Le guardie del centro di detenzione mi hanno trattato bene

(Minghui.org) Molte delle persone che hanno preso parte alla persecuzione del Falun Gong sono state colpite dalla retribuzione karmica. Numerosi membri delle forze dell'ordine e dell'autorità giudiziaria sono stati usati dal Partito Comunista Cinese (PCC) per perseguitare illegalmente i praticanti del Falun Gong. Le loro azioni hanno portato disastri a loro stessi e alle loro famiglie.

Tuttavia, dopo aver appreso la verità sui fatti del Falun Gong, alcune persone in questi settori lavorativi si oppongono alla persecuzione e aiutano i praticanti in ogni modo possibile.

Trattato meglio di quanto mi aspettassi

Io pratico il Falun Gong e sono stato portato in un centro di detenzione dalla polizia locale a causa della mia fede.

Nella vita non sono mai stato esposto a un ambiente così spaventoso come un centro di detenzione. Alcuni criminali sospetti sono stati portati nella struttura più o meno contemporaneamente a me. Una guardia di servizio ha poi iniziato ad assegnare le celle a noi nuovi arrivati. Improvvisamente sono stato tirato da parte e mi è stato detto: “Tu aspetta qui”.

Mi chiedevo cosa avessero intensione di farmi. Dopo un po' mi ha detto: “So che sei una brava persona, quindi ti troverò una sistemazione speciale. C'è una cella dove per te sarà relativamente più semplice sopravvivere. Puoi stare lì”.

Ho poi appreso che la cella alla quale si stava riferendo era di solito destinata alle persone di un più alto stato sociale. Chiunque avesse soggiornato lì avrebbe dovuto pagare un'ingente somma di denaro ai direttori del centro di detenzione, ma io non ho dovuto farlo. Queste sorti di tangenti costituiscono un'importante fonte di reddito per il personale del carcere.

Protetto da una guardia del centro di detenzione

Un altro secondino nel centro di detenzione era una persona buona e onesta. Non era ancora terminato il mio secondo giorno nella struttura che questa guardia aveva compreso che tra i nuovi arrivati c'erano diversi praticanti del Falun Gong.

Secondo le regole del centro di detenzione i praticanti dovrebbero essere trattati più rigorosamente dei criminali, tuttavia lui era molto gentile con tutti noi. Sebbene i detenuti non avessero il permesso di parlare l'uno con l'altro o di condividere cibo o spuntini, questo secondino ci procurava talvolta del cibo o degli snack e non ci impediva di parlare tra di noi.

Una volta mi ha portato nel suo ufficio e mi ha offerto una tazza di tè. Poi mi ha chiesto del Falun Gong, del perché il PCC ci persegue e del perché i praticanti si rifiutano di rinunciare alla loro fede. Gli ho detto tutto sul Falun Gong e ho risposto a tutte le sue domande.

Una guardia mi consentiva di lasciare la cella incustodita

Le guardie della struttura avevano il compito di tenere personalmente d'occhio le cose anziché utilizzare le telecamere di sorveglianza. Quando volevo fare una passeggiata nel cortile, dovevo chiederlo alla guardia di servizio. Alcune di loro mi hanno permesso di uscire dalla cella e hanno persino chiacchierato con me.

Un secondino che si era ritirato dall'esercito parlava con me con piacere. Quando era di turno la notte mi permetteva di uscire dalla cella e qualche volta portava del cibo da casa per condividerlo con me. Quando volevo far visita agli altri praticanti, uscivo tranquillamente dalla cella per andare a parlare con loro e li incoraggiavo a sostenerci l'un l'altro. Non ha mai interferito con me.

Queste guardie mi hanno trattato molto bene e non per il fatto che ho offerto loro doni o tangenti. È stato per via della giustizia umana, della gentilezza e di un po' della natura di Buddha che esiste ancora nei loro cuori che sono riuscite a resistere naturalmente alle vecchie forze malvagie e a trattarmi bene.

Queste persone hanno tutte tratto beneficio dalla loro gentilezza verso i praticanti del Falun Gong.

Versione inglese

* * *

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.