Lianoning: Uomo di ottant'anni condannato a 11 anni di carcere per la sua fede nel Falun Gong

(Minghui.org) Nei primi mesi del 2017 la figlia del signor Liu Dianyuan si è recata a fare visita al padre nel carcere n°1 di Shenyang, dove l’ha trovato su una sedia a rotelle, emaciato e molto debole.

Il signor Liu, ottant'anni, sta scontando una pena detentiva di 11 anni per aver citato in giudizio l'ex leader del Partito Comunista Cinese Jiang Zemin, l’artefice della persecuzione del Falun Gong da lui ordinata nel 1999. Il giudice lo ha accusato di: "utilizzare un'organizzazione di culto per minare l'applicazione della legge", un pretesto standard utilizzato dal Partito Comunista Cinese per imprigionare i praticanti del Falun Gong.

Alla moglie, la signora Liu Yufang, è stata negata la visita al marito perché anche lei praticante.

Liu è stato arrestato il 9 novembre del 2015 mentre era in visita da sua sorella. Dal 2010 è stato costretto a lasciare la sua casa e andare da un luogo all'altro per evitare l'arresto.

Il 7 aprile del 2016 la corte della contea di Jianping lo ha processato; secondo i familiari che hanno assistito al processo, Liu era pallido e sembrava essere affetto da perdita di memoria. Prima di essere arrestato era un uomo forte e robusto.

L'uomo è stato portato in prigione, anche se non soddisfaceva i requisiti fisici minimi per la detenzione.

Dal 1999, ovvero da quando è iniziata la persecuzione del Falun Gong, è stato più volte arrestato e condannato per la sua fede. Tra il 2001 e il 2008, prima dell’ultimo arresto, aveva trascorso già sette anni in prigione.

Durante la sua precedente prigionia è stato costretto a fare più di dieci ore di lavori pesanti e quando le guardie carcerarie lo hanno trovato a parlare con altri, è stato schiaffeggiato sul volto e rinchiuso in isolamento. Per sette giorni è stato legato ad un letto in posizione dell' “aquila con le ali aperte (*)”, fino a quando la pelle su tutto il corpo si è lacerata. Le guardie carcerarie lo hanno costretto per quasi un anno a prendere dieci compresse di droghe sconosciute due volte al giorno.

Il 31 luglio del 2008, dopo sette anni di torture, è stato finalmente rilasciato ma ridotto pelle e ossa; non riusciva a stare in piedi e tossiva sangue frequentemente. Quando ha ripreso a fare gli esercizi del Falun Gong gradualmente ha recuperato.

Nel 2002, mentre era in prigione, sua moglie è stata arrestata e condannata a tre anni di lavori forzati, di conseguenza ha dovuto lasciare i loro due figli adolescenti a casa da soli. L'inverno nel nord-est della Cina è estremamente freddo e una tazza di acqua congelerebbe anche all'interno di una casa riscaldata, ma i due bambini non potevano permettersi il riscaldamento.

La figlia sedicenne ha dovuto lasciare la scuola e fare lavori saltuari per mantenere lei e suo fratello di 14 anni; spesso si alzava intorno alle 3 del mattino per fare le frittelle e poi con una bicicletta andava a miglia di distanza per venderle nei mercati di generi alimentari.

Nel 2004 la signora Liu dopo esser stata rilasciata, ha guidato una moto per più di 100 miglia per far visita al marito, ma è stata bloccata dalle guardie fuori dal carcere. La seconda volta che è andata a trovare suo marito invece le è stato permesso di vederlo, ma dopo essersi visti, la coppia è scoppiata in lacrime.

Nel 2010 la coppia è stata arrestata di nuovo. Mentre il signor Liu è riuscito a fuggire dal centro di detenzione della polizia, la moglie è stata condannata a quattro anni. I loro due figli sono stati lasciati di nuovo a casa da soli; la loro casa senza cure adeguate è stata gravemente danneggiata e la loro piantagione di alberi da frutta è diventata un deserto.

Dopo anni costretto ad andare da un luogo all'altro, Liu è stato arrestato di nuovo nel 2015 ed è stato condannato alla pesante sentenza di 11 anni.

(*) GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.