Sempre più persone sostengono i praticanti del Falun Gong

(Minghui.org) I praticanti della Falun Dafa non si sono mai fermati nel chiarire la verità sulla Dafa, nonostante la possibilità di incorrere in arresti o detenzione. Così, sempre più persone, inclusi gli agenti della polizia e i funzionari del governo, hanno cambiato la loro mente e il loro atteggiamento verso la Dafa, e hanno perfino cercato di proteggere attivamente alcuni praticanti.

Un agente della polizia: i praticanti sono persone brave

Una notte, mentre stavo distribuendo i materiali informativi sulla Falun Dafa, un ubriaco mi ha trascinato alla stazione di polizia locale. Gli ho detto che stavo semplicemente condividendo con la gente la verità sulla Dafa, ma lui ha rifiutato di ascoltare. Alla stazione di polizia, gridava di aver preso una persona cattiva.

Rendendosi conto che ero un praticante, l’agente di polizia ha detto all’ubriacone: “Hai sbagliato, i praticanti della Falun Dafa seguono i principi di verità, compassione e tolleranza”.

L’ubriacone ha cominciato a urlare. Mi ha spinto verso la porta e voleva portarmi al dipartimento di pubblica sicurezza. Seccato dall’ubriacone litigioso, l’agente di polizia lo ha ammanettato, ma l'ho fermato.

Ha detto: “guarda come è gentile, un’altra persona ti avrebbe picchiato”. Quando ho detto all’agente che dovevo tornare a casa, mi ha detto che avrebbe lasciato andare prima l’ubriacone per evitare ulteriori conflitti.

L’agente ha poi chiesto il mio nome e ha controllato nel loro sistema. Rendendomi conto che dargli il mio vero nome, avrebbe complicato la situazione, gli ho detto: “Non pensare di potermi fare qualcosa semplicemente perché adesso sai chi sono”. Lui ha risposto che non aveva intenzione di farmi niente.

Ho continuato: “Sai quanti funzionari del PCC di alto rango sono stati arrestati per corruzione e di solito sono coloro che sono stati molto attivi nella persecuzione contro i praticanti? Dovresti ricordare ‘La Falun Dafa è buona; Verità-Compassione-Tolleranza sono buone’”.

Prima di andarmene, ha fatto le dimissioni dal PCC.

Il capo villaggio si è dimesso dal PCC

Sono andato in un mercato di contadini per distribuire i materiali informativi sulla Falun Dafa. Camminavo tra la folla dicendo: “Le informazioni sulla Falun Dafa portano buona fortuna a coloro che le leggono. Dimettetevi dal PCC”.

All’improvviso una persona mi ha schiaffeggiato per due volte e ha rifiutato di ascoltare tutto ciò che dicevo.

Siamo venuti a sapere che era il capo villaggio. Abbiamo pubblicato ciò che era successo sul sito Minghui, e poi abbiamo distribuito i materiali della Dafa in tutto il villaggio.

I praticanti locali sono andati a casa sua per parlargli della Dafa. Gli hanno detto che le persone saranno ritenute responsabili per ciò che dicono e ciò che fanno.

Durante il periodo del capodanno cinese, sono tornato allo stesso mercato per distribuire i materiali informativi mentre parlavo alla gente della pratica.

Il capo villaggio ha detto: “Puoi farlo, ma ti prego di non parlare ad alta voce della Falun Dafa. La polizia locale mi ha detto di tenervi d’occhio e non permettervi di distribuire i materiali, quindi non ho altra scelta”.

Sembrava sincero, così ho acconsentito ad essere più silenzioso nel mio approccio. Quando mi è caduto un volantino per terra, lui lo ha raccolto e me l'ha ridato. Gli ho chiesto di raggiungermi in un edificio vicino, perché volevo parlargli in privato.

Quando ho chiuso la porta, ha detto: “Ho fatto male a picchiarti. So che siete tutte persone brave”.

Ho cercato di dargli alcuni volantini e altre informazioni sulla Dafa. Mi ha detto che non era necessario perché aveva già letto tutti i materiali che aveva confiscato in passato.

Quindi senza troppi preamboli gli ho chiesto se volesse lasciare il PCC e l’ha fatto.

Versione inglese

* * *

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.