Florida: I media focalizzano l’attenzione sull'appello dei praticanti del Falun Gong durante il vertice Trump-Xi

(Minghui.org) Durante il vertice Trump-Xi del 6 e 7 aprile 2017 a Palm Beach, Florida, gli organi di stampa locali hanno documentato il pacifico appello dei praticanti del Falun Gong che chiedono la fine della persecuzione della disciplina spirituale in Cina e che l'ex leader cinese Jiang Zemin sia processato per aver avviato e diretto personalmente la campagna persecutoria.

I praticanti del Falun Gong chiedono la fine della persecuzione

Il 6 aprile 2017 ilPalm Beach Daily News riporta un articolo dal titolo “Oggi i manifestanti del Falun Gong sperano di rilasciare una dichiarazione a Bingham Island” di Eleanor Roy.

L’articolo riporta che la praticante del Falun Gong, Yuanqing (Iris) Lu, residente a Tampa, ha partecipato all'appello chiedendo il rilascio di sua madre, Deng Cuiping, arrestata in Cina per aver distribuito del materiale informativo sul Falun Gong.

L'articolo afferma: “La ventottenne Lu è una dei cento praticanti che intendono manifestare oggi dalle 10:00 alla 18:00 e venerdì a Bingham Island. Il gruppo esporrà manifesti mirati a incoraggiare il presidente cinese Xi Jinping a porre fine alla persecuzione dei praticanti del Falun Gong, o Falun Dafa, e a accusare formalmente l'ex capo del Partito Comunista, Jiang Zemin, che ha originariamente decretato fuori legge la pratica spirituale”.

Lu ha raccontato che aveva dieci anni quando il Falun Gong è stato dichiarato fuori legge in Cina. Da allora sua madre è stata separata dal resto della famiglia per anni, in differenti circostanze.

La ragazza ha scritto in una email: “Sono cresciuta nella paura…paura che mia madre sarebbe stata portata via da me in qualsiasi momento. Ricordo di essermi sentita impotente quando ho visto mia madre perdere tutta la sua vita: prima gli amici, poi la carriera e infine la libertà”.

Lu ha riferito che nel luglio dello scorso anno sua madre è stata nuovamente arrestata e che la sua famiglia non è in grado di contattarla.

Dennis Wilder, docente di sicurezza nazionale cinese alla Georgetown University, ha detto che il numero dei praticanti del Falun Gong in Cina ammontava a circa cento milioni e che tra di loro c'erano numerosi familiari dei membri del Partito Comunista.

Wilder ha affermato: “Ciò che ha fatto seguito sono state la generale e brutale reclusione dei praticanti del Falun Gong e le innumerevoli torture e percosse”.

La praticante Yuanqing invita Xi a liberare la madre Deng Cuiping

Il 6 aprile il Tampa Bay ha riportato un articolo intitolato “Una donna di Temple Terrace pianifica un appello lungo la strada al presidente cinese in favore di sua madre imprigionata” di Tony Marrero.

L’articolo riporta: “Deng Cuiping, un’insegnante di scuola elementare, è stata trascinata in un centro di detenzione e incarcerata per la seconda volta perché pratica una disciplina spirituale cinese chiamata Falun Gong. Secondo quanto riferisce la figlia Lu, la Deng è stata sottoposta a torture psicologiche e fisiche da un regime comunista determinato a farle rinnegare il suo credo”.

“La scorsa estate la signora Deng è stata arrestata per la terza volta e adesso sta scontando una condanna al carcere di sei anni”.

La signorina Lu, che lavora come contabile per la South Florida University, si è recata a Palm Beach per far appello in favore di sua madre, nella speranza che Xi possa vedere lo striscione che chiede il suo rilascio.

Ha affermato: “Voglio semplicemente fargli conoscere la mia storia e metterlo al corrente che in Cina ci sono numerose semplici famiglie che stanno soffrendo. Spero inoltre che possa fare qualcosa per aiutarmi”.

L'articolo prosegue descrivendo la madre di Lu, che iniziò a praticare il Falun Gong nel 1997 per alleviare lo stress e curare l'insonnia. Dopo poco tempo era guarita completamente e aveva anche riscontrato un miglioramento nelle relazioni con amici e familiari.

Jiang Zemin, l'allora capo del Partito Comunista Cinese, ha iniziato la persecuzione preso dalla paranoia di perdere il controllo sulle persone. Numerosi praticanti del Falun Gong sono stati arrestati e incarcerati nei campi di lavoro forzato, e molti di loro sono stati torturati a morte.

Deng Cuiping è stata licenziata dalla sua unità di lavoro e inviata a una sessione di lavaggio del cervello.

Nell'autunno del 2000 sua sorella, anch'essa praticante, è scomparsa. Si era recata a Pechino per fare appello al governo centrale, tuttavia è stata arrestata in una stazione ferroviaria. Ha appreso in seguito che sua sorella era stata condannata a un anno di reclusione per essersi appellata in favore del Falun Gong.

Dopo un mese di detenzione Deng Cuiping è stata rilasciata, tuttavia nel 2006 è stata nuovamente arrestata e imprigionata per tre anni, durante i quali è stata torturata e ferita alle gambe.

Un'altra praticante, Shen Yueping, era detenuta nella stessa prigione in cui si trovava la Deng. La signora Shen è stata sottoposta a torture più crudeli, incluse le scosse elettriche e l'iniezione di farmaci sconosciuti, e nel luglio del 2009 è morta.

L'articolo afferma: “La signorina Lu si è trasferita in America nel 2012 e ha conseguito il master in contabilità presso l'Università di Tampa”.

Ha mantenuto i contatti con i suoi genitori e ha appreso da suo padre che sua madre era stata condannata a sei anni di reclusione per aver distribuito del materiale informativo sul Falun Gong.

La salute di sua madre sta peggiorando e la donna ha una protuberanza dolorosa nella gamba sinistra.

L'articolo descrive inoltre che la praticante ha chiesto aiuto al parlamentare degli Stati Uniti, Dennis Ross, un deputato repubblicano della città di Lakeland che rappresenta la parte orientale della contea di Hillsborough. Ross e altri tre deputati hanno inviato delle lettere a Xi per chiedere il rilascio della Deng.

Ross ha affermato: “Noi del Congresso dovremmo imporci in nome dei diritti umani e dico che questi fatti sono inaccettabili. Questa oppressione dovrebbe cessare, soprattutto in nome della madre di Iris”.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.