Legislatori degli Stati Uniti d´America scrivono al presidente cinese una richiesta per il rilascio dei praticanti del Falun Gong imprigionati

(Minghui.org) Il 20 giugno sei membri del Congresso degli Stati Uniti, dello Stato di Washington, hanno scritto al presidente cinese Xi Jinping per chiedere il rilascio dei praticanti del Falun Gong imprigionati, i cui familiari sono residenti nello Stato di Washington.

I sei legislatori degli Stati Uniti che hanno chiesto al presidente cinese di rilasciare i praticanti del Falun Gong imprigionati (Prima fila: Dave Reichert (R), Adam Smith (D), Cathy McMorris Rodgers (R); Seconda fila: Dan Newhouse (R), Suzan Delbene (D ), Jim McDermott (D))

La lettera bi-partisan è stata redatta dal deputato Dave Reichert (R), e firmata da due rappresentanti repubblicani e tre democratici.

I rappresentanti sono preoccupati per la situazione di sei praticanti del Falun Gong che sono in carcere a causa della loro fede.

La lettera ha evidenziato il caso di Chen Yinghua, che è stata arrestata nel 2014 e condannata a 4 anni di reclusione. La signora Chen è stata arrestata per aver scattato una foto ad un amico che teneva uno striscione con la scritta: "Voglio vedere mio padre".

I rappresentanti ritengono che la signora Chen sia stata maltrattata durante la sua prigionia. Il figlio di 11 anni non ha avuto alcun contatto con lei o suo padre per più di due anni.

Il caso di Chen Yinghua è stato portato all’attenzione dell'ex primo ministro canadese Stephen Harper durante il suo viaggio in Cina nel 2014. Il caso è stato anche citato in uno dei rapporti del Congresso nel 2015 sul tema della libertà religiosa in Cina.

I rappresentanti hanno sottolineato nella loro lettera che "ci sono stati casi simili contro i diritti umani in tutto il Paese che hanno distrutto intere famiglie e fatto molte vittime, compresa l'attuale persecuzione del Falun Gong".

I legislatori hanno invitato il presidente Xi Jinping a “prendere in seria considerazione le loro preoccupazioni riguardo queste famiglie e a fermare la persecuzione di questi e di tutti gli altri prigionieri politici”.

La lettera a Xi Jinping, firmata da sei rappresentanti dello Stato di Washington, che chiede la liberazione dei familiari dei residenti di Washington che sono imprigionati in Cina

Versione inglese

* * *

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.