Han Yu - Il fondatore del "movimento di prosa classica"

Han Yu, il fondatore del "movimento di prosa classica. (Zhiching Chen/Epoch Times)

Han Yu ( 768-824 d.C.) fu un famoso poeta e saggista della dinastia Tang. Ebbe un'influenza significativa sulla politica e sulla letteratura, e condusse la riforma della prosa conosciuta come il "movimento di prosa classica" nella storia della letteratura cinese, che guidò gli scrittori ad allontanarsi dalla vanità allora popolare, per tornare sulla prosa classica cinese concentrandosi maggiormente sul contenuto e sulla chiarezza.

Han Yu era un uomo esperto, schietto, cordiale e appassionato, ed ebbe un ampio sostegno nei circoli letterari. Sotto il suo sforzo perseverante, lo stile appariscente della letteratura fu gradualmente spostato sulla prosa classica.

Tuttavia, la personalità schietta di Han gli causò tensioni con potenti eunuchi e funzionari imperiali, quindi la sua carriera presso la corte imperiale fu parecchio turbolenta.

A quel tempo il Buddismo e il Taoismo erano entrambi molto popolari, e l'imperatore credeva che la pace e la prosperità della nazione potessero essere benedetti se la falange del Budda (l'osso del dito di Sakyamuni) venisse regolarmente portato alle cerimonie di culto presso la corte imperiale, la qual cosa era molto costosa. Han scrisse una lettera all'imperatore criticando l’enorme costo di questo culto della falange. La lettera fece infuriare l'imperatore Han e lo scrittore fu immediatamente retrocesso in una zona remota e desolata.

La sua poesia al nipote, che lo vide fuori sotto la tempesta mentre se ne andava è diventato un classico. Il significato del poema è spiegato come segue.

Questa mattina ero sulla strada per la corte imperiale per presentare il mio parere all'imperatore.
Ora si avvicina il tramonto, ma io sono in esilio in un desolato luogo a migliaia di chilometri di distanza dalla capitale.

A rischio della mia vita, ho fatto un passo avanti dando il mio parere onesto all'imperatore per il miglior interesse della nostra dinastia.

Le nubi nascondono la strada da percorrere in montagna, mentre la tempesta di neve ferma il mio cavallo impedendogli di andare avanti.

Mio nipote è venuto lo stesso per dirmi addio, almeno avrebbe portato le mie ossa a casa se fossi morto nel miasma dal fiume.

Nella sua vita Han Yu ha sempre "gridato per la giustizia", e i suoi scritti riportano le ingiustizie sociali nelle loro opere. Dal suo punto di vista, la moralità e l'emozione degli autori deve essere pienamente presente nelle loro opere e con esse anche le esperienze personali degli scrittori. In altre parole, una buona scrittura riflette la buona morale dell'autore. Questo viene chiamato "lo spirito degli scritti è quello degli scrittori".

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.