ebbe successo. Vedendo che la Cina sotto la guida dell'imperatore Taizong stava diventando il paese più potente e prospero nel mondo, il re tibetano decise di conquistare una principessa cinese dopo che era stato rifiutato la prima volta. Secondo storie tibetane, era completamente occupato nel consolidare il suo regno, così mandò il suo cancelliere più scaltro come rappresentante con cento tesori e oltre un centinaio di guardie d'elite a Chang'an (capitale cinese della dinastia Tang) per proporre il matrimonio.

La principessa Wencheng era ben nota per la sua bellezza, intelligenza ed eleganza, per cui una dozzina di altri regni si erano già recati a Chang'an con lo stesso scopo dell'inviato tibetano. Per correttezza, l'imperatore Taizong decise di organizzare un concorso con cinque prove (o sei secondo alcune storie tibetane) e dichiarò che avrebbe accettato la proposta di matrimonio di qualsiasi monarca il cui inviato fosse riuscito per primo a passare le prove.

Secondo i racconti tibetani, la prima prova fu quella di passare un filo di seta attraverso un foro in una perla. L'inviato tibetano applicò del miele alla fine del foro e poi legò il filo di seta ad una formica e la introdusse nel tunnel con una delicata spinta. La formica seguì il profumo del miele e attraversò il tunnel con il filo legato dietro.

La seconda prova fu quella di abbinare 100 puledri alle loro rispettive madri. L'inviato tibetano separò le cavalle dai puledri e non diede niente da mangiare e da bere ai puledri per un giorno. Il secondo giorno mise i puledri e le cavalle di nuovo insieme. I puledri affamati corsero dalle loro madri per l'allattamento, per cui le loro relazioni madre-figlio diventarono facilmente riconoscibili.

L'intelligente inviato tibetano passò tutte le prove compresa l'ultima, che consisteva nell’individuare la principessa Wencheng in mezzo ad alcune centinaia di altre belle ragazze. Nessuno degli inviati aveva mai visto la principessa Wencheng prima, ma l'astuto inviato tibetano aveva raccolto informazioni da una signora che aveva incontrato, che una volta aveva servito la principessa, così riuscì ad individuare la principessa Wencheng nel gruppo.

L’imperatore Taizong rimase così colpito da questo inviato tibetano che gli offrì una posizione ufficiale nella dinastia Tang che fu però gentilmente respinta dall'inviato. L'imperatore ne fu comunque contento e disse: "Ha un assistente intelligente e leale al suo servizio, il tuo re deve essere un saggio!"

Come buddista, la principessa Wencheng voleva vedere il suo matrimonio contribuire alla pace tra il Tibet e la dinastia Tang. Chiese all’imperatore Taizong di permetterle di portare una preziosa statua di Buddha con lei per promuovere il buddismo in Tibet per un migliore stato di pace e tolleranza. Inoltre, oltre a oro, gioielli e mobili di pregio che l'imperatore le aveva dato in dote, la principessa Wencheng richiese in particolare sementi, attrezzi agricoli, sete, porcellane, strumenti musicali, libri di medicina e di introdurre le competenze agricole e i metodi di produzione più avanzati alla cultura nomade predominante in Tibet. Sentendo questo, l'imperatore Taizong sorrise con lode, "E’ così fortunato il re del Tibet a poterti sposare, porterai gioia in tutto il Tibet".

Quando la principessa Wencheng venne scortata in Tibet, Songtsan Gambo condusse il suo esercito al confine per accogliere la sua sposa. Il matrimonio tra Songtsan Gambo e la principessa Wencheng ebbe un impatto profondo tra il Tibet e la Cina della dinastia Tang. È stato ampiamente riconosciuto che sono state la principessa Wencheng e la principessa Bhrikuti Devi di Nepal, entrambe mogli di Songtsan Gambo, a introdurre il buddismo in Tibet. Il monastero di Jokhang fu costruito appositamente per ospitare la statua del Buddha portata dalla principessa Wencheng. I semi selezionati per l'ambiente furono piantati in Tibet e fiorirono, mentre gli artigiani di Tang introdussero metodi agricoli più avanzati per migliorare la produttività agricola della cultura nomade predominante in Tibet e gli artigiani migliorarono le loro capacità di tessitura, fabbricazione di carta e inchiostro per il popolo tibetano. La pace durò per un tempo molto lungo e la via della seta divenne un collegamento sicuro e solido tra la Cina Tang e il Tibet.

Quando la principessa Wencheng morì nel 680 d.C, il Tibet preparò un grandioso funerale per l’amata principessa e la dinastia Tang inviò un emissario in Tibet a piangere la morta. Molti miti e racconti leggendari della principessa Wencheng e Songtsan Gambo sono diffusi in Tibet. Oggi la statua della principessa Wencheng, costruita 1.300 anni fa, è ancora conservata e venerata a Lhasa. Conosciuta come Cyasa (moglie cinese di Tang), la principessa Wencheng a volte è riconosciuta e adorata come la dea della misericordia nel buddismo tibetano, e il popolo tibetano ancora oggi ha molto rispetto per il suo compleanno e il giorno del suo arrivo in Tibet.

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.