14 anni di resistenza pacifica: il Falun Gong getta i semi per il ritorno dei valori in Cina (Parte 2)

(Minghui.org)

Continua dalla Parte 1

Quattordici anni di resistenza alla persecuzione hanno convalidato il principio immutabile per cui il bene trionfa sempre sul male. Questo articolo e la parte 3 presentano una cronologia e alcuni casi specifici per lasciare un resoconto storico e per dare un avvertimento a coloro che ancora stanno partecipando alla persecuzione.

Oltre ad un riepilogo cronologico, i grandi eventi sono documentati anche nelle seguenti categorie:

Fuori dalla Cina: risoluzioni e altro supporto internazionale per esporre la persecuzione del Pcc, gli sforzi legali e i risultati.

Dentro la Cina: gli sforzi legali e i risultati del supporto al Falun Gong da parte dei cinesi.

Sintesi degli ultimi 14 anni

1999

ll Partito Comunista Cinese (Pcc) il 20 luglio 1999 lancia la sua persecuzione del Falun Gong a livello nazionale. All'inizio l'atmosfera malvagia sembra pervadere ogni livello della società e sembra invincibile.

Tuttavia, molti praticanti del Falun Gong, senza paura iniziano a protestare contro la persecuzione. Il 22 luglio 1999, il giorno che il Pcc annuncia la persecuzione, centinaia di migliaia protestano pacificamente a diversi livelli di governo.

Il 25 Ottobre 1999, Jiang Zemin, allora capo del PCC, calunnia il Falun Gong chiamandolo una «setta». Centinaia di praticanti del Falun Gong, per protestare si recano a Piazza Tienanmen e presso la grande sala del popolo, al Congresso nazionale del popolo.

Circa 1.000 praticanti, il giorno successivo, si recano a Piazza Tiananmen e all'Ufficio Nazionale Ricorsi per protestare. Il 27 ottobre 1999 circa 600 praticanti espongono striscioni a Piazza Tiananmen.

Il 28 ottobre 1999 viene tenuta una conferenza stampa nel sobborgo di Pechino. Senza nascondere la loro identità, circa 30 praticanti del Falun Gong parlano con i giornalisti dall'Associated Press (AP), Reuters, Agence France-Presse (AFP), New York Times e altri media occidentali. Questa era la prima volta che dei cinesi praticanti rilasciavano interviste sulla persecuzione ai media occidentali.

Una foto scattata alla conferenza stampa del 28 Ottobre 1999

Reuters e AP quel giorno pubblicano un rapporto. Il giorno successivo, il New York Times, South Morning Post Cina e parecchi altri giornali europei pubblicano articoli e foto.

Nel novembre 1999, la Camera dei Rappresentanti degli USA e il Senato approvano all'unanimità una risoluzione simultanea e sollecitano la Cina a interrompere la persecuzione del Falun Gong.

2000

Anche se l'obiettivo del Pcc di «eliminare il Falun Gong entro tre mesi» dimostra di essere un fallimento, Jiang Zemin non demorde. La persecuzione viene intensificata.

I praticanti del Falun Gong perseverano nella loro fede e portano avanti molti approcci innovativi per chiarire i fatti sulla persecuzione sia dentro che fuori la Cina.

Zhu Keming

Il 29 agosto 2000, il praticante di Pechino Wang Jie e il praticante di Hong Kong Zhu Keming spediscono una denuncia legale alla Suprema Procura Cinese del Popolo, chiedendo che Jiang Zemin e due dei suoi seguaci vengano processati per aver violato, nella loro brutale persecuzione del Falun Gong, la Costituzione cinese e numerose altre leggi,.

2001

Il 10 gennaio 2001 viene rilasciato il professor Zhang Kunlun, cittadino canadese, due mesi dopo essere stato condannato a tre anni in un campo di lavoro forzato. Questo è il primo caso in cui va a buon fine la liberazione di un praticante del Falun Gong con l'aiuto della comunità internazionale.

Il 23 gennaio 2001 il Pcc organizza un auto-immolazione in Piazza Tiananmen, alla vigilia del capodanno cinese e afferma che sia stata messa in atto dai praticanti del Falun Gong. I praticanti subito sottolineano che si tratta di una menzogna e di una messa in scena.

