L'importanza di giocare un ruolo guida nel salvare i praticanti della Dafa imprigionati

(Minghui.org) Molti praticanti della Falun Dafa in Cina hanno fatto ricorso a degli avvocati nel tentativo di salvare i praticanti condannati illegalmente. Tuttavia, in molti casi, i risultati non sono stati quelli sperati.

Alcuni avvocati non hanno fatto altro che fare un appello per l'innocenza del loro cliente durante l'ultimo giorno del processo. Dopo di che il presidente ha proseguito con la sentenza di condanna.

I praticanti che non si sono guardati dentro non sono stati in grado di comprendere che le azioni della gente comune intorno a loro erano il risultato diretto dei loro attaccamenti. Invece di giocare un ruolo di primo piano, questi praticanti hanno contato troppo sugli avvocati.

Il Maestro ci ha insegnato:

"Tutti gli esseri contano su di voi!" (Insegnamento della Fa alla conferenza della Fa di Filadelfia-USA 2002).

Non possiamo aspettarci che questi avvocati - che sono essi stessi in attesa di essere salvati da noi - abbiano lo stesso pensiero e lo stesso senso di giustizia di un praticante. Come ha sottolineato un avvocato: "Gli avvocati forniscono servizi legali e salvaguardano i diritti dei clienti. Non esiste una cosa come un avvocato retto. Quindi non sopravvalutate colui che avete scelto per rappresentarvi!".

Il Partito Comunista Cinese (PCC) perseguita il Falun Gong dal luglio 1999. E' risaputo che le sue azioni violano la costituzione cinese, vietando agli avvocati di difendere i praticanti della Dafa. Ma alcuni avvocati coraggiosi, con una forte sensibilità per i diritti umani, scelgono comunque di difendere i praticanti dopo aver appreso la verità. Di conseguenza questi avvocati diventano invariabilmente un obiettivo della soppressione del PCC.

Alcuni praticanti credono erroneamente che gli avvocati cinesi dovrebbero aiutarli a salvare i praticanti incarcerati ingiustamente. Ma non sono questi avvocati stessi delle persone comuni? Non perseguono forse anche loro fama, profitto e sentimentalismo?

Ci sono anche i praticanti che contano sugli avvocati per chiarire in modo completo la verità durante i processi. Queste intenzioni sono buone: vogliono salvare tutti i presenti, compresi gli agenti di polizia, i pubblici ministeri e il giudice. Tuttavia il loro approccio si discosta completamente da ciò che i praticanti della Dafa dovrebbero fare.

Come un avvocato ha sottolineato: "Non è compito di un avvocato spiegare la verità della persecuzione in tribunale; piuttosto egli si limita a fornire un servizio legale!". In quanto praticanti dovremmo tenere a mente queste parole.

Il Maestro Li ci ha insegnato:

“E alcuni pensano: “Nel mondo ci sono così tante nazioni democratiche, perché non si fanno sentire? Che cosa stanno facendo le Nazioni Unite?” In superficie, le cose appaiono così. Ma in realtà, io posso dirvi, che cosa riflette questo? Noi siamo troppo dipendenti dagli esseri umani. Se fossero gli esseri umani a porre termine alla persecuzione, che vergogna sarebbe per i discepoli della Dafa: noi non avremmo convalidato la Fa e non avremmo costituito una possente virtù nella persecuzione, i nostri discepoli della Dafa non avrebbero tracciato il loro sentiero”. (Insegnamento della Fa alla Conferenza della Fa degli Stati Uniti centro-occidentali 2003)

Prima di assumere un avvocato può essere una buona idea sottoscrivere un contratto che indichi chiaramente quello che ci si aspetta da lui, compresa una scheda dettagliata delle sue spettanze.

La chiave per i praticanti della Dafa è di giocare un ruolo di primo piano nel rapporto avvocato-cliente; avere sufficienti pensieri retti e incoraggiare sinceramente gli avvocati in modo che essi siano in grado di scegliere un futuro luminoso per se stessi.

Non dobbiamo mai contare sugli avvocati per spiegare i fatti della persecuzione, né dovremmo lasciare che le vecchie forze approfittino delle nostre lacune!

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.