Zhuang Zi — Grande patriarca del Taoismo assieme a Laozi

Zhuang Zi (369 – 286 AC), o Chuang Tse, nella sua vita non fu mai un funzionario di spicco del governo, fu solo un funzionario minore nella sua città natale per un breve periodo. Una volta gli fu offerta la posizione di Primo Ministro dal re di uno Stato, ma egli rifiutò. È noto che Zhuang Zi paragonò lo scambio della sua libertà con un ruolo di funzionario governativo ad una tartaruga divina che vende il suo guscio per essere adorata.

Zhuang Zi – grande patriarca del Taoismo assieme a Laozi, illustratato da SM Yang, Epoch Times staff

Visto come un eccentrico, Zhuang Zi visse una vita povera ma mai pessimista. Prese le distanze dalle persone che godevano dei piaceri, e non si sentiva a disagio indossando vestiti rattoppati, restando senza cibo o addirittura vivendo a volte di carità. Raggiunse l'illuminazione attraverso l'abbandono delle preoccupazioni mondane, seguendo la regola naturale del Tao, fu riconosciuto come un grande patriarca del Taoismo assieme a Lao Zi.

Come Taoista non perseguì fama, ricchezza e carriera, non si interessò dell'attenzione pubblica, la storia della vita di Zhuang Zi fu poco conosciuta. Tuttavia, il libro che porta il suo nome - “Zhuang zi”, anche conosciuto come “Il puro classico di Nan-hua” fu largamente ammirato per generazioni, e diede inizio a migliaia di volumi di letteratura interpretativa e di ricerca. Essendo una persona saggia e fantasiosa, Zhuang Zi usò numerose metafore e sarcasmo umoristico, nei suoi libri. Pensava che la natura dovesse essere lasciata indisturbata, e che l'uomo doveva ricercare l'armonia con l'ambiente. Il libro “Zhuang zi” attirò persone di un ampio raggio di classi sociali e il suo pensiero ebbe un impatto profondo nella vita quotidiana delle persone. Il libro è stato tradotto in molte lingue in tutto il mondo.

Nello “Zhuang zi”, riflette sugli effetti negativi della cosiddetta civilizzazione ed esprime il desiderio di libertà spirituale. Una tale filosofia in seguito trovò la sua espressione nella letteratura e nelle arti visive. Affermò di essere libero dagli attaccamenti mondani, e fu fortemente contrario al trascorrere la vita umana ricercando le glorie mondane e le ricchezze materiali.

Zhuang Zi crede che la più grande realizzazione nella società sia “l'azione senza azione, governare governando niente” (wu-wei). È un'azione così perfetta che ogni cosa segue la sua causa naturale, così non c'è traccia visibile dell'autore ed essa è in pieno accordo con la natura originaria del mondo, il Tao. Così in una società, il governatore dovrebbe governare senza un intervento deliberato, senza fare pressione , e ognuno segue la sua natura con libertà spirituale, e la società si svilupperà in armonia.

A differenza del Confucianesimo istituzionale che prende in considerazione le responsabilità sociali dei propri membri, la filosofia di Zhuang Zi enfatizza maggiormente la vita privata dell'individuo e la saggezza spirituale. In seguito molti intellettuali cinesi approdarono alla sua filosofia durante le turbolenze dei cambiamenti dinastici.

Agg.V

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.