I praticanti iniziano subito a chiarire direttamente la verità al popolo cinese. Azioni legali volte a consegnare i colpevoli alla giustizia vengono portate avanti dai praticanti che si trovano al di fuori della Cina.

Il 4 gennaio 2001 viene creato il sito web Fawanghuihui. È specializzato nella raccolta di casi di persecuzione e contiene i nomi dei colpevoli e altre informazioni.

Il 21 dicembre 2001 i praticanti del Falun Gong vincono la causa contro Zhao Zhifei, capo della Pubblica Sicurezza cinese nella provincia dello Hubei. Zhao rifiuta di presentarsi in tribunale per contestare le accuse di tortura, omicidio e crimini contro l'umanità.

Anche Zhou Yongkang, allora segretario di partito nella provincia dello Sichuan, viene citato in giudizio negli Stati Uniti per reati analoghi nel 2001.

2002

La propaganda del Pcc non ha il coraggio di pubblicare relazioni per diffamare il Falun Gong. Jiang Zemin, capo del Partito, mantiene da solo la sua posizione di Presidente CMC (presidente della Commissione militare centrale).

Durante la sua visita a Chicago, Jiang Zemin, segretario generale del Partito Comunista Cinese, viene citato in giudizio il 22 ottobre 2002 per la persecuzione dei praticanti del Falun Gong. Una denuncia legale riguardante la tortura e il genocidio viene depositata presso la Corte Distrettuale del Distretto settentrionale dell'Illinois negli Stati Uniti.

Nell' ottobre 2002, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) approva l'istanza di sei praticanti del Falun Gong in Giappone. Da allora gli sforzi globali per salvarli vengono lanciati in 16 paesi e regioni. Decine di praticanti vengono salvati in Europa, Australia e Nord America attraverso lo status di rifugiati dell'UNHCR.

2003

Il sito web Minghui - sito ufficiale del Falun Gong - pubblica un annuncio il 14 novembre 2003, dove raccomanda ai praticanti in Cina di conservare le prove della persecuzione e trasferirle al di fuori della Cina.

Altre cause sono state depositate al di fuori della Cina contro Jiang Zemin e altri autori principali. Si prega di vedere i dettagli nella parte 3.

Il sito web Fawanghuihui ha presentato due relazioni di oltre 4.000 pagine all'Ente di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite. I rapporti contenevano informazioni riguardanti oltre 11.000 poliziotti, funzionari del Pcc e quelli direttamente responsabili della persecuzione.

2004

Da questo momento il bene comincia a prevalere sul male. Alla fine del 2004, i cinesi iniziano a dimettersi dal Pcc e dalle sue organizzazioni affiliate. Il movimento «dimettersi dal Pcc» è ispirato dai Nove Commentari sul Partito Comunista, una serie di editoriali di Epoch Times.

Jiang Zemin perde la sua unica posizione ufficiale nel Pcc: presidente del CMC.

Il 19 Luglio 2004 in Tanzania, Chen Zhili, l'ex Ministro dell'Istruzione e poi membro del Consiglio di Stato, deve comparire obbligatoriamente in tribunale. Era stato denunciato durante la sua visita in Tanzania da un team di avvocati internazionali per i diritti umani che rappresentano i praticanti del Falun Gong perseguitati in Cina.

Dopo un processo di un anno, l'8 dicembre del 2004, il giudice Wilkin della United States District Court del Northern District della California ha confermato la sentenza di un magistrato: viene dichiarato che il segretario del Partito Comunista di Pechino Liu Qi è responsabile per i crimini di tortura e crimini contro l'umanità condotti dalla polizia, sotto la sua amministrazione, durante la persecuzione del Falun Gong.

2005

Il 18 ottobre 2005 Epoch Times pubblica che il numero di cinesi dimessi dal Pcc e dalle sue organizzazioni affiliate raggiunge i 5.000.000.

