Alcuni pensieri dopo aver letto la nota di Minghui riguardo le denunce a Jiang

(Minghui.org) Quando ho letto "Nota riguardo le denunce a Jiang" pubblicato sul sito Minghui il 7 settembre con il commento del Maestro, un pensiero mi è apparso in mente: "Se la nota fosse stata pubblicata prima non avrei fornito le mie informazioni personali e il mio telefono non sarebbe stato messo sotto controllo".

Non mi pento di aver usato il mio vero nome

Mi sono subito reso conto che si trattava di un pensiero umano egoista e che mi stavo lamentando. Sapevo di dover negare questi pensieri.

Il Maestro ha detto:

“Tutto ciò che una persona incontra nella coltivazione è una cosa buona” (Insegnamento della Fa durante la Giornata Mondiale della Falun Dafa)

Il Maestro ha anche detto:

“In effetti, è giusto citarlo in giudizio, (applauso entusiastico dai discepoli) tutta l'umanità deve citarlo in giudizio. Ha danneggiato tutti i cinesi, così come molte persone in altre regioni nel mondo. Così tante persone stanno per essere trascinate all'inferno a causa delle sue menzogne” (Insegnamento della Fa alla Conferenza della Fa di New York 2015)

Quindi citare in giudizio Jiang non è sbagliato. Questo è ciò che i praticanti della Dafa dovrebbero fare e dovremmo farlo bene. Tutto è sotto il controllo del Maestro. Indipendentemente dal fatto che siamo stati perseguitati o no, a condizione che viviamo la cosa dalla prospettiva del salvare esseri senzienti, il fatto di citare in giudizio Jiang non dovrebbe divenire un'altra scusa per le vecchie forze per poter perseguitare i praticanti.

Non perdere la possibilità

Sono un dipendente pubblico con un buon lavoro. Temevo di poter essere perseguitato o perdere il mio posto di lavoro se avessi presentato la denuncia contro Jiang usando il mio vero nome.

Il Maestro ha detto:

“Questo perché lui ha coltivato fino a quel punto o, in altre parole, la sua capacità di comprendere, la sua xinxing e la sua saggezza si sono elevate fino a quel piano”. (“Sesta Lezione” Zhuan Falun)

Ho capito che citare in giudizio Jiang fa parte della nostra coltivazione poiché la rettifica della Fa è progredita sino a questo livello e la nostra xinxing ha ora raggiunto questo livello. In quel momento sono diventato determinato a intentare causa contro Jiang.

Ho inviato la mia prima denuncia il 3 luglio ma la lettera è stata intercettata dal Dipartimento di Sicurezza aerea di Pechino. Ho avuto più successo con la mia seconda denuncia penale online al Centro della Procura suprema del Popolo.

Che si tratti di querele o denunce, quello che conta è che stiamo dicendo al mondo che la Falun Dafa è una benedizione per l'umanità. Gli esseri senzienti sono venuti per la Fa quindi la Falun Dafa ha cambiato il mio destino e il destino di tutta la mia famiglia. Cos'altro c'è da aggiungere... vorrei salire in cima al mondo e gridare, "La Falun Dafa è buona! La Falun Dafa è davvero buona!".

La coltivazione è seria e citare in giudizio Jiang è sacro. Non si può raggiungere il compimento se si ha anche un singolo attaccamento. Dato che ho avuto paura non ho inserito il numero del mio appartamento sull'indirizzo quando ho spedito la mia prima denuncia. La scusa era che la mia casa era un centro di stampa di materiali della Dafa e avevo anche paura che la denuncia a Jiang avrebbe influito sul mio lavoro. Ero attaccato ai miei benefici personali.

Dato che avevo paura il male è venuto a mettermi alla prova. Hanno chiesto il mio indirizzo preciso con la scusa di controllare gli occupanti della casa. Dato che mi preoccupavo anche di perdere il lavoro, il male ha chiesto a un membro della mia famiglia di comunicarmi che: "Il tuo telefono cellulare sarà messo sotto controllo", hanno detto. "Il dipartimento di polizia della città ti segnalerà al dipartimento di polizia della contea. È difficile dire se ti sarà ancora possibile continuare a lavorare".

Alcuni membri della mia famiglia mi hanno suggerito di rispondere che non praticavo più se la polizia mi avesse interrogato. Poi mia moglie, anch'essa una praticante, mi ha detto che non c'era nulla di cui aver paura. Mi ha detto che era il momento di eliminare la mia paura e che avrei dovuto migliorare.

Il Maestro ha detto:

“Tutti quegli attaccamenti, che non riuscite ad abbandonare in mezzo alla gente comune, devono essere eliminati. Tutti gli attaccamenti, fintanto che li avrete, dovranno essere eliminati in circostanze diverse. Inciamperete e in questo modo comprenderete la verità. Ecco come coltiverete” (“Quarta Lezione” Zhuan Falun)

Mi sono vergognato di avere quegli attaccamenti. Indipendentemente dalla situazione non mi dispiace aver presentato la denuncia col mio vero nome. Citare in giudizio Jiang significa disintegrare il male, salvare esseri senzienti, porre fine alla persecuzione e stabilire una possente virtù.

Finora poco meno di 180.000 persone hanno intentato causa a Jiang. È però un numero piccolo rispetto all'oltre miliardo di persone vittime della persecuzione. Il Maestro è misericordioso verso le persone di tutto il mondo e permette loro di citare in giudizio Jiang utilizzando uno pseudonimo. Si tratta di una preziosa opportunità per stabilire una possente virtù per quei praticanti che finora non hanno ancora intrapreso azioni legali o denunce contro Jiang.

I Paesi senza virtù non fioriranno e gli esseri umani senza virtù non otterranno nulla. Solo dopo che Jiang Zemin, che virtù non ha, verrà portato davanti alla giustizia e dopo che le persone provenienti da tutti i ceti sociali conosceranno la verità sulla Falun Dafa, il popolo cinese potrà vedere la speranza e inaugurare l'alba di un nuovo secolo.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.