Ascesa e caduta del capo dell'ufficio 610 Li Dongsheng: una carriera politica caratterizzata da propagande d'odio e violenze

(Minghui.org) Joseph Goebbels, ministro della propaganda nella Germania nazista di Hitler, una volta disse: "Se una bugia viene ripetuta abbastanza spesso, la gente ci crederà, anche se dovesse arrivare a crederci da sola". Questo può essere un motivo per cui Hitler fu in grado di indurre in errore con successo l'opinione pubblica prima del genocidio.

Alcuni decenni più tardi, strategie simili sono state utilizzate dal Partito Comunista Cinese (PCC), per creare un ambiente ostile contro i praticanti del Falun Gong durante gli arresti, le detenzioni e altre forme di maltrattamento.

Li Dongsheng, attuale capo dell'Ufficio 610, ex vice ministro del Ministero della Propaganda e poi vice ministro della Pubblica Sicurezza, ha svolto un ruolo chiave nel condurre questa propaganda statale e mediatica diffusa dalle forze di polizia.

La carriera decolla: inganna l'opinione pubblica attraverso mezzi di propaganda

Li è stato il vice direttore della China Central Television (CCTV) tra il gennaio 1993 e il luglio 2000.

Quando l'Ufficio 610 venne creato nel Giugno 1999, egli fu nominato vice direttore dell'organizzazione e responsabile della propaganda.

Per influenzare l'opinione pubblica, ha usato un popolare programma di CCTV che andava in onda in prima serata, "Focus", che si occupava di temi di attualità. Secondo un rapporto del 2013 pubblicato dalla Organizzazione Mondiale per Indagare sulla Persecuzione del Falun Gong (WOIPFG), durante i 6 anni e mezzo dal 21 luglio 1999, fino alla fine del 2005, la programmazione di "Focus" è stata caratterizzata da 102 episodi anti-Falun Gong. Secondo lo stesso rapporto, tra luglio e il dicembre 1999, ci sono stati 70 episodi di puntate anti-Falun Gong.

Manipolare i media per diffamare i gruppi presi di mira è un sistema utilizzato molte volte dal Partito Comunista durante le precedenti campagne politiche, tra cui la rivoluzione culturale alla fine del 1960 e la soppressione del movimento democratico nel 1989.

Gli sforzi di Li sono stati molto efficaci nel manipolare l'opinione pubblica. Diversi mesi dopo, nel mese di luglio del 2000, è stato promosso vice direttore dell'Amministrazione statale di Radio Film e Televisione della Cina (SARFT).

A differenza di altri gruppi presi di mira in precedenti campagne politiche, i praticanti del Falun Gong non hanno alcun programma politico, ciò ha reso difficile per il Partito Comunista eliminarli in breve tempo. Al contrario, i principi che questo gruppo di persone seguono, Verità, Compassione e Tolleranza, così come la loro condotta retta nella vita quotidiana, lasciano un'impressione positiva sulla gente.

Questo è in netto contrasto con ciò che la propaganda diffamatoria diceva su di loro. Molti comuni cittadini hanno cominciato a chiedersi se la persecuzione fosse giustificata, e se la brutalità usata nel processo di arresto, detenzione, imprigionamento e saccheggio delle case, non fosse eccessiva.

Per dare ancora più supporto alla persecuzione, il 23 gennaio del 2001, CCTV ha presentato la messa in scena dell'auto-immolazione in piazza Tiananmen, alla vigilia del Capodanno cinese, sostenendo che il Falun Gong ne era il responsabile. Molti cinesi sono stati ingannati dalle menzogne e sono diventati ostili verso i praticanti del Falun Gong.

False Fire (Fuoco Falso)

A causa dei gravi conflitti sociali sotto il dominio del Partito Comunista, l'auto-immolazione esiste in Cina come ultima risorsa. È stata usata da alcuni cittadini cinesi quando i loro interessi erano da tempo ignorati o i loro problemi restavano irrisolti. Tali eventi, però, sono molto rari e tutti sono stati severamente censurati dai media controllati dallo Stato.

Un giornalista del Washington Post si è recato nella città natale di Liu Chunling, una delle auto- immolate, per indagare sul suo passato. Un successivo articolo del Washington Post ha riferito che, "nessuno l'ha mai vista praticare". Dopo che questo articolo è stato pubblicato, quando il giornalista è ritornato nella città natale della vittima per ulteriori indagini, è stato arrestato.

Ulteriori analisi hanno rivelato altri dubbi sull'autenticità di questo incidente. False Fire (Falso Fuoco), un film pluripremiato che ha analizzato l'evento in modo dettagliato, e ha concluso che è stata una messa in scena architettata da CCTV per diffamare il Falun Gong. Tuttavia, queste informazioni non sono disponibili per molti cinesi.