Il 9 ottobre 2005 le Associazioni della Falun Dafa (Falun Gong) annunciano che tutti i funzionari del Pcc dovrebbero immediatamente smettere di partecipare alla persecuzione del Falun Gong. Essi saranno ritenuti responsabili per i loro crimini attraverso cause civili e penali. L'annuncio esorta coloro che ora comprendono di aver commesso reati, a inviare le loro scuse al sito web Minghui o alle varie associazioni locali della Falun Dafa.

2006

Il prelievo forzato di organi sui praticanti del Falun Gong viene reso pubblico. Questo crimine è stato chiamato: «una forma di malvagità senza precedenti su questo pianeta».

Nel maggio 2006, il sistema politico e giuridico del Pcc ha rilasciato un documento interno per informare tutti i livelli riguardo la domanda pubblica di 400 avvocati cinesi che vogliono ripristinare la reputazione del Falun Gong. Nonostante il documento abbia lo scopo di chiedere a tutti i livelli di minacciare gli avvocati cinesi, mostra il potere unito dei retti professionisti legali in Cina.

2007

Tra il 3 gennaio e il 16 maggio 2007 Shen Yun Performing Arts, composto principalmente da praticanti del Falun Gong, presenta 81 spettacoli di danza e musica classica in 33 città di 4 continenti. Oltre 200.000 spettatori provenienti da diverse etnie apprezzano le esibizioni, che mostrano la cultura tradizionale cinese di ispirazione divina. Shen Yun da allora diventa un fenomeno culturale globale.

Il potere di Jiang Zemin e dei suoi più stretti seguaci del Pcc diminuisce. Quello di Jiang era il gruppo principale che sosteneva la persecuzione del Falun Gong in Cina. Altre denunce vengono depositate, al di fuori della Cina, contro i principali responsabili. Si prega di vedere i dettagli nella parte 3.

2008

Poco prima delle Olimpiadi di Pechino del 2008, il Pcc cerca di lanciare un altro giro di vite per perseguitare i praticanti del Falun Gong. Tuttavia, la persecuzione sta perdendo la sua forza, e non può essere portata avanti come fatto nel 1999 o 2000.

Il 16 gennaio 2008 due praticanti del Falun Gong cinesi, in visita nella Corea del Sud, vincono in tribunale il loro processo per l'immigrazione. Questa è la prima volta che un paese asiatico riconosce lo status di rifugiato ai praticanti del Falun Gong a causa della persecuzione in Cina.

2009

Il bene prevale sempre di più.

Nel novembre 2009, la Corte Nazionale Spagnola ha incriminato cinque alti funzionari del Pcc, tra cui l'ex capo del Partito Comunista Jiang Zemin e i suoi seguaci Luo Gan, Bo Xilai, Jia Qinglin e Wu Guanzheng, con l'accusa di genocidio e tortura dei praticanti del Falun Gong. La Corte ha emesso una convocazione nei confronti dei cinque funzionari del Pcc e ha chiesto loro di spiegare la condotta genocida, compresa la raccolta di organi da praticanti del Falun Gong per profitti di lucro.

In data 17 dicembre 2009, dopo una indagine di quattro anni, il giudice Octavio Araoz de Lamadrid della Corte Federale Argentina n ° 9 prende una decisione storica. Lamadrid emette dei mandati d'arresto per l' ex leader del Partito Comunista Cinese Jiang Zemin e Luo Gan, ex capo dell'Ufficio 610, per il loro ruolo nella persecuzione del Falun Gong. I due alti funzionari del Pcc vengono accusati di crimini contro l'umanità. Il giudice Lamadrid ordina al Dipartimento dell'Interpol della Polizia Federale Argentina di effettuare l'arresto.
2010

I praticanti del Falun Gong vincono una causa contro il governo di Hong Kong per aver ceduto alle pressioni di Pechino e aver bloccato gli spettacoli di Shen Yun a Hong Kong. Il giudice decide che le azioni del governo di Hong Kong sono illegali.

Nel mese di aprile 2010, Huang Liqiao, una praticante del Falun Gong di Tianjin, cita in giudizio la ditta presso la quale lavora, la Tianjin Pipe (Group), per averla illegalmente licenziata durante la sua detenzione nei campi di lavoro. Anche se il Pcc vieta all'autorità giudiziaria di assumere casi di praticanti del Falun Gong, la corte di Dongli nella città di Tianjin è costretta a farsi carico del caso per la giustizia della praticante.

