Liaoning: La perseveranza di una coppia che chiede il rilascio del proprio figlio incarcerato da vent’anni

(Minghui.org) Per oltre dieci anni i genitori di Zhao Hongli che ora hanno rispettivamente ottantatré e settantasei anni, hanno chiesto giustizia per il loro figlio condannato ingiustamente.

Nonostante la loro età e i rischi per la loro sicurezza, i due anziani hanno frequentato i dipartimenti locali di polizia, la procura e i tribunali; sono stati minacciati, respinti e arrestati a loro volta.

“Fino a quando mio figlio sarà detenuto continuerò a chiedere giustizia per lui. Non rinuncerò mai!” ha dichiarato l’anziana madre Lu Fengzhen.

Il figlio Zhao Hongli di quarantotto anni, ha trascorso quasi la metà della sua vita in prigione negli ultimi due decenni, è stato condannato tre volte con un aumento del periodo fino a ventiquattro anni. Ora sta scontando la sua terza condanna nella prigione di Jinzhou. I giorni trascorsi con sua figlia ora sedicenne, si possono contare su di una mano.

Prima condanna: incastrato dai soci in affari

Nei suoi primi vent’anni il signor Zhao faceva affari con alcuni amici. Quando ha scoperto che i suoi soci in affari erano coinvolti nella rivendita di alcune reliquie ha deciso di smettere di lavorare con loro. Uno degli amici l'ha incastrato e ha sostenuto che il signor Zhao avesse rubato il suo denaro. Alla fine del 1994 il signor Zhao è stato condannato a sei anni di carcere. Quando i suoi genitori hanno presentato ricorso, la corte suprema ha prolungato la pena a dieci anni.

Il signor Zhao soffriva di una malattia cardiaca congenita e mentre i suoi genitori erano preoccupati per la mancanza delle dovute cure mediche in carcere, ha iniziato a praticare il Falun Gong e la sua malattia è svanita.

I principi su cui si basa il Falun Gong, Verità, Compassione e Tolleranza, hanno modificato il suo carattere, ha eliminato il pensiero di vendicarsi di chi lo aveva denunciato e durante un incidente in carcere ha salvato un’altra persona a rischio della sua stessa incolumità, pertanto è stato rilasciato all’inizio del 1999.

Seconda condanna: perseguitato per la sua fede

Dopo il rilascio, prima che potesse iniziare una nuova vita, nel 1999 il Partito Comunista Cinese ha lanciato la persecuzione del Falun Gong a livello nazionale, mettendolo nuovamente in pericolo.

Nel 2004 il signor Zhao è stato arrestato la seconda volta per aver stampato materiale informativo riguardo al Falun Gong, e condannato a otto anni. La polizia e il personale del tribunale hanno informato i suoi familiari solo dopo che era stato incarcerato.

Torturato in prigione

Zhao ha preparato alcuni documenti per ricorrere in appello, ma una guardia della prigione glielo ha negato confiscandoglieli. Per protesta ha iniziato uno sciopero della fame che è durato diversi mesi e di conseguenza il medico del carcere l’ha sottoposto ad alimentazione forzata.

Era emaciato e non era in grado di stare in piedi, né di parlare. I medici volevano mettergli una flebo, ma non trovavano un vaso sanguigno in cui inserire l’ago.

In punto di morte il signor Zhao è stato trasferito alla prigione di Shenyang, dove le torture sono continuate legandolo al letto nella posizione dell’aquila spiegata.

Terza condanna: gli abusi continuano

Essendo sopravvissuto in prigione a torture fisiche e mentali inimmaginabili, il signor Zhao è tornato a casa nel 2012. Soltanto un anno dopo, il 7 settembre 2013, è stato nuovamente arrestato per aver diffuso informazioni riguardo alla persecuzione del Falun Gong tramite il suo telefono cellulare. Il capo della divisione di sicurezza interna ha minacciato la sua famiglia riguardo al fatto che il figlio avrebbe ottenuto una pesante condanna e che avrebbe avuto una vita miserabile se avessero denunciato la polizia.

L'uomo è stato torturato presso la stazione di polizia, quando è stato trasferito al centro di detenzione, il personale è rimasto scioccato vedendo le ferite sul suo corpo.

Durante il processo il giudice ha minacciato il suo avvocato che avrebbe sospeso il suo diritto alla difesa se avesse fatto menzione del fatto che il signor Zhao era stato picchiato dalla polizia.

Nel verdetto la quantità di messaggi di testo inviati dal signor Zhao riguardo al Falun Gong, è stata aumentata da dieci a settantasette e la quantità di altro materiale trovato presso la sua abitazione è stata gonfiata. La polizia, la procura e il tribunale hanno lavorato per fabbricare prove contro di lui, così il signor Zhao è stato condannato per la terza volta a sei anni di carcere.

Nel centro di detenzione gli sono state negate per lungo tempo le visite dei suoi familiari. Dopo diversi viaggi alla prigione, quando la famiglia è riuscita finalmente a vederlo, non riusciva a riconoscerlo a causa del viso gonfio e deformato. Quando sua madre ha chiesto che cosa gli fosse successo, Zhao le ha detto solamente: “Mamma non fare domande, questo non è un posto per esseri umani”. Sua madre è caduta a terra piangendo.

Genitori in cerca di giustizia

Dopo la sentenza, il tribunale e la prigione hanno rifiutato di fornire una copia del verdetto alla famiglia rendendo loro impossibile ricorrere in appello. La mamma si è recata all’ufficio centrale ricorsi di Pechino quattro volte, ma è stata fermata dalla polizia locale e riportata nella sua città. Ha scritto centinaia di lettere ai relativi dipartimenti senza ricevere risposta.

Quando finalmente nel 2015 ha ottenuto una copia del verdetto, è rimasta sconvolta nell’apprendere che il tribunale aveva effettivamente condannato Zhao con una falsa accusa di furto.

La coppia di anziani ha presentato ricorso all’alta corte della provincia del Liaoning che ha accettato il caso, ma ha respinto subito il ricorso della coppia confermando l’accusa originale di furto.

“Ciò che hanno fatto è semplicemente inaccettabile! Era così ovvio che questo caso era falso e costruito, ma l’alta corte li copriva e ha respinto il nostro appello” ha detto un membro della famiglia.

Aggrappandosi alla speranza

Nonostante tutto ciò che lui e la sua famiglia hanno sopportato, il signor Zhao è ottimista e spera in un futuro più luminoso.

In una lettera che ha scritto ad altri praticanti del Falun Gong detenuti ha detto: “Posso attingere la forza dalla pratica ogni giorno. Non importa quanto mi torturino, non rinuncerò mai alla pratica. Ho soltanto un pensiero nella mia mente:”perseveranza”. Amici praticanti, credo che saremo testimoni nel giorno in cui tutte le tenebre se ne andranno”.

Articoli precedenti:
Practitioner Survives Hunger Strike for Over a Year Practitioners from Liaoning Province Given Long Sentences
Mr. Zhao Hongli from China's Liaoning Province Imprisoned for Eight Years for His Belief in Falun Gong
Recent Details About the Persecution Environment in Panjin Jail, Liaoning Province
A Father Appeals for Falun Dafa Practitioner Zhao Hongli
Mr. Zhao Hongli is Dying from Torture Received in Panjin Prison
Zhao Hongli in Critical Condition, But Panjin Prison Refuses to Release Him
Practitioners Qiao Zhongjin and Zhao Hongli are Persecuted to the Brink of Death in the Wujiawa Detention Center in Chaoyang City, Liaoning Province

(*)GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.