Finlandia: I turisti cinesi apprendono i fatti sul Falun Gong nei siti turistici di Helsinki

(Minghui.org) Mentre sempre più turisti cinesi visitano la Finlandia, spesso conosciuta come “la terra dei mille laghi”, i praticanti del Falun Gong colgono l'opportunità per incontrarli e dissipare nelle loro menti gli effetti della propaganda diffamatoria messa in atto dal Partito Comunista Cinese (PCC).

I praticanti mantengono la loro presenza in vari siti turistici della capitale Helsinki, la città più grande della Finlandia, esponendo manifesti e striscioni, facendo dimostrazioni degli esercizi e raccogliendo firme. Tra i luoghi in cui vengono svolti gli eventi ci sono il parco Sibelius, la Piazza del Senato, la chiesa Temppeliaukio kirkko e il parco Hesperia.

Un gruppo di studenti cinesi leggono i manifesti sul Falun Gong esposti in Piazza del Senato

Alcuni turisti leggono i manifesti esposti in Piazza del Senato

Salute e benefici spirituali

Un gruppo di turisti cinesi si è avvicinato ai praticanti mentre stavano praticando la meditazione; si sono fermati a leggere gli striscioni e una di loro ha cominciato a raccontare agli altri quello che aveva visto sul Falun Gong alla televisione in Cina.

Una praticante ha interrotto la meditazione ed è andata a parlare con loro spiegando come la pratica del Falun Gong abbia migliorato la sua salute e che seguendo i principi di Verità, Compassione e Tolleranza la sua mente e il suo cuore sono diventati buoni e puri. La turista è rimasta colpita mentre la praticante ha continuato a raccontare al gruppo come negli anni il Partito Comunista abbia diffamato il Falun Gong con storie prive di fondamento. Alla fine la turista ha detto che si sarebbe dimessa dalle organizzazioni del Partito Comunista.

Un imprenditore cinese della provincia del Guangxi ha detto di aver apprezzato le parole sugli striscioni esposti dai praticanti, ricordando: “Il Partito ha fatto molte cose cattive. I miei due fratelli più anziani sono morti entrambi nella Rivoluzione Culturale”. L’uomo ha poi chiesto a un praticante di aiutarlo a dimettersi dalle organizzazioni del Partito Comunista e prima di andare via ha scattato alcune foto agli striscioni e ai manifesti per mostrarle ai suoi amici al suo ritorno a casa.

La dimostrazione degli esercizi nel parco Sibelius attira molti spettatori

Guida turistica mostra il proprio sostegno

Alcuni praticanti parlano spesso del Falun Gong con le guide turistiche prima che entrino in contatto con i gruppi turistici. Una volta nel vedere i praticanti fare gli esercizi ed esporre gli striscioni un turista ha chiesto: “Perché non viene la polizia ad arrestarli?”. La guida gli ha spiegato che il Falun Gong è ben accettato in molti Paesi, solo in Cina è vietato.

Un'altra guida ha detto: “Ammiro davvero i praticanti del Falun Gong. Protestano di fronte all'ambasciata cinese a prescindere dal tempo: d'estate o d'inverno e persino nei giorni di neve. Piove da tutto il giorno ma i praticanti sono venuti comunque e sono arrivati qui molto prima di noi. So che sono trattati ingiustamente in Cina”. Nel sentire queste parole molti turisti sono andati dai praticanti per conoscere meglio il Falun Gong.

Un turista nel parco Hesperia firma una petizione per dimostrare il suo sostegno al Falun Gong

Dissipare la confusione

Una volta un praticante stava parlando con cinque turisti provenienti dalla Cina meridionale. Uno di loro ha detto di credere nel cristianesimo e di non aver bisogno di dimettersi dalle organizzazioni del Partito Comunista. Il praticante gli ha spiegato che se in passato una persona ha promesso solennemente di dedicare la propria vita al Partito, come potrebbe adesso la sua religione aiutarla? Il turista ci ha pensato e ha poi accettato di dimettersi dal PCC.

Un turista cinese ha detto che non gli piaceva il Falun Gong. Quando gli è stato chiesto il perché ha detto che sua moglie è un praticante e che era stata arrestata per essere andata a protestare a Pechino, e che questa situazione aveva avuto ripercussioni anche sulla sua vita.

Il praticante gli ha chiesto se avesse notato dei cambiamenti positivi in sua moglie da quando aveva cominciato a praticare e l'uomo è rimasto a pensare in silenzio.

Il praticante ha poi spiegato: “Ecco perché quando il governo diffama il Falun Gong senza alcuna ragione, lei si espone e spiega alle persone ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, consapevole che ciò potrebbe avere delle conseguenze”.

Alla fine l'uomo ha accettato il materiale informativo, affermando che l'avrebbe letto.

“Il prelievo forzato degli organi è assurdo!”

Un cinese che vive in Malesia, dopo aver osservato a lungo i praticanti durante gli esercizi, ha parlato con loro della persecuzione in Cina ed è rimasto colpito nell'apprendere del prelievo forzato di organi a scopo di lucro, autorizzato dalla Stato; ha poi commentato: “Il prelievo forzato di organi è assurdo! Sapevo che il Partito Comunista era malvagio, ma non che fosse arrivato a questo punto”. L’uomo ha firmato la petizione per sostenere il Falun Gong, dicendo che avrebbe raccontato ai suoi amici quello che sta accadendo in Cina.

Due turisti arrivati insieme a un gruppo di Hong Kong si sono fermati dicendo di potersi trattenere solo quindici minuti. Uno di loro ha chiesto: “Vorremmo imparare gli esercizi, potresti insegnarceli?”; hanno appreso la serie dei primi quattro esercizi e hanno detto che una volta tornati a Hong Kong avrebbero continuato a praticare.

Un turista firma una petizione nel distretto di Kamppi, nel centro di Helsinki

Anche i turisti provenienti da altri Paesi si sono mostrati interessati a conoscere il Falun Gong e molti di loro hanno firmato le petizioni per chiedere di fermare la persecuzione in Cina. Luisa, una guida turistica, porta spesso i suoi gruppi a leggere i manifesti dei praticanti e racconta loro del prelievo forzato di organi in Cina: “Sento che è importante per loro venire a conoscenza di questi fatti”.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.