Shanxi: Praticante del Falun Gong in condizioni critiche a causa degli abusi nella prigione di Jinzhong

(Minghui.org) Un residente della contea di Wenxi incarcerato per la sua fede, è stato recentemente rilasciato per motivi di salute dopo essere stato ridotto in condizioni critiche nella prigione di Jizhong.

L'uomo di nome Li Chenglong era in condizioni così terribili che gli ospedali locali hanno rifiutato di ammetterlo. Lo hanno così ricondotto nella sua città natale, dove le autorità locali sono andate porta a porta dai suoi compaesani, minacciandoli affinché non divulgassero la sua condizione. La polizia locale ha inoltre installato una telecamera di sorveglianza sulla porta di ingresso della sua abitazione.

Il signor Li è stato arrestato nel marzo del 2011 e condannato a 13 anni di prigione nel dicembre dello stesso anno per essersi rifiutato di rinunciare al Falun Gong, una disciplina spirituale perseguitata dal Regime comunista cinese. Da uomo sano che era prima del suo arresto, ora si trova in condizioni critiche a causa delle ripetute torture.

Li è diventato l'ultima vittima degli abusi presso la prigione di Jinzhong; prima di lui, due uomini di Shandong detenuti nello stesso carcere sono morti in circostanze sospette, mentre un altro uomo è stato torturato fino a essere ridotto in fin di vita.

Wang Shimin ridotto in fin di vita a causa delle torture nella prigione di Jinzhong

Il signor Wang Shimin di 60 anni è stato incarcerato nella prigione di Jinzhong nel 2013, anch'egli per aver rifiutato di rinunciare alla pratica del Falun Gong.

Durante i quattro anni di detenzione gli sono state negate le visite dei familiari, tuttavia poco prima del Capodanno 2017, i suoi famigliari sono stati convocati all'Ospedale di pubblica sicurezza di Shanxi, dove lo hanno trovato in condizioni critiche.

La sua famiglia ha chiesto il suo rilascio per motivi di salute, ma non ha ancora ricevuto risposta dalle autorità.

Morte improvvisa di un detenuto nella prigione di Shanxi, la famiglia sospetta omicidio

Anche un residente della città di Taiyuan è morto meno di tre mesi dopo la sua ammissione alla stessa prigione, per aver rifiutato di rinunciare al Falun Gong.

Il signor Zhao Cungui è stato arrestato il 17 novembre del 2015 a causa del suo credo. Mentre era detenuto nel Carcere della città di Taiyuan, gli è stato dato cibo contaminato con droghe sconosciute e di conseguenza ha subito un forte calo della vista ed escrescenze sulla testa e sulle gambe.

Nel maggio del 2016 l'uomo di 62 anni è stato trasferito alla Prigione di Jinzhong e poco più di due mesi dopo, la sua famiglia è stata informata del suo decesso "in seguito ad un malore improvviso".

Le autorità della prigione hanno ripetutamente rifiutato le richieste della famiglia di Zhao, di vedere il suo corpo. Invece, stanno cercando di far pressione sulla famiglia per firmare i documenti necessari alla cremazione.

Morte improvvisa di un dottore imprigionato nel Carcere di Shanxi, lascia molte domande senza risposta

Solo qualche mese prima un altro praticante del Falun Gong nonché medico locale è morto nella stessa prigione in circostanze sospette.

Quando il 26 maggio del 2016 il signor Wang Jigui della città di Yangquan, ha chiamato al telefono la sua famiglia dalla prigione di Jinzhong, sembrava su di morale e in salute; cinque giorni dopo è stato portato d'urgenza in un ospedale e il 2 giugno è morto.

Il signor Wang, medico di medicina tradizionale cinese, stava scontando tre anni per aver distribuito materiali informativi che espongono la persecuzione del Falun Gong, disciplina spirituale basata sui principi di Verità-Compassione-Tolleranza.

Il 2 giugno i suoi famigliari hanno ricevuto una telefonata che li informava della sua morte avvenuta poche ore prima. Il giorno successivo, sotto la stretta sorveglianza delle guardie carcerarie, i familiari hanno potuto vedere il suo corpo e hanno notato delle contusioni sul suo torace e sul lato destro del collo; un medico ha detto loro che era il risultato della compressione del petto durante la rianimazione.

La famiglia si è chiesta quale potrebbe essere stata la causa della sua morte improvvisa dopo la sua ultima telefonata e hanno chiesto perché non erano stati informati prima della sua condizione; le autorità della prigione hanno affermato di aver inviato un avviso il 31 maggio, ma ad oggi la famiglia non ha ricevuto nulla.

Il certificato di morte del signor Wang indica la "sepsi" come causa di morte, ma alla sua famiglia non è stato dato alcun risultato dell'autopsia. Il suo corpo è stato cremato l'8 giugno.

(*) GLOSSARIO

Versione inglese

* * *

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.