Guizhou: campione di sangue prelevato forzatamente ad una praticante

(Minghui.org) Secondo i rapporti compilati da Minghui.org, a partire da aprile 2014, la polizia di diverse province (in particolare di Guizhou e di Liaoning) ha fatto visita nelle case dei praticanti del Falun Gong e ha cercato di raccogliere campioni di sangue senza il loro consenso.

Recentemente, alcuni ufficiali hanno prelevato il sangue della signora Zhou Ruofang nella sua abitazione a Guiyang. La polizia non ha voluto rivelarne il motivo e ha dichiarato di aver agito per ordine dei superiori.

Possibile incremento dei prelievi di organi da parte dello stato

Altri poliziotti coinvolti in casi simili hanno rivelato che le informazioni mediche dei praticanti sono state inserite in una banca dati. Come lo stato cinese sia stato sanzionato a causa del prelievo di organi da praticanti imprigionati è un fatto ben noto e la tendenza evidente di raccogliere campioni di sangue presso il domicilio dei praticanti indica un possibile incremento di questa atrocità.

Il giornalista Ethan Gutmann, nel suo nuovo libro, “The Slaughter” (il massacro) che copre approfondite indagini sull'atroce raccolta di organi in Cina, ha commentato che questi incidenti che coinvolgono i praticanti nelle loro case sono "uno sviluppo veramente allarmante".

La storia della signora Zhou: una visita inattesa della polizia e il prelievo forzato di sangue
Il 15 ottobre 2014, quattro agenti hanno bussato alla porta della signora Zhou mentre era a casa da sola. La polizia ha chiesto se avesse inviato una denuncia legale contro Jiang Zemin, l'ex leader cinese. La signora Zhou ha detto che lei aveva effettivamente scritto una denuncia legale e l'aveva spedita alla Procura Suprema del Popolo.

"Sto procedendo per vie legali contro Jiang perché ha lanciato la brutale persecuzione dei praticanti del Falun Gong", ha dichiarato la signora Zhou. All'inizio della persecuzione, ha perso il lavoro, suo figlio più giovane è stato allevato da altre persone in sua assenza e dopo essere stata imprigionata per 4 anni, il marito sotto pressione ha divorziato.

"Non ti è permesso di citare in giudizio Jiang," ha detto uno degli ufficiali.

"Ho il diritto di citare in giudizio chi ha violato la legge", è stata la sua risposta.

La signora Zhou ha spiegato loro che la persecuzione è, di fatto, illegale e che loro non devono essere complici di tali atti criminali. Hanno risposto di stare semplicemente facendo il loro lavoro e di eseguire degli ordini.

La signora Zhou ha detto loro che i membri della Gestapo, coinvolti nello sterminio degli ebrei durante la seconda guerra mondiale, sono stati messi sotto processo e alcuni sono ancora in attesa di condanna, nonostante i loro novant'anni di età.

"Stai paragonando il Partito Comunista Cinese (PCC) ai nazisti?", ha chiesto un ufficiale. "Il PCC ha ucciso i praticanti del Falun Gong, rimosso i loro organi e li ha venduti per un profitto enorme. Questo rende il PCC ancora più brutale e crudele dei nazisti ", ha risposto la signora Zhou.

Hanno spiegato alla signora Zhou di essere andati da lei a prendere un suo campione di sangue per esame del DNA. Quando hanno mostrato i loro tesserini per dimostrare che erano della polizia, la signora Zhou ha voluto sapere chi li avesse mandati e perché volessero il suo DNA. L'unica risposta è stata quella di stare eseguendo degli ordini.

La signora Zhou si è rifiutata di dare il suo sangue, perché è stata in grado di capire che il vero scopo era quello di inserirla in una banca dati per la vendita dei suoi organi. Tuttavia, i giovani ufficiali hanno usato la forza per pungergli il dito e prendersi un campione di sangue.

(*) GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.