Poiché l'auto- immolazione ha avuto luogo il giorno prima del Capodanno cinese e comprendeva diversi personaggi, tra cui una ragazza di 12 anni e sua madre, il programma televisivo è stato visto da un pubblico enorme. La stessa notizia è stata poi riportata sui giornali e su altri programmi televisivi ed è stata anche inclusa nei libri di testo scolastici. La simpatia che la gente aveva prima per i praticanti del Falun Gong si è trasformata in rabbia e odio.

Il lavoro di Li nel dirigere la propaganda per alimentare la persecuzione gli è valsa una promozione da Zhou Yongkang. Nell’ottobre 2009, è stato promosso a vice ministro della Pubblica Sicurezza e capo dell'Ufficio 610, passando da un organizzazione del PCC che sforna propaganda per incitare l'odio ad una altra che promuove la violenza.

Momento di transizione: l'uso della violenza per migliorare il lavaggio del cervello

Oltre alle restrizioni fisiche, l'Ufficio 610 ha ordinato il lavaggio del cervello ai praticanti. Così, un gran numero di centri di lavaggio del cervello sono stati istituiti per i praticanti, alcuni di loro venivano arrestati a casa o durante il lavoro, mentre altri venivano trasferiti dalla prigione o dai campi di lavoro forzato nei centri di lavaggio del cervello, dopo che il termine della detenzione era scaduto.

Il programma di CCTV "Focus" durante il mandato di Li Dongsheng faceva parte del lavaggio del cervello.

La storia di tre persone detenute nel centro per il lavaggio del cervello di Wuhan nella provincia di Hubei, è stata riportata sul sito Minghui il 22 Dicembre 2013. Sono esempi tipici di come la violenza viene usata nei centri di lavaggio del cervello.

La signora Wang Yan, una praticante di 20 anni, è stata arrestata presso il centro all'inizio del mese di novembre 2013. Il direttore del centro Qu Shen ha ordinato alle guardie di picchiarla brutalmente.

La signora Cu Hai, un funzionario di 64 anni della Wuhan Chemicals Import e Export Company, detenuta dall'ottobre 2012, è stata tenuta due mesi nel centro di lavaggio del cervello, durante i quali è stata sottoposta ad alimentazione forzata, iniezioni di droghe che danneggiano il sistema nervoso, privazione del sonno, soffocamenti, acqua gelata addosso in inverno e così via.

Il signor Peng Xinhua, un 75enne insegnante in pensione, è stato trasferito in un centro di lavaggio del cervello dopo che la sua condanna quinquennale era terminata.

Questi sono solo tre esempi di individui sottoposti alla violenza nel centro di lavaggio del cervello di Wuhan. Molti altri casi di questo centro si possono trovare sul sito web Minghui. In realtà, il centro di lavaggio del cervello di Wuhan è solo una delle innumerevoli strutture in cui i praticanti sono maltrattati sotto la supervisione dell'Ufficio 610.
Caduta: gli ultimi giorni di Li Dongsheng

Il 20 dicembre 2013 le agenzie di stampa cinesi, hanno riferito che Li è stato indagato per cattiva condotta, un segnale che annuncia l'inizio della fine della sua carriera politica.

Un mese prima, Li Dongsheng aveva visitato la contea Huailai, a circa 120 km da Pechino. Il 5 novembre, si era recato in un villaggio con il segretario del Partito della contea e aveva ordinato alla contea di aumentare la propaganda e la sorveglianza per la persecuzione del Falun Gong.

La visita è stata probabilmente fatta per nascondere la sua ansia. I media controllati dallo Stato non avevano segnalato nulla su Li Dongsheng dal mese di agosto. Quando si vociferava che Zhou Yongkang, grande mecenate politico di Li, era agli arresti domiciliari, Li voleva fare apparizioni pubbliche a scommettere ancora una volta il suo futuro sulla persecuzione del Falun Gong, nella speranza di essere salvato da Jiang Zemin. Tuttavia, la sua visita è stata riportata solo dai media locali.

Mentre la posizione di Li come capo dell'Ufficio 610 era stata tenuta semi - segreta e veniva sempre nominato nella sua presentazione pubblica ufficiale, "Capo dell'ufficio 610", è stato il primo titolo ufficiale con cui veniva nominato annunciato nell'indagine nei suoi confronti.

La caduta di Li Dongsheng come capo dell'Ufficio 610, infine, focalizza l'attenzione sull'organizzazione. La sua rovina può sembrare un risultato di "lotte interne" del PCC, ma è anche una forma di retribuzione. Non si può dire che tutti i funzionari corrotti perseguitino i praticanti del Falun Gong, ma il contrario è sempre vero: coloro che perseguitano i praticanti del Falun Gong sono certamente corrotti.

Con la caduta di Li, la fine dell'ufficio 610 non può essere lontana.

Articoli correlati:

http://www.minghui.org/mh/articles/2013/12/23/284383.html (in cinese)
http://www.minghui.org/mh/articles/2013/12/29/284836.html (in cinese)

versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.