Perché ho citato in giudizio Jiang Zemin: La persecuzione del Falun Gong attraverso gli occhi di una bambina

(Minghui.org) Sono nata in una famiglia felice, entrambi i miei genitori sono istruiti e la mia famiglia ha una ricca vita spirituale. Io sono sempre stata attiva, allegra e obbediente. Ho sempre avuto buoni voti a scuola e la gente ammirava il mio sorriso onesto e il mio cuore disinteressato. Ero una ragazza fortunata.

Ma qualcosa di doloroso mi ha perseguitata negli ultimi 16 anni, come un incubo ricorrente: La persecuzione del Falun Gong che l'ex leader cinese Jiang Zemin ha lanciato nel 1999.

Mia madre ha iniziato a praticare il Falun Gong quando avevo tre anni. La pratica le ha dato una buona salute e un percorso spirituale. Lei mi permetteva di sedere al suo fianco, mentre leggeva i libri del Falun Gong e in poco tempo ho imparato a recitare molti passi , apprendendo molto dagli insegnamenti.

Anch’io ho beneficiato della pratica. Ho sempre avuto una salute eccellente e non ho mai avuto bisogno delle medicine. Praticare il Falun Gong mi ha aiutata anche a progredire velocemente in altre aree della mia vita. Mentre frequentavo la scuola dell'infanzia di Tianjin ho vinto il primo premio per la danza e, in prima elementare, sono stata nominata capoclasse.

Il mio mondo solare diventa oscuro

Pensavo che la mia vita sarebbe stata per sempre felice e spensierata. Ma tutto è cambiato nella notte del 19 luglio del 1999, quando mia madre venne prelevata dalla polizia e portata in una buia prigione. Avevo sette anni e nessuno mi avrebbe detto perché era stata prelevata e quando sarebbe tornata a casa.

Due giorni più tardi le televisioni statali hanno cominciato a trasmettere molti programmi che attaccavano il Falun Gong. In seguito mia madre mi disse che quei programmi erano stati interamente costruiti. La sua salda fede fece arrabbiare molte persone del governo locale. Altre che lavoravano nella sua unità di lavoro cercarono fortemente di convincerla ad abbandonare la sua fede nel Falun Gong.

Un giorno mio zio, il fratello minore di mia madre, mi portò a farle visita in prigione. Mi disse che dovevo chiederle di rinunciare al suo credo, perché se non l'avesse fatto la polizia l’avrebbe porta via e non sarebbe mai più tornata a casa.

Ero molto spaventata e non capivo il ragionamento nascosto dietro le sue parole. Anche se la prigione era molto caotica e rumorosa, mia madre era calma. Mi disse di non aver paura, perché non c'era niente di male ad essere una brava persona che segue i principi di Verità, Compassione e Tolleranza. Mi disse che non dovevamo rinunciare e che avremmo dovuto far sapere i fatti al Governo per chiarire le incomprensioni.

Anche se ero molto giovane, la calma e la fiducia di mia madre mi avevano convinta. Ma ancora non riuscivo a capire perché il Falun Gong, nel giro di una notte, era passato da essere una buona e popolare pratica che insegna alle persone ad essere buone, ad una pratica illegale. Ero determinata a credere nel Falun Gong e sostenevo mia madre incondizionatamente.

Mia madre scelse un giusto ma estremamente difficoltoso percorso. Perse il suo lavoro, un lavoro che amava e la nostra famiglia venne più volte molestata dalla polizia. La nostra casa è stata saccheggiata da sconosciuti che lavoravano per la polizia locale.
Mia madre decise di appellarsi al governo centrale, così si recò a Pechino. La nostra famiglia e la nostra vita non avevano più pace. Mia madre è stata arrestata molte volte. La paura mi ha oscurata per tutto il tempo, aumentando man mano che crescevo.

Non sapevo dove mia madre fosse imprigionata ne quando sarebbe stata in grado di tornare a casa. Ogni giorno, dopo la scuola, mi attendeva solo una casa vuota. Mio padre tornava a casa dal lavoro e mi cucinava un semplice pasto. Quando andavo a letto tornava in ufficio per continuare il suo lavoro.

Ero costantemente svegliata da incubi, ma nessuno era in casa a consolarmi. Chiamavo e chiamavo mio padre con il cerca-persone ma lui non rispondeva. Spesso mi capitava di piangere così tanto da addormentarmi esausta.

