Una volta nazioni a favore del comunismo, ora sostengono i principi di Verità-Compassione-Tolleranza

(Minghui.org) Capire lo scopo della vita è una cosa che può richiedere molto tempo ad alcune persone. Maria dalla Polonia, ad esempio, non aveva mai sentito parlare della meditazione che l'ha portata alla pace interiore sino al periodo in cui era studentessa ad Harvard nel 2000 (articolo in inglese). Ciò che l'ha incuriosita non era solo la potente energia della Falun Dafa ma anche la dura persecuzione che si svolge in Cina.

Venendo da un paese che un tempo era pro-comunismo Maria sa cosa vuol dire farsi avanti per la propria fede. Tuttavia si è recata in Cina nel 2002 dove è stata arrestata per aver raccontato alla gente la verità sulla Falun Dafa. Di fronte ai poliziotti cinesi che forzavano inesorabilmente i praticanti a rinunciare alla loro fede utilizzando torture fisiche, violenze psicologiche e lavaggio del cervello, Maria ha detto che i loro sforzi sarebbero stati inutili: "Verità, Compassione e Tolleranza non verranno compromessi dal male".

Nei 16 anni della brutale repressione oltre 210 milioni di cinesi hanno annunciato le dimissioni dal regime comunista. Il numero è aumentato rapidamente dopo che a novembre 2004 sono stati pubblicati i Nove Commentari sul Partito Comunista.

Al di fuori della Cina, dopo che i paesi satelliti dell'Europa orientale si sono liberati dell'Unione Sovietica e hanno rovesciato i loro rispettivi regimi comunisti nel 1989, le restanti 12 repubbliche sono sorte dalla dissoluzione del 1991 come stati post-sovietici.

Qui abbiamo brevemente preso in rassegna come i praticanti della Falun Dafa hanno praticato la loro fede negli ex otto stati comunisti del Patto di Varsavia, una coalizione formata nel 1955 che comprendeva Bulgaria, Cecoslovacchia (separatasi in Repubblica Ceca e Slovacchia nel 1992), Germania dell'Est, Ungheria, Polonia , Romania, Unione Sovietica, e Albania (ritiratasi dalla coalizione nel 1968).

Il 4 ottobre al Parco Herastrau a Bucarest, capitale della Romania, i praticanti raccontano ai passanti i fatti sulla Falun Dafa. Molte persone hanno firmato la petizione per sostenere i loro sforzi

Bulgaria

Il 16 e il 17 maggio di quest'anno i praticanti di Varna, la terza città più grande della Bulgaria, hanno mostrato gli esercizi per celebrare la Giornata Mondiale della Falun Dafa (che si svolge il 13 maggio di ogni anno)

Il 15 novembre 2014, durante una raccolta di firme tenuta in sei città della Bulgaria oltre un migliaio di persone hanno firmato una petizione che condanna il prelievo forzato di organi da parte del regime cinese ai danni dei praticanti della Falun Dafa in vita.

Repubblica Ceca e Slovacchia

Dal 23 febbraio al 1 marzo 2015, durante il 9° festival annuale internazionale Mene Tekel contro il totalitarismo a Praga, molti cittadini cechi hanno conosciuto la Falun Dafa e la persecuzione in Cina attraverso l'esposizione internazionale The art of Zhen, Shan, Ren

David Kilgour, ex segretario di Stato canadese per l'Asia-Pacifico, è stato intervistato dalla televisione ceca, la principale emittente TV della Repubblica Ceca, e ha parlato del prelievo forzato di organi dai praticanti in vita della Falun Dafa in Cina

Dal 24 al 31 luglio 2015 i praticanti della Falun Dafa hanno tenuto una serie di raccolte di firme a Trencin e in altre cinque città slovacche per aumentare la consapevolezza sulla violenta persecuzione in corso in Cina

Germania

I praticanti tedeschi hanno tenuto molti eventi che raccontano alla gente la grave persecuzione in corso in Cina. Ad esempio il 13 agosto, oltre che al Duomo di Colonia, si sono tenuti vari eventi in altre città tedesche per aumentare questa consapevolezza ad Amburgo, Wuerzburg, Titise, Lipsia e Heilbronn.

Il 13 agosto 2011 i praticanti hanno organizzato una giornata informativa a Lipsia, la seconda città più grande della Germania orientale, la Sassonia. Il tema della manifestazione era "Sostenere i 100 milioni di cinesi che lasciano il Partito Comunista Cinese (PCC) e le sue organizzazioni affiliate e rimarcare i dodici anni di protesta contro la persecuzione"

Nel mese di luglio tre praticanti della Falun Dafa di Monaco hanno presentato le loro denunce penali contro Jiang Zemin, colpevole della persecuzione della Falun Dafa. Vedendo lo striscione, "Portare Jiang Zemin davanti alla giustizia" in cinese e in tedesco, una donna si è fermata domandando cosa stesse accadendo. Dopo aver udito che delle persone venivano maltrattate a causa della loro fede in Verità, Compassione e Tolleranza, la signora ha detto: "La nostra società ha bisogno di persone come voi praticanti, per favore continuate così!"

Ungheria

La Banda Marciante della Terra Divina si è unita alla parata nazionale del 20 agosto 2014 in Ungheria

In un incontro dello scorso novembre riguardante il prelievo forzato di organi dai praticanti della Falun Dafa in Cina, András Schiffer, leader di una corrente del parlamento ungherese, ha espresso la sua preoccupazione sul problema: "Esiste anche una questione morale riguardante la stabilità morale, di cui l'Europa ha la maggioranza dei consensi. La domanda è: è sostenibile che ci siano degli europei che si recano in Cina per ottenere organi prelevati ai prigionieri di coscienza? Altri paesi europei stanno vietando ai loro cittadini di recarsi in Cina per sottoporsi a trapianti di organi. Le pratiche della dittatura cinese vanno completamente contro tutto ciò che un cristiano o una democrazia liberale ritengono importanti".

Polonia

Il 16 luglio del 2015 le persone della città vecchia di Varsavia apprendono la verità sulla persecuzione

Il 16 luglio 2015 dei praticanti si sono recati nella città vecchia di Varsavia per raccontare ai passanti la verità sulla persecuzione in Cina. Molti turisti si sono fermati a leggere i manifesti, a parlare con i praticanti, a firmare una petizione per chiedere la fine della persecuzione e per portare l'ex dittatore Jiang Zemin davanti alla giustizia.

Diversi cinesi si sono fermati per saperne di più e per porre domande. Uno di loro ha detto: "La prima cosa che farò, una volta tornato al mio hotel, è informarmi sul Falun Gong su internet e dimettermi dal PCC e dalle sue organizzazioni affiliate".

Romania

Il 10 maggio 2015 dei praticanti hanno mostrato gli esercizi del Falun Gong di fronte all'ambasciata cinese. Una giovane ragazza si è fermata per impararli

Quando una praticante rumena ha spiegato ad un turista cinese il motivo per cui i praticanti non rinunciano al loro credo, nonostante la violente torture, il giovane turista si è emozionato: "Ti credo. Una volta che una persona ha Verità-Compassione-Tolleranza nel cuore, questi principi rimarranno lì per sempre e niente potrà cambiare la situazione".

Albania

Praticanti svolgono gli esercizi nella capitale dell'Albania, Tirana

Russia e Ucraina

Il 15 luglio 2015 si è svolta una riunione del Consiglio Supremo dell'Ucraina dedicata a presentare il prelievo di organi dallo Stato in Cina. L'avvocato canadese per i diritti umani David Matas ha partecipato alla riunione ed ha parlato dei recenti sviluppi della sua ricerca su queste atrocità

L'11 giugno, in un incontro tenuto dal centro Tuidang (dimettersi dal PCC) a Kiev, l'ex sindaco di Kiev Mosiyuk Oleksandr ha commentato: "Il comunismo è una malattia". L'incontro era focalizzato sul crescente numero di cinesi che si sono dimessi dal PCC e dalle sue organizzazioni affiliate che ad aprile 2015 ha raggiunto quota 200 milioni di persone.

"Più di 10 milioni di ucraini sono morti a causa del comunismo. In Cina il numero ha raggiunto 80 milioni", ha detto Oleksandr. "Dobbiamo porre fine al comunismo e porre fine a tutto ciò che è ad esso interconnesso". Oleksandr lavora attualmente come consulente dei membri del parlamento, ha raccontato che questa tendenza era inevitabile ma che molti paesi hanno necessità di sostenerla.

Lech Walesa, ex presidente polacco e premio Nobel per la pace, ha inviato una lettera al forum per sostenere il movimento Tuidang (dimettersi dal PCC). Ha scritto, in una parte: "Credo profondamente che nulla sarà in grado di fermare questo movimento. Nessuno può fermare lo spirito di libertà e di verità".

A marzo 2007 la Polonia ha approvato una legge che richiede alle persone di dichiarare se hanno mai lavorato come informatori dei servizi segreti comunisti.

Dal 18 al 20 settembre 2015 si è tenuta a San Pietroburgo in Russia la 16° conferenza di condivisione sulle esperienze di coltivazione. Praticanti provenienti dalla Russia e da numerosi paesi dell'Europa orientale hanno partecipato alla conferenza e agli esercizi di gruppo svolti nei parchi vicini

Versione inglese

* * *

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.