Europa: Firmata da oltre metà dei parlamentari una dichiarazione per porre fine al prelievo di organi in Cina

(Minghui.org) Il 12 luglio più della metà dei membri del Parlamento Europeo (MEP) hanno firmato una dichiarazione scritta (2016/WD48) per richiedere al Parlamento europeo di intervenire per fermare il prelievo di organi autorizzato dallo Stato in Cina.

Dal 6 all'8 luglio un gruppo di praticanti del Falun Gong, provenienti da 13 paesi europei, si è radunato di fronte al Parlamento Europeo di Strasburgo, in Francia, per sensibilizzare e fornire il proprio supporto alla WD48. La dichiarazione scritta è stata portata avanti da 12 deputati.

Arne Gericke, eurodeputato della Germania, uno dei promotori della WD48, ritiene che fermare il prelievo forzato di organi non sia importante solo per i cinesi, ma anche per gli europei.

Gericke ha spiegato che il PE dovrebbe approvare delle leggi che impediscano all'assicurazione medica di coprire i trapianti di organi che sono coinvolti nel commercio illegale di questi.

Hans-Olaf Henkel, eurodeputato dalla Germania, ha affermato di conoscere bene il problema del prelievo di organi, e di avere scritto a diverse organizzazioni cinesi per esprimere la sua preoccupazione, ma le recenti prove scoperte lo hanno comunque sconvolto. Ha aggiunto che dobbiamo fare del nostro meglio per fermare questa cosa.

Molti legislatori durante i tre giorni si sono avvicinati al gruppo di praticanti e li hanno incoraggiati a perseverare nella pacifica resistenza.

Julie Ward, eurodeputato britannico, ha detto che si dovrebbe chiaramente far sentire la propria voce. Il prelievo di organi è una cosa che non dovrebbe esistere nel 21° secolo.

Gerald Batten, eurodeputato britannico, ha parlato con i praticanti per 30 minuti, ed ha ascoltato due praticanti raccontare le proprie esperienze sulle torture subite in Cina.

Batten ha spiegato di essere felice di sostenere questa dichiarazione. È una sua responsabilità, ha affermato. Ha anche elogiato i praticanti del Falun Gong per il loro coraggio, da cui è rimasto commosso. Egli ritiene che i praticanti non mancheranno di perseverare nella loro resistenza pacifica fino alla vittoria.

Tunne Kelam, eurodeputato dell'Estonia e da lungo tempo sostenitore del Falun Gong, ha spiegato che i risultati dell'indagine indipendente sul prelievo di organi ha avuto un impatto profondo. aH detto che la gente dovrebbe conoscere queste cose.

Kelam ha aggiunto che i governi europei non hanno messo in guardia i propri cittadini, e la gente non sa che i cinesi vengono uccisi per i loro organi. È una responsabilità dell'Europa, ha detto.

Seb Dance ha detto che molte persone, tra cui i legislatori, sono stati testimoni delle attività dei praticanti, che aumentano la consapevolezza del pubblico. È una cosa notevole, ha detto.

“La vostra voce verrà ascoltata dal mondo”

Jonathan Tessier, un reporter indipendente di Parigi, supporta completamente gli sforzi pacifici dei praticanti del Falun Gong per resistere alla persecuzione. Ha detto: “Spero che la vostra voce venga ascoltata dal Parlamento europeo. Questo crimine è stato riportato da molti media. Spero che la vostra voce verrà ascoltata dal mondo”.

Jonathan Tessier ha firmato la petizione e si augura che l'UE agisca presto

Jauffrray, una guardia di sicurezza del parlamento europeo, ha sentito parlare del prelievo di organi dai suoi colleghi. Ha letto i materiali ed ha chiesto ai praticanti ulteriori informazioni.

“Tutti dovrebbero essere liberi, fisicamente e spiritualmente” Jauffray ha firmato la petizione

Matthis Halldorsson, un medico dell'Islanda, ha firmato la petizione. “Questo è un omicidio”, ha condannato il prelievo di organi

Tue Lundkvist, un avvocato danese, ha detto che tutti dovrebbero dare il proprio sostegno alla resistenza

Versione inglese

* * *

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.