A poco a poco ho imparato a pettinarmi i capelli e mi sono abituata a stare a casa da sola.
Mio padre è diventato sempre più magro a causa delle preoccupazioni. I miei nonni, in breve tempo, sembravano invecchiati di dieci anni, ma mi dissero di essere forte. Ero determinata a tenere unita la nostra famiglia, come se ci fosse ancora mia madre.
Non osavo raccontare ai miei amici di mia madre. Studiavo duramente perché credevo che mia madre sarebbe tornata a casa dopo che lei aveva fatto appello al governo per fermare la persecuzione. Dovevo dimostrarle che ero una brava ragazza e che lei non doveva preoccuparsi per me.

Una pace di breve durata

Il giorno prima del capodanno cinese del 2000, mia madre ritornò a casa, perdendo il mio ottavo compleanno. Naturalmente, in quella circostanza, non abbiamo festeggiato il compleanno.

Ho sentito che era stata in un centro di detenzione al freddo. Non volevo accettare il fatto che la mia amata madre era stata incarcerata. Il suo corpo era così debole, ma la sua fede era ancora così forte. Ho scelto di rimanere in silenzio ma nel mio cuore pregavo perché mia madre non mi lasciasse di nuovo.

Avevo otto anni e non avevo superato l’ingenuo senso di sicurezza di un bambino.

Ho sentito che mia madre era stata picchiata perché aveva cercato di proteggere altre persone. Ho sentito che molti zii e zie che ci hanno aiutato sono stati incarcerati e condannati ai lavori forzati. Alcuni di loro hanno subito lo shock con bastoni elettrici o sono stati picchiati con i manganelli in modo talmente brutale da richiedere un ricovero in ospedale e alcuni sono morti.

Sentendo queste terribili notizie, mia madre rimase ancora calma e disse che essere una brava persona non è sbagliato. Dovevamo spiegare al Governo la bontà della Falun Dafa e lasciare che i leader sapessero della brutalità della persecuzione.

Il 26 giugno del 2000, un paio di mesi dopo, mia madre lasciò casa e salì su un treno per Pechino mentre mia nonna non la controllava.

Perdere di nuovo mia madre

La nostra vita che a malapena aveva raggiunto uno stato "pacifico", esplose. Mi nascosi in un angolo, ascoltando ogni parola che gli adulti dicevano.

Era stata fermata fuori dell'ufficio appelli di Pechino e riportata dai poliziotti della nostra città. Uno degli adulti disse:"Prigione, il lavoro forzato o rinunci al tuo credo". Quelle parole hanno cambiato la mia vita. Mia madre venne condannata a un anno e mezzo di lavori forzati.

La mia vacanza estiva iniziava poco tempo dopo e mio padre, troppo occupato con il lavoro, mi mandò dalla nonna e dalla famiglia di mio zio. Mi sono impegnata ad essere sempre più educata, imparando a fare in modo che le mie parole e le mie azioni non creassero difficoltà gli altri.

Un nuovo semestre iniziava e con attenzione mantenni il segreto di mia madre con i miei compagni di classe. Facevo finta che nulla fosse accaduto.

Nel momento della visita mensile, mio padre non voleva farmi vedere la mamma. Era preoccupato che il mio piccolo cuore non potesse sopportarlo. Avevo persino paura di chiedere di vederla. Potevo solo piangere quando in giro non c'era nessuno che potesse sentirmi.

In seguito, di nascosto, ho trovato l'indirizzo del campo di lavoro forzato dove era trattenuta e ho iniziato a scriverle. Le scrivevo che ero accudita bene, così che lei non dovesse preoccuparsi per me. Le mandavo lettere e disegni che la ritraevano.

Un giorno dopo tanto insistere di mia nonna, mi hanno portato a vedere mia madre. La poliziotta che monitorava il nostro incontro ha detto che mi conosceva: ero un’ottima ragazza obbediente e gentile. Le lettere e i disegni che avevo mandato a mia madre l'avevano commossa fino alle lacrime.

Mia madre mi stringeva forte tra le braccia e le mie lacrime scorrevano incontrollatamente.

Tornare alla “normalità”

Mia madre è stata rilasciata dopo 11 mesi di lavori forzati e anche dopo il suo ritorno a casa, lei non era affatto felice. Non aveva più il lavoro e la posizione che molte persone le avevano invidiato. I media continuavano la propaganda diffamatoria contro di noi e mia madre era frustrata e delusa per la persecuzione del governo contro il Falun Gong.

