25 Parlamentari italiani assegnerebbero il Nobel della Pace al Fondatore del Falun Gong

Camera dei Deputati - Comunicato Stampa dell'On. Giovine (FI)
 

La rapida molilitazione di tanti parlamentari italiani affinchè il Premio Nobel 2001 per la Pace vada al Sig. Li Hongzhi, fondatore del movimento spirituale del Falun Gong, mi soddisfa enormemente e mi conferma la bontà della mia iniziativa". Lo afferma il deputato di Forza Italia Umberto Giovine che dopo aver presentato un'interrogazione parlamentare per sollecitare il governo italiano ad una pronta ed energetica iniziativa per fermare "l'intollerabile persecuzione generalizzata dei milioni di (praticanti) del Falun Gong", si è prodigato affinchè anche parlamentari italiani sottoscrivessero la candidatura internazionale al Nobel per la Pace del fondatore del movimento.

Il Falun Gong, nonostante sia del tutto innocuo e nonostante ch ei suoi membri si limitino esclusivamente a praticare antiche arti meditative, è oggetto in Cina di persecuzioni feroci che già hanno portato all'uccisione di più di un centinaio di persone, come ha documentato Amnesty International. "La candidatura del Sig. Li Hongzhi - prosegue il deputato lombardo - non solo è un forte segnale di protesta, ma può concretamente servire affinchè questa costante violazione dei diritti umani in Cina abbia termine e non si estenda invece, come temo che possa avvenire, anche a Hong Kong", dove pure sono presenti numerosi simpatizzanti del Falun Gong. Nonostante che questo movimento spirituale sia pacifico e non sia organizzato gerarchicamente, il governo comunista cinese, per giustificare la sanguinosa repressione in atto, mira a dipingerlo come una pericolosa "parole omise diffamatorie del regime cinese - nota dell'editore". Così è accaduto in Francia dove l'ambasciatore cinese, incontrando membri della Missione interministeriale di lotto contro le sette, ha proposto gli argomenti che generalmente il governo di Pechino adopera per screditare il movimento ed i suoi simpatizzanti. La Francia e il Belgio sono i due paesi europei dove i governi svolgono un'azione repressiva contro ciò che defiscono "sette religiose".

I parlamentare che hanno sottoscritto l'appello di Umberto Giovine per la Candidatura a Premio Nobel per la Pace 2001 del Sig. Li Hongzhi sono i seguenti:
On. Umberto Giovine
On. Alfredo Biondi
On Angelo Santori
Sen. Renato Meduri
Sen. ANgelo Rescaglio
On. Gualberto Niccolini
On. Marco Taradash
On. Vicenza Fragalà
On. Fabio Calzavara
On. Giovanni Marras
Sen. Saverio Porcari
On. Marcello Lucidi
On. Alberto Di Luca
Sen. Adriana Pasquali
Sen. Francesco Scopelliti
On. Francesco Paolo Lucchese
Sen. Bruno Erroi
On. Amedeo Matacena
On. Nicandro Marinacci
On. Giuseppe Del Barone
On. Sandra Fei
Sen. Antonio D'Alì
Sen. Sergio Travaglia
On. Raffaele Costa
Sen. Giuseppe Firrarello

La richiesta di candidatura di Li HongZhi al Premio Nobel per la Pace è stata inviata al Norwegian Nobel Institute di Oslo e si aggiunge a quelle di altri parlamentari nazionali ed europei.

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.