Shanghai: donna rilasciata dopo un mese di detenzione grazie agli sforzi della famiglia per salvarla

(Minghui.org) Il 17 marzo è stata rilasciata dopo un mese di ingiustificata detenzione, Han Xuejiao praticante del Falun Gong, impiegata presso una ditta straniera a Shanghai.

Fin dal giorno del suo arresto, il 17 febbraio, la madre è andata al dipartimento di polizia locale ogni giorno adoperandosi per il suo rilascio. Anche la zia di Dallas, in Texas, ha contattato sia il consolato cinese sia i suoi rappresentanti del Congresso a Washington D.C.


Han Xuejiao, 29 anni, lavora per una ditta straniera a Shanghai.

Arrestata sulla base di una foto sfocata

La praticante è nata nella città di Qiqihar, provincia di Heilongjiang. Dopo la laurea è stata assunta come contabile da una ditta estera a Shanghai.

La mattina del 17 febbraio, gli ufficiali del Dipartimento di polizia di Changning e dell'Amministrazione residenziale sono andati a bussare in casa sua. Poiché la ragazza non si trovava a casa, i funzionari sono ritornati nel pomeriggio presentando una foto sfocata. Hanno registrato le sue informazioni personali e scattato una foto della sua carta d'identità. Quello stesso giorno quando è uscita, gli agenti di polizia l'hanno seguita e arrestata verso le 17:00. Successivamente la sua casa è stata perquisita.

La notizia del suo arresto ha spinto i suoi parenti dal Guandong e dall' Heilongjiang ad andare a Shanghai. Dopo aver contattato degli avvocati, i famigliari hanno cercato di ottenere maggiori informazioni da parte della polizia. Le autorità non sono state in grado di fornire alcuna giustificazione per l'arresto, oltre a presentare una foto sfuocata.

Similmente ad altre città in tutta la Cina, è stato dato ordine alla polizia di molestare e bloccare i praticanti del Falun Gong. I funzionari hanno ordinato al padrone di casa della donna di sigillare il suo appartamento dopo il suo arresto e sei giorni dopo lo hanno costretto ad annullare il suo contratto di locazione con la praticante.

Gli sforzi per soccorrerla degli Stati Uniti

Li Lianrong, zia della praticante arrestata, è una cittadina americana che vive a Dallas. Dopo essere andata al consolato cinese di Houston per chiedere aiuto per la sua liberazione, ha visitato gli uffici del suo deputato e senatore, informandolo sul caso, così come sulla persecuzione della Falun Dafa in Cina.

Gli ufficiali del consolato cinese hanno detto che non potevano aiutarla e hanno rifiutato qualunque materiale informativo. Al contrario, i membri del personale del deputato e senatore si sono incontrati con lei e hanno intrapreso azioni per aiutarla.

In pochi giorni la signorina Li ha ricevuto una lettera dal senatore degli Stati Uniti John Cornyn che diceva che il suo ufficio aveva informato il Dipartimento di Stato sul suo caso e che sarebbe stata aggiornata in merito.

Il 2 marzo l'Associazione della Falun Dafa degli Stati Uniti del Sud ha organizzato una conferenza stampa per la praticante di fronte al Consolato cinese.

Alla conferenza stampa, la signora Li ha tenuto un discorso sul calvario che la nipote e la sua famiglia stavano attraversando semplicemente per la loro fede nella Falun Dafa. Ha spiegato anche come la Falun Dafa aveva portato benefici alla signora Han, che aveva ritrovato la salute grazie alla pratica.

Poco prima del rilascio della donna, i funzionari di Shanghai hanno contattato gli ufficiali del villaggio e del comune locale della provincia dell' Heilongjiang, nel tentativo di rimandarla nella sua città natale in modo che potesse continuare la sua detenzione, ma la loro richiesta è stata fortunatamente rifiutata.

Il 17 marzo la polizia di Shanghai ha finalmente rilasciato la praticante.

(*) GLOSSARIO
Versione inglese

* * *

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.