Guardando la propaganda, ho sviluppato alcuni dubbi sul Falun Gong ma mia madre mi ha spiegato bene come l'auto-immolazione in Piazza Tiananmen era stato organizzato per incastrare il Falun Gong. Mi ha ricordato il tormentato decennio cinese patito sotto la Rivoluzione Culturale, il massacro degli studenti che, il 4 giugno 1989 in piazza Tiananmen, chiedevano democrazia e libertà e le molte altre campagne politiche contro vari gruppi cinesi. Mi ha spiegato che per la persecuzione del Falun Gong era stata usata la stessa vecchia tattica del Partito Comunista.

Ogni volta che abbiamo parlato, lei mi ha sempre detto di mantenere la mia autentica compassione e la gentilezza, giudicando ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Con la sua esperienza di lavoro e con la sua abilità, mia madre trovò rapidamente un nuovo lavoro. Almeno in superficie la nostra vita familiare tornò alla normalità.

Verso le 18,00, tuttavia, avevo sempre paura che mia madre non tornasse a casa, che sarebbe stata rapita da quegli uomini cattivi mentre tornava dal lavoro. Ogni sera, quando il sole tramontava verso ovest, un'ansia si accumulava dentro di me. Non riuscivo più a concentrarmi sul lavoro e volevo sbirciare oltre il balcone verso quell'angolo della strada in cui appariva la figura familiare, poi tornavo al mio lavoro.

La vessazione della polizia mi colpisce, terrorizzandomi

La nostra vita pacifica era solo superficiale, in realtà, le vessazioni da parte delle autorità non sono mai cessate. Durante i "giorni sensibili", quando il governo prevedeva che alcuni postulanti potessero agire, le autorità locali intervenivano controllandoci.

La notte del 14 giugno 2008, pochi giorni prima delle Olimpiadi di Pechino, qualcuno bussò alla nostra porta con la pretesa di controllare il contatore dell'acqua. I miei genitori stavano cenando.

Mio padre aprì la porta e vide diversi poliziotti della stazione locale in borghese accompagnati da un uomo del comune. Volevano portare via mia madre senza dare alcuna spiegazione. Non avevano neanche un mandato.

La paura e l'ansia nascoste nel profondo del mio cuore sono scoppiate come un vulcano. Ero rannicchiata in un angolo e tremavo. Non riuscivo a piangere o a emettere alcun suono. Ho detto a me stessa di essere forte e di non mostrare alcuna debolezza che potesse distrarre i miei genitori.

Erano passati solo pochi minuti, ma il tempo sembrava essersi fermato. Ero immersa nella paura. Tutti i tristi eventi precedenti della nostra vita correvano nella mia mente come un film.

Mio padre fermò i poliziotti sulla porta, mentre mia madre che era dietro di lui, cercava di spiegargli pazientemente. Continuavano ad insistere e alla fine mio ​​padre perse la pazienza e li bloccò.

Era la prima volta che lo sentivo urlare. Non aveva mai alzato la voce con nessuno prima di allora e da quel che ricordo è sempre stato una persona molto gentile.

Rivendicando il mio coraggio

Crescendo sono stata finalmente in grado di visualizzare le mie esperienze con il senso della ragione. Avevo capito l'importanza di una retta fede e mia madre è stata un ottimo esempio per me. Dopo un decennio di persecuzioni lei non ha mai ceduto alle pressioni. Ha invece continuato la sua pratica di coltivazione. Sembrava più giovane e più felice, diventando sempre più rispettosa nei confronti degli altri.

Nel 2010 sono entrata in una prestigiosa università di Pechino e, quattro anni dopo, ho continuato gli studi presso la stessa università.

Lontana da mia madre e dalla nostra casa ho fatto affidamento sempre più sui principi del Falun Gong di Verità-Compassione-Tolleranza. Sono profondamente radicati nel mio cuore e mi guidano. Spesso mia madre mi chiama al telefono e mi incoraggia ad essere forte, salvaguardando la mia bontà d’animo.

La natura malvagia del regime non è mai cambiata. Un giorno dell'estate scorsa mia madre aveva in programma di andare a trovare mio padre, che stava lavorando su un progetto in un'altra provincia. Le autorità, sapendo del suo viaggio, l'hanno arrestata il giorno prima.

La Polizia ha perquisito la nostra casa e hanno portato via i libri del Falun Gong, il suo computer e la sua