La comunità internazionale risponde ai tredici anni di persecuzione del Falun Gong

(Minghui.org) In occasione del 13 anniversario dall'inizio della persecuzione del Falun Gong in Cina, la comunità internazionale ha rilasciato un'ondata di appelli per porre fine alla persecuzione.Vari governi, città negli Stati Uniti, in Italia e nella Repubblica Caca hanno approvato varie risoluzioni che condannano la persecuzione del Falun Gong da parte del Partito Comunista Cinese (PCC).

Il Consiglio Comunale di Livingston, New Jersey, ha approvato una risoluzione il 2 luglio 2012, condannando la "brutale e repressiva pratica del governo cinese contro i praticanti del Falun Gong" e invitando "il governo federale a fare tutto quanto in suo potere per aiutare a fermare tali atrocità in Cina".

Il 2 luglio 2012, il Consiglio Comunale di Livingston, New Jersey ha approvato la risoluzione che chiede di intervenire per aiutare a fermare la persecuzione dei praticanti del Falun Gong a Cina

Il comune di Carson, California, ha approvato la Risoluzione 12-076 il 17 luglio 2012, che si oppone alla persecuzione del Falun Gong.

La risoluzione 12-076 di Carson City, California, è stata approvata il 17 luglio 2012

Il Consiglio Provinciale di Firenze, Italia, ha approvato all'unanimità una risoluzione, il 27 giugno 2012, che chiede al Partito Comunista Cinese di smettere di perseguitare il Falun Gong, di investigare sul delitto della raccolta di organi su praticanti vivi del Falun Gong e di tutelare la libertà religiosa i Cina.

Il Consiglio Provinciale di Firenze, ha approvato all'unanimità una risoluzione che richiede al Partito Comunista Cinese di smettere di perseguitare il Falun Gong

Il 23 maggio 2012, la Commissione del Senato Ceco per l'Istruzione, la Scienza, la Cultura, i Diritti umani e le Petizioni ha discusso una proposta per porre fine alla persecuzione del Falun Gong in Cina. I membri presenti hanno raggiunto un accordo unanime, hanno chiesto la fine della persecuzione ed approvato una risoluzione. Nella risoluzione si chiede che il Partito Comunista Cinese (PCC) revochi la messa al bando del Falun Gong, sciolga l'Ufficio 610, fermi la persecuzione del Falun Gong e rilasci i praticanti detenuti e i prigionieri di coscienza. Secondo il quinto punto della risoluzione, il governo e il Presidente della Repubblica Ceca sono invitati a tenere colloqui con il PCC per porre fine alla persecuzione del Falun Gong.

Il presidente del Comitato, il dottor Jaromír Jermář legge la risoluzione nel corso della riunione

Negli ultimi tredici anni, la comunità internazionale, compresi i governi di Stati Uniti, Canada, Europa, Australia e Taiwan, hanno approvato decine di risoluzioni che chiedono la fine della persecuzione del Falun Gong.

Il 24 luglio 2002 il Congresso degli Stati Uniti ha approvato all'unanimità la risoluzione 188, che chiede al governo cinese di smettere di perseguitare i praticanti del Falun Gong. La 108a Casa dei Rappresentanti ha approvato all'unanimità la Risoluzione Concorrente 304 della Casa il 4 ottobre 2004, condannando l'oppressione attuata dal governo cinese nei confronti del Falun Gong, sia negli Stati Uniti che in Cina. La Camera ha approvato la Risoluzione 605 il 16 marzo 2010. La risoluzione chiede la fine immediata della campagna del regime nel perseguitare, intimidire, imprigionare e torturare i praticanti del Falun Gong, e di rilasciare tutti i praticanti del Falun Gong che si trovano in detenzione.

Il 29 luglio 2009, il Comune di Chicago, la terza città più grande degli Stati Uniti, ha approvato una risoluzione, che dichiara: "Gli Stati Uniti dovrebbero condannare la persecuzione contro il Falun Gong, e fare tutti gli sforzi per porre fine immediatamente a tale persecuzione in Cina". "È anche nostra responsabilità come esseri umani sensibilizzare l'opinione pubblica per fermare i crimini orribili contro altri esseri umani, non importa quale sia il costo". Il consiglio comunale di San Francisco ha approvato una risoluzione per condannare la persecuzione nel gennaio 2006.

Il 24 ottobre 2002, il Parlamento canadese ha approvato una risoluzione che sostiene il Falun Gong. Il 7 settembre 2006, il Parlamento europeo ha approvato all'unanimità una risoluzione per un rapporto di relazioni UE-Cina, invitando il regime cinese a rilasciare i praticanti del Falun Gong. La risoluzione afferma che "il Parlamento Europeo condanna fermamente la detenzione e la tortura dei praticanti del Falun Gong in carcere, la rieducazione attraverso campi di lavoro, gli ospedali psichiatrici e le scuole di educazione legali; è preoccupato per le notizie che gli organi dei praticanti del Falun Gong detenuti siano stati rimossi e venduti agli ospedali; esorta il governo cinese a porre fine alla detenzione e alla tortura dei praticanti del Falun Gong e di rilasciarli immediatamente". Il 24 giugno 2008, il Senato australiano ha approvato la Risoluzione n° 127, sollecitando il regime comunista cinese a fermare la persecuzione dei praticanti del Falun Gong. La risoluzione è stata adottata all'unanimità da tutte le parti.

Sin dall'inizio della persecuzione, l'ex capo del PCC, Jiang Zemin, ha tentato invano di eliminare il Falun Gong. Dopo tredici anni il Falun Gong è ancora irremovibile e la persecuzione è stata esposta in tutto il mondo. Innumerevoli persone sono state toccate dalla compassione dei praticanti del Falun Gong e dalla loro fermezza. Il sopra citati documenti denotano il sostegno della comunità internazionale ed esprimono il desiderio del mondo nel porre fine a questa vergognosa pagina della storia cinese.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.