Kou Zhun – Un potente cancelliere senza casa nella terra che ha governato
 

Kou Zhun – Un potente cancelliere senza casa nella terra che ha governato

(SM Yang/Epoch Times)

Kou Zhun (961-1023) servì il Paese come cancelliere durante la dinastia Song e viene spesso ricordato come un potente cancelliere senza casa nella terra che ha governato.

Il padre di Kou Zhun morì quando era ancora piccolo, sua madre tesseva per guadagnarsi da vivere. Fu un periodo difficile specialmente per sua madre, che comunque diede molto amore a Kou Zhun. Tuttavia, quando il giovane Kou Zhun si perdette tra le passioni materiali, la madre, presa dalla furia, gettò contro Kou Zhun un oggetto che gli finì sul piede. La madre e il figlio rimasero scioccati nel vedere il piede sanguinare e la madre gli medicò la ferita in lacrime. Quest’incidente scosse Kou Zhun e lo fece diventare più determinato negli studi.

Kou Zhun superò gli esami imperiali e divenne un ufficiale di governo. Sua madre si ammalò gravemente in quel periodo. Prima di morire, diede alla loro fedele serva un dipinto fatto da lei e chiese alla serva di darlo a Kou Zhun se egli si fosse perso in uno stile di vita lussuoso.

Anni dopo, Kou Zhun divenne cancelliere e il suo amore per il lusso crebbe con la sua potenza. Un giorno, mentre stava progettando di tenere un banchetto per la sua festa di compleanno, la vecchia serva presentò il dipinto lasciato dalla madre di Kou, sentendo che fosse arrivato il momento giusto. Sul dipinto c'era una poesia scritta dalla madre di Kou Zhun dove consigliava di non dimenticare le difficoltà che avevano passato e le difficoltà simili che la maggior parte delle persone ancora soffrono. In lacrime, Kou Zhun immediatamente annullò la festa di compleanno e restituì tutti i doni ricevuti.

Kou Zhun era retto e onesto nel suo lavoro. Nella primavera del 991 d.C., ci fu una grave siccità che durò per mesi. L'Imperatore riunì tutti i ministri per discutere la soluzione. Quando gli fu chiesto il suo parere, Kou rispose: «Noi crediamo che il Cielo favorirà una società giusta. Per me quello che sta accadendo è un segno del Cielo, ci indica che ci sono delle ingiustizie che meritano di essere investigate».

A quel tempo, accadde che il fratello di un ministro venisse punito in maniera molto indulgente per aver commesso un grave reato di corruzione mentre un ufficiale di rango inferiore era stato giustiziato per un reato minore. Sentendo questo, il ministro a corte rimase pietrificato dall’informativa dell'imperatore e si mise in ginocchio implorando pietà. Il comportamento di Kou in tale evento mostrò inoltre un chiaro avvertimento per gli altri funzionari corrotti.

Quando Song venne attaccata improvvisamente dai Khatani da nord, Kou Zhun insistette per convincere l'imperatore a far visita all'esercito per migliorare il morale delle truppe. Dopo questo incoraggiamento, le truppe combatterono e respinsero i nemici da una posizione svantaggiata riuscendo infine a raggiungere un accordo con i Khatani.

Sebbene Kou Zhun godesse di prestigioso e fosse potente, visse una vita semplice nei decenni in cui lavorò a corte. Uno dei suoi migliori amici, Wei Ye, lo descrisse in una poesia come un potente cancelliere senza casa nella terra che governava. La poesia venne diffusa e persino un messaggero di una tribù del Nord chiese informazioni su di essa quando fece visita alla capitale Song.

Kou viene ricordato come un nobile e retto primo ministro della dinastia Song nella storia cinese.

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.