Cosa mostra il documento riservato del Partito Comunista?

(Minghui.org) Secondo alcune informazioni privilegiate l'Ufficio generale del Partito Comunista Cinese ha recentemente pubblicato un documento riservato agli uffici governativi locali ai vari livelli, fornendo loro ordini su come “gestire” la “situazione” del Falun Gong.

Secondo la fonte delle informazioni il documento afferma che dal luglio 1999 la repressione del Falun Gong è andata avanti per 17 anni. In questi anni i praticanti del Falun Gong, i loro figli e i loro familiari sono stati trattati ingiustamente. Ad esempio ai bambini di molti praticanti è stata impedita la possibilità di entrare nell'esercito o di ricevere un'istruzione. Ai familiari dei praticanti sono invece state impedite le promozioni sul lavoro.

Il documento afferma che il governo tenderà ad allentare gradualmente la pressione sui praticanti del Falun Gong e a diminuire le limitazioni sulla pratica. Tuttavia la procedura di “alleviamento” menzionata nel documento indica che quella di “rinunciare al Falun Gong” è ancora la pre-condizione necessaria per far sì che un praticante venga “aiutato”.

Il 30 agosto il Comitato per gli Affari politici e legali di una città in Cina ha convocato una riunione nella quale si richiedeva che tutte le imprese statali della città che impiegavano dei praticanti del Falun Gong inviassero un rappresentante alla riunione. Il motivo era quello di annunciare questo documento. Il documento è segreto, tuttavia i capi di governo al di sopra del livello di città hanno avuto accesso ad esso.

Un funzionario di governo ha commentato riguardo al documento: “Questo dimostra che la soppressione del Falun Gong è arrivata ad un punto critico. Per proseguire si trova di fronte ostacoli enormi, ma il governo non vuole riabilitare completamente la reputazione del Falun Gong, perché ciò significherebbe darsi uno schiaffo da soli. Stanno quindi cercando di trovare un modo plausibile per alleggerire la pressione sui praticanti. Tuttavia anche questo 'rimedio' non è assoluto. Costringe ancora i praticanti a rinunciare al Falun Gong e la pressione su di loro non verrà diminuita se si rifiuteranno di farlo”.

Jiang Zemin, l'ex capo comunista che ha lanciato e diretto la persecuzione, e i suoi seguaci, stanno vivendo adesso sotto una grave pressione; molti di loro sono già stati arrestati con l'accusa di corruzione e alcuni altri sono oggetto di indagine. Uno dei partecipanti alla riunione ha detto: “Dal momento che Jiang e la sua banda sono in questa situazione, nessuno, neanche i membri del Comitato per gli Affari politici e legali, sanno come attuare la politica del documento. Dobbiamo aspettare di ricevere ulteriori comunicazioni da parte delle autorità”.

I praticanti del Falun Gong credono che il documento dimostri che la soppressione ha raggiunto un punto morto. La banda di Jiang non vuole però ammettere il fallimento e hanno rilasciato questo documento per verificare l'atmosfera. Il cosiddetto “alleviare” la pressione sui praticanti è in realtà un tentativo di alleviare la pressione sul Partito Comunista stesso. Tuttavia la natura del Partito è così radicata che esso non potrà mai cambiare il suo carattere innato contro l'umanità, contro la società e in antitesi coi principi del Falun Gong di Verità, Compassione e Tolleranza.

La persecuzione del Partito Comunista ai danni del Falun Gong era destinata al fallimento fin dall'inizio. Nulla può cambiare questo stato di cose. Dall’altra parte i praticanti del Falun Gong, che di fronte alla persecuzione implacabile hanno intrapreso la strada della morale, stanno guadagnando il rispetto del mondo.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.