Ci sono stati anche casi in cui la dignità e la rettitudine dei praticanti del Falun Gong hanno vinto. Sono stati in grado di tornare a casa dopo processi farsa. Maggiori dettagli sono inclusi nella parte 3: «sforzo legale e risultati all'interno della Cina».

2011

All'interno della Cina vengono depositate altre cause che sostengono i praticanti del Falun Gong e contro gli autori della persecuzione. Molti cinesi si fanno avanti per salvare i praticanti del Falun Gong locali. Si prega di vedere i dettagli nella parte 3: «cinesi supportano i praticanti del Falun Gong».

2012

Wang Lijun, allora vice sindaco e capo dell'Ufficio di Pubblica Sicurezza di Chongqing, organizza un incontro il 6 febbraio 2012 presso il consolato degli Stati Uniti a Chengdu e vi rimane per circa 24 ore. Rivela i dettagli del coinvolgimento di Bo Xilai nell'espianto forzato di organi da praticanti del Falun Gong.

Bo Xilai era allora il segretario del Partito Comunista di Chongqing. Wang Lijun era il suo protetto, ma il loro rapporto si era inacidito.

La visita di Wang Lijun al consolato degli Stati Uniti ha dato il via a un effetto domino, che porta alla caduta di alti funzionari del Pcc.
Bo è stato rimosso come capo del Partito di Chongqing nel marzo 2012 e sospeso dal Politburo nel mese successivo.

Jiang Zemin aveva scelto Bo come suo successore per portare avanti la persecuzione. Con la caduta di Bo e le dimissioni di Zhou Yongkang dal Comitato permanente del Politburo del Pcc nel novembre 2012, Jiang è stato lasciato senza successori. Per lui diventa sempre più grande il rischio di venire portato davanti alla giustizia a causa della persecuzione.

Il 28 maggio 2012 Jiang Xiaoyan, Luo Yanjie, Tian Xiaoping, Ge Xin, Yue Boqing, e Kang Changjiang vengono illegalmente giudicati dalla Corte Shuangcheng nella provincia dello Heilongjiang. Assumono cinque avvocati per la difesa.

I sei praticanti chiedono che tutti i membri del Partito Comunista lascino l'aula. Dichiarano che questa richiesta è stata avanza perché c'era un conflitto di interessi tra loro e i membri del Pcc. Il giudice viene colto impreparato e decide, prima di procedere, di fare una pausa di cinque minuti durante i quali riferisce al suo superiore. Un avvocato ha spiegato che l'evento è senza precedenti nella storia dei casi connessi al Falun Gong.

2013

Nel settembre 2013 Bo Xilai, allora segretario del Partito Comunista di Chongqing e mente organizzatrice del prelievo forzato di organi da praticanti del Falun Gong, viene condannato all'ergastolo.

Il Pcc annuncia che chiuderà tutti i campi di lavoro entro la fine dell'anno.

Li Dongsheng, vice ministro della pubblica sicurezza e capo dell'Ufficio 610, è sotto inchiesta, secondo un recente annuncio dei media statali in Cina. Zhou Yongkang, ex capo della sicurezza interna e uno dei principali sostenitori di Li nel Partito, si dice sia stato arrestato o sia agli arresti domiciliari. Zhou ha giocato un ruolo chiave nell'attuazione della persecuzione del Falun Gong attraverso l'Ufficio 610 e altri PLAC (Comitati per gli affari politici e legislativi).

Tutto questo fa capire che la giornata in cui gli autori saranno ritenuti responsabili è proprio dietro l'angolo.

La parte successiva documenta i principali eventi divisi in diverse categorie.

(Continua)
Articoli correlati (cinese):
http://www.minghui.org/mh/articles/2013/12/22/十四年反迫害-扫除邪恶(上)-284334.html
http://www.minghui.org/mh/articles/2013/12/23/十四年反迫害-扫除邪恶(中)-284335.html
http://www.minghui.org/mh/articles/2013/12/24/十四年反迫害-扫除邪恶(下)-284337.html

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.