Xinjiang: La signora Bai Wanzheng muore dopo un lungo termine di persecuzione

(Minghui.org) La signora Bai Wanzhen, una praticante del Falun Gong della città di Changji, in provincia di Xinjiang, è morta il 4 dicembre 2014, all'età di 63 anni. Negli anni precedenti, era stata dichiarata ricercata dal regime comunista ed era diventata uno dei suoi obiettivi principali.

I suoi genitori e le due sorelle sono morti prima di lei a causa della persecuzione contro i praticanti del Falun Gong, iniziata dal PCC nel Luglio del 1999. È stata l' ultima tra i suoi famigliari a morire dopo anni di persecuzione e torture.

14 Anni da senzatetto

La signora Bai ,seconda figlia della sua famiglia e dipendente dell’Ufficio di Logistica di Changji, è stata presa di mira come praticante più ricercata nel 2001.

Dopo che è andata a Pechino per fare appello per il diritto di praticare il Falun Gong, nel luglio 1999, è stata arrestata e riportata nella sua città natale, dove è stata detenuta. Da quel momento in poi, la polizia locale e l’Ufficio 610 (*) l’hanno registrata come uno dei loro principali obiettivi da perseguitare.

Dopo il suo rilascio dalla detenzione, è stata sempre monitorata dalle autorità locali e lei, per evitare di essere continuamente perseguitata, ha abbandonato la sua abitazione ed è diventata una senzatetto. La polizia locale ha emesso un mandato di cattura alla fine del 2001, segnalandola come una fuori legge e come "una minaccia per il potere dello Stato".

il 6 luglio 2012, 11 anni dopo, il Dipartimento di Polizia della città di Fukang, nella Prefettura di Changji, ha emesso un altro mandato di cattura per la signora Bai, offrendo una ricompensa di 5.000 yuan. Hanno anche inviato ufficiali a casa sua per eseguire l'arresto.

Non trovandola in casa, la polizia ha interrogato la sua famiglia e i genitori, minacciandoli che se si fossero rifiutati di dare loro notizie riguardo la sorte della signora Bai, ogni membro della famiglia sarebbe stato licenziato dal suo posto di lavoro. Inoltre, la Polizia di Changji, la polizia di Fukang e l’ufficio 610 hanno emesso un annuncio di ricerca tra le persone scomparse, usando giornali e televisioni della città di Urumqi, capitale dello Xinjiang.

La signora Bai è stata presto licenziata dal lavoro. Le è stato imposto di andare in pensione nel 2008, ma la sua pensione è stata sospesa; dal momento che non poteva usare la sua carta d'identità per trovare un nuovo lavoro, ha dovuto lavorare come baby-sitter.

Nel 2012 la signora Bai ha chiamato suo figlio, ma non sapendo che il suo telefono era sotto controllo, la polizia ha rintracciato la chiamata ed è arrivata presto a casa sua.

La sorella minore muore per inumane torture

La sorella minore della signora Bai, la signora Bai Wanling, è stata condannata ai lavori forzati nel 2000 per avere distribuito del materiale che chiariva la verità (*) sulla persecuzione del PCC contro il Falun Gong.

Ha continuato lo sciopero della fame per protestare contro il trattamento disumano che subivano i praticanti, così le guardie carcerarie le hanno inserito un tubo dal naso fino allo stomaco per darle da mangiare a forza. Questa tortura ha danneggiato i suoi polmoni.

È stata rilasciata dal campo di lavoro quando era sul punto di morte. Non ha mai recuperato ed è morta il 31 maggio del 2004, all'età di 39.

Precedete articolo sulla signora Bai Wanling http://en.minghui.org/html/articles/2004/9/5/52105.html (Articolo in inglese)

I genitori e la sorella maggiore muoiono nell’angoscia

Durante il periodo da senzatetto della signora Bai, gli agenti del Dipartimento di Polizia di Fukang, dell’Ufficio 610, il governo locale e la stazione di polizia locale, si sono alternati a molestare i suoi genitori per sapere dove lei si trovasse. Hanno bussato alla porta e gridato per tutta la notte fuori dalla casa. Il governo locale ha assunto più di 200 persone per monitorare la famiglia.

La madre della signora Bai, la signora Li Qingfang di 69 anni, è morta nel settembre 2001. Si è esaurita subendo le molestie da parte delle autorità locali e dal fatto di non essere stata in grado di poter vedere la propria figlia più giovane.

Il padre della signora Bai, il signor Bai Yinshan, è morto nell'ottobre 2002 all'età di 70 anni, un anno dopo la morte della moglie. La sua salute è peggiorata dopo che è iniziata la persecuzione.

La sorella maggiore della signora Bai, rimasta sola a subire i maltrattamenti e le torture causategli delle autorità, è morta nel 2004.

Storia della signora Bai e della sua famiglia

Il signor Bai è un residente della città Jiuyunjie, città di Fukang, prefettura autonoma di Hui di Changji, nella provincia di Xinjiang .

I genitori hanno cominciato a praticare il Falun Gong nel 1998, subito dopo anche i loro figli hanno intrapreso la pratica. Come alcuni dei primi coltivatori nella loro città natale, la signora Bai e la sua famiglia sono stati presi di mira per la persecuzione; considerati "i praticanti chiave del Falun Gong."

(*) GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.