La signora Liang Xiaoyu denuncia Jiang Zemin per la morte del marito

(Minghui.org) Il signor Wu Yuan, un insegnante di scuola media della città di Lingyuan, provincia del Liaoning, il 10 dicembre del 2003, all'età di 44 anni, è stato torturato a morte in una prigione.

Sua moglie, la signora Liang Xiaoyu, ha accusato Jiang Zemin, l'ex capo del regime comunista cinese, di avere commesso l´omicidio. Ha spedito la denuncia penale alla Corte Suprema del Popolo e alla Procura Suprema del Popolo nel mese di luglio del 2015.

Il signor Wu è stato arrestato quattro volte: due volte nel 1999 e una volta nel 2000. In ciascuno dei primi tre arresti è stato detenuto per brevi periodi di tempo.

Il 14 agosto 2002 è stato arrestato per la quarta volta e, tre mesi dopo, è stato condannato ad una pena detentiva di quattro anni. La sua famiglia non é stata informata del suo processo. È stato trasferito alla prigione di Dabei a Shenyang.

Sua moglie lo ha visitato in carcere il 6 settembre 2003. Sembrava essere in buone condizioni fisiche e di buon umore. Tuttavia, tre mesi dopo, la sua famiglia è stata informata che gli era stato diagnosticato un cancro all´esofago.

Il 10 dicembre 2003, quando sua moglie lo ha visto in ospedale, era deperito e lei riusciva a malapena a riconoscerlo; ma era in grado di mangiare il cibo e la frutta che gli ha portato. Non sembrava avere alcun segno di cancro all´esofago, giacché ha inghiottito il cibo senza alcun problema.

La mattina dopo il funzionario della prigione disse a sua moglie che era morto durante la notte. Quando nel pomeriggio sua moglie e altri membri della famiglia hanno visto il suo corpo all'obitorio, il corpo era ancora caldo e i suoi occhi erano spalancati. Hanno gridato e chiesto alle persone di salvarlo, ma sono stati trascinati via.

Due giorni dopo, quando la sua famiglia ha rivisto il suo corpo, hanno notato lividi sul petto, sulla schiena e ai fianchi.

Per l'intera storia di Wu Yuan si prega di leggere gli articoli correlati:

Wu Yuan, praticante della Falun Dafa della città di Lingyuan, torturato a morte
Ridatemi mio marito Wu Yuan

Scenario

Nel 1999 Jiang Zemin, come capo del Partito Comunista Cinese, contro la volontà degli altri membri del comitato permanente del Politburo, lanciava la violenta repressione del Falun Gong.

Nel corso degli ultimi 16 anni migliaia di praticanti del Falun Gong sono stati torturati a morte. Il bilancio attuale è probabilmente più alto poiché tale informazione viene strettamente censurata in Cina. Molti sono stati torturati per la loro fede e molti altri uccisi per i loro organi. Jiang Zemin è direttamente responsabile di aver dato inizio e condotto questa brutale persecuzione.

Il 10 giugno 1999, sotto la sua personale direzione, il Partito Comunista Cinese ha istituito un organo di sicurezza extralegale, l'Ufficio 610. Quest'organo ha la precedenza sulle forze di polizia e sul sistema giudiziario nello svolgimento degli ordini di Jiang per quanto riguarda il Falun Gong: “Rovinare la loro reputazione, distruggerli economicamente e eliminarli fisicamente”.

La legge cinese permette che i cittadini ricorrano alle cause penali e molti praticanti stanno ora esercitando tale diritto sporgendo denunce penali contro l'ex dittatore.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.