L'Imperatore Wen che regnò la dinastia Han occidentale con etica e cortesia

L'Impero Qin sopravvisse soltanto circa quindici anni prima di essere rimpiazzato dalla dinastia Han che rimase al potere per oltre quattrocento anni (202 a.C. – 220 d.C.). La lezione principale che gli imperatori Han impararono dalla dinastia Qin era che le forze potevano essere utilizzate per conquistare altri Paesi, ma non per domarli. L’amministrazione etica fu l'unico modo per mantenere la propria dinastia per sempre.

L'Imperatore Wen della Dinastia Han (Illustrato da Catherine Chang, Epoch Times staff)

Nel periodo della dinastia Han,furono fondati i sistemi politici cinesi delle leggi, delle istituzioni e della filosofia. La dinastia comprese due periodi: la dinastia Han occidentale e la dinastia Han orientale. Durante la dinastia Occidentale, ci fu un lungo periodo di prosperità, e i Cinesi furono riconosciuti come la popolazione di Han. Da allora, le parole "la popolazione Han, i caratteri Han e l'abbigliamento Han" sono state usate fino ad oggi.

L'Imperatore Wen (202-157 a.C.) fu il quinto imperatore della dinastia Han. Governò il paese per 23 anni. Durante questo periodo la gente godette di una vita tranquilla e benestante. Per la dinastia Han fu il punto di svolta per trasformare una nazione devastata dalla guerra in un'economia in piena crescita.

La benevolenza dell'Imperatore Wen si rifletteva in molti modi. Eccone cinque.

Uno, abolì le punizioni corporali e la colpevolezza-associata. L'Imperatore Wen ritenne che le leggi erano stabilite per governare il Paese, scoraggiare i crimini e guidare le persone a comportamenti adeguati. Se l'autore di un reato è punito a norma di legge, altri che sono innocenti non devono essere coinvolti. Inoltre, fintanto che le leggi e i regolamenti sono giusti, la gente sarà leale; la corretta applicazione delle leggi farà in modo che la popolazione creda in esse.

Due, l'imperatore Wen ordinò alle famiglie nobili che vivevano nella capitale di tornare nelle loro terre feudali in modo che i loro contadini affittuari non dovessero trasportare le provviste per lunghi tragitti. Da un lato, la nobiltà sarebbe stata maggiormente in grado di gestire le proprie persone su base locale.

Tre, l'imperatore Wen portò uno stile di vita molto semplice. Dopo aver regnato per 23 anni da quando si era trasferito nella capitale, non accumulò nessun bene di lusso. I vestiti che indossava di solito erano di qualità normale e non erano raffinati. Questo fu di esempio per la nazione. Ordinò, che la sua tomba non venisse ornata con metalli decorativi come oro o argento, ma che al loro posto si fossero utilizzate delle ceramiche. L'ordine dichiarava anche che la tomba doveva essere solo di medie dimensioni per evitare di gravare sul popolo.

Quattro, l'imperatore Wen abolì il reato di diffamazione della corte reale e di critica degli affari politici. Pensò che, accettando i suggerimenti uno si sarebbe aperto a modi più equi di governare il Paese, e poteva evitare l’imposizione della propria volontà.

Cinque, quando aveva a che fare con le questioni della difesa del confine, l'imperatore Wen decideva tra guerra e diplomazia prendendo in considerazione solo il benessere delle persone. Anche se gli Unni settentrionali violarono ripetutamente gli accordi bilaterali e invasero la Cina, l'imperatore Wen ordinò alle truppe solo di rafforzare la difesa, e non di dichiarargli guerra, dal momento che non voleva portare preoccupazioni e difficoltà al suo popolo.

Nel 159 a.C., arrivò la siccità in tutta la nazione, seguita dalle locuste. L'imperatore Wen prese una serie di misure per aiutare le persone: esonerò i signori dai tributi, revocò il divieto sullo sviluppo di montagne e laghi, ridusse la spesa per beni di lusso nel palazzo, tagliò il numero dei funzionari, e aprì i granai alla popolazione povera.

Oltre ad essere un sovrano benevolo, l'imperatore Wen dimostrò anche grande amore filiale e obbedienza. Quando sua madre rimase a letto malata per tre anni, rimaneva spesso sveglio tutta la notte per vegliare su di lei. Ogni volta che sua madre stava per prendere la medicina, insisteva per assumerla per primo, per la sua sicurezza.

Durante il suo regno, l'etica e la cortesia erano molto apprezzate, così regnarono la stabilità sociale e la pace nella vita delle persone. Dopo decenni di guerra l'economia si riprese fino a diventare finalmente prospera. La dinastia Han occidentale fu una delle rare "società armoniose" nella storia cinese.

Agg.V

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.