Incubi ricorrenti: l'ombra della persecuzione tormenta i membri di una famiglia

(Minghui.org) La scorsa notte l'incubo è ritornato. Nel sogno. stavo tornando a casa durante la vacanza estiva, quando un vicino di casa mi ha detto che mio padre era stato assassinato dalle autorità locali al servizio del Partito Comunista Cinese (PCC). Molti anni di preoccupazione erano divenuti realtà e mi sono svegliata in lacrime.

Questo incubo mi turba da oltre 10 anni. Per me è una tortura continua. Tuttavia, ritengo di essere fortunata poiché si tratta solo di un sogno.

Detenuto e torturato

Mio padre pratica la Falun Dafa da più di 10 anni. Quando è iniziata la persecuzione è stato arrestato e portato in un centro di detenzione senza alcun mandato d'arresto o atto d'accusa.

È stato picchiato e torturato sino a ridurlo in fin di vita. Il centro di detenzione lo ha liberato per motivi di salute al fine di evitare di assumersi la responsabilità di una sua possibile morte.

All'epoca io mi trovavo in college in un'altra città. Mia madre e mio fratello mi hanno raccontato che la situazione di papà li preoccupava. Tutto il suo corpo, compresi i piedi, era gonfio; non riusciva nemmeno ad indossare delle scarpe.

In breve tempo a mia madre e a mio fratello sono venuti fuori molti capelli bianchi, ma per fortuna mio padre non ha abbandonato la Falun Dafa ed ha continuato a praticare gli esercizi diligentemente. Alla fine si è rimesso in salute ed è riuscito a lavorare nuovamente nella nostra azienda agricola. Grazie al suo duro lavoro la nostra famiglia è ritornata a prosperare.

Tuttavia la persecuzione in Cina continua e con essa il mio incubo ritorna ripetutamente.

Mettere in discussione i miei valori

Un anno dopo ho telefonato a casa per controllare come stesse la mia famiglia, ma nessuno ha risposto. Avevo paura che mio padre fosse stato arrestato di nuovo, così ho chiamato a orari differenti.

Alla fine i miei genitori hanno risposto al telefono e mi hanno detto che erano impegnati con il lavoro agricolo e quindi non avevano sentito il telefono.

L'ombra della persecuzione mi ha seguita durante i miei studi universitari, nel lavoro e in molte importanti fasi della mia vita. Mio padre non veniva molestato dalle autorità locali, ma l'incubo comunque non mi abbandonava. Ogni volta che avevo un incubo chiamavo casa per assicurarmi che stessero tutti bene.

La detenzione e la tortura di mio padre mi avevano spaventata, tuttavia la vicenda ha avuto il suo impatto maggiore sulla direzione che ha preso la mia vita. Vedendo mio padre, una persona gentile e premurosa, venire imprigionata, sono diventata incerta sul tipo di persona che volevo diventare.

In un primo momento sono diventata egoista ed indifferente, ma non essendo la mia vera natura, mi sono poi sentita insicura su quale direzione avessi dovuto prendere.

Cuore rettificato dalla Dafa

Molti anni dopo ho avuto la possibilità di leggere lo Zhuan Falun, il libro principale della Falun Dafa. I suoi insegnamenti hanno rettificato il mio cuore e risvegliato la mia natura gentile profondamente sepolta. Mi dispiace di aver imparato la Dafa così tardi.

Invece mia madre ha troppa paura per praticare la Falun Dafa. Ha beneficiato dalla Dafa come membro della famiglia e sapeva che la Falun Dafa è buona, ma ha semplicemente troppa paura di essere perseguitata.

Capiamo perché sia spaventata. La persecuzione in Cina è ancora in corso, i praticanti della Falun Dafa vengono ancora arrestati, torturati, e addirittura vengono loro prelevati gli organi vitali, solo perché hanno le stesse convinzioni che ha mio padre.

La scorsa notte l'incubo è ritornato.

Spero che mio padre e milioni di altri praticanti della Falun Dafa possano stare al sicuro. Spero sinceramente che la persecuzione contro i principi della Dafa di Verità, Compassione e Tolleranza finisca presto. Solo allora riuscirò a non sentirmi più minacciata dal mio incubo e a non provare più questo intenso senso di angoscia.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.