Hebei: Imprigionato per dieci anni, il signor Zheng Huiwang racconta il suo calvario

(Minghui.org) Nel 2008 il signor Zheng Huiwang, praticante del Falun Gong del villaggio di Wangpo, nella città di Bazhou (provincia dell'Hebei), è stato illegalmente condannato (*) a una pena detentiva di dieci anni che sta tuttora scontando.

Nel 2016 il personale dell'Ufficio 610 (*) di Pechino ha supervisionato la “trasformazione” (*) dei praticanti del Falun Gong, tra i quali il signor Zheng.

L'uomo ha detto alla sua famiglia: “Se mi succede qualcosa, dovrete ritenere responsabili i miei aguzzini. Non dimenticate mai che queste persone sono capaci di ogni tipo di crimine”.

Preparazione del programma di tortura

Per assicurasi la mia “trasformazione” hanno creato un programma di torture fisiche e mentali.

Il programma era costituito da due parti. La prima doveva iniziare dopo la visita dei miei familiari il 27 luglio 2016 e proseguire fino al 20 agosto. Successivamente, il 27 agosto, dovevo essere trasferito al secondo reparto e trattenuto lì fino all'8 ottobre.

All'inizio di maggio l'istruttore Zhang mi ha chiesto se avessi accettato di rinunciare al Falun Gong in cambio di una riduzione della pena detentiva, ma io ho rifiutato.

In primo luogo mi hanno rinchiuso nella sezione adibita alla rieducazione al fine di assicurarsi che nessuno potesse farmi visita o entrare in contatto con me. Hanno anche annullato le visite dei miei familiari.

Liu Guanghui, una guardia viziosa dalla prigione di Qianjin, ha predisposto il mio programma di “trasformazione”. Era noto per la sua crudeltà e si suppone che abbia “trasformato” numerosi praticanti.

Il giorno dopo la mia visita dei miei familiari mi è stato chiesto per due volte di incontrare una persona di Pechino per discutere le questioni del Falun Gong e in entrambi i casi ho rifiutato di vederla.

Su ordine di Tian Silong dalla sezione rieducativa sono stato allora portato in un ufficio, dove ho incontrato un capo sezione di nome Li Hongyou. Ho gridato: “La Falun Dafa è buona” e lui ha ordinato ai suoi subalterni di farmi tacere cacciandomi qualcosa nella bocca.

Poi mi hanno trascinato nel salone dove oltre a Li Hongyou erano già presenti: il vice capo dell'Ufficio 610, Du Diu, Liu Guanghui della prigione di Qianjin e un agente donna. Successivamente sono stato trasferito in una cella vuota con una tavola di legno sul pavimento.

L'inizio della tortura

Quando intorno a 22:30 ero mezzo addormentato sono venute da me alcune persone della sezione rieducativa. Mentre mi dimenavo ho gridato: “La Falun Dafa è buona” e di conseguenza Ma Baohui mi ha preso a schiaffi e mi ha messo un asciugamano nella bocca.

Sono stato poi portato in un altro ufficio e percosso fino quasi all'alba mentre Hu Shiqing mi maltrattava verbalmente.

Il mattino successivo sono stato portato in un'area chiusa al secondo piano della sezione rieducativa, dove sono stato monitorato da tre gruppi di persone.

Sono stato costretto a sedermi su uno spesso dizionario collocato su una tavola di legno sotto il sole cocente . È stato estremamente scomodo e a causa delle sedute prolungate le mie natiche sono diventate piene di ematomi.

Mi hanno inoltre ammanettato e messo ai ceppi e legato le manette e i ceppi insieme. Ho dovuto sedermi in una posizione scomoda, piegandomi in avanti alla vita, e contemporaneamente guardare dei video che diffamavano il Falun Gong.

Cambio di tattica

Un pomeriggio mi è stato detto: “Sei in grossi guai. Hanno trovato un grande quantità di materiale del Falun Gong nascosto tra la tua roba. Persino il tuo istruttore Tian sarà punito e quelli che ti stavano monitorando sono stati tutti rinchiusi”.

Ho sentito per caso uno di loro affermare: “Ho sentito dire che è stata arrestata anche sua moglie perché viene spesso a causare problemi. È sicuramente stata lei ad avergli portato questo materiale”.

Successivamente è arrivato Liu e ha sostenuto che avevano trovato oltre ottocento pagine di materiale del Falun Gong. Mi ha minacciato di dover scontare ulteriori otto anni di carcere.

Ha anche detto che mia moglie e mio figlio erano i principali sospettati e che se avessero trovato del materiale simile a casa mia, sarebbero stati puniti anche loro. Ha continuato a minacciarmi e ha concluso col dire che se avessi accettato di essere “trasformato”, avrebbe gestito la situazione con indulgenza.

La loro tattica era così evidente e questo mi ha reso ancor più determinato nel rimanere risoluto nella mia fede.

“Trasformato”

Successivamente mi hanno privato del sonno. Ogni volta che chiudevo gli occhi, mi percuotevano.

Dopo tre giorni mi hanno interrogato e mi hanno chiesto di rivelare la fonte del materiale del Falun Gong trovato in mio possesso, ma io mi sono rifiutato completamente di parlare.

Hanno poi mescolato dei purganti nel mio cibo e mi hanno impedito di usare il bagno. Hanno stampato il nome del Maestro su un foglio di carta e mi hanno costretto a sedermici sopra.

La quarta notte di privazione del sonno è arrivata da Pechino un'altra persona.

A quel punto non ero più molto lucido di mente. Liu ha minacciato che mi avrebbero torturato con i manganelli elettrici. Il quinto giorno la mia mente ha cominciato a vagare e sentivo di poter crollare da un momento all'altro. Non potevo più sopportare la sofferenza e ho accettato di scrivere le dichiarazioni di denuncia (*) del Falun Gong.

In seguito sono stato così profondamente sopraffatto dal rammarico e dalla vergogna che ho anche pensato di voler morire. Tuttavia sapevo che non dovevo commettere il suicidio, perché questo va contro i principi del Falun Gong e perché gli aguzzini usano questa azione come scusa per infangare la reputazione della disciplina spirituale.

Inganno

Sono stato riportato al secondo reparto e mi è stato ordinato di calunniare il Falun Gong. Inoltre ho dovuto scrivere negativamente sul fatto che avevo praticato la disciplina spirituale.

Più tardi Zhao Lihua, direttore dell'Ufficio 610 di Langfang, e un membro dell'Ufficio 610 di Bazhou sono venuti a valutare la mia situazione. Entrambi hanno detto che la mia “trasformazione” non era abbastanza profonda.

Hanno così continuato a privarmi di sonno per impedirmi di diventare lucido.

Prima di tornare a Pechino, Liu Guanghui si è trattenuto nella struttura per altri sei giorni solo per assicurarsi che fossi davvero “trasformato”.

Ho dovuto leggere un libro intitolato Il sogno del paradiso scritto da una ex praticante di mezza età. La donna vive nella città di Shijiazhuang e sostiene di essere una scrittrice. Ho anche dovuto guardare dei video che denigravano il Falun Gong.

Fino all'8 ottobre hanno continuato a mantenere un controllo stretto e costante su di me, e mi hanno assegnato due persone dalla sezione rieducazione e tre detenuti per sorvegliarmi tutto il giorno.

(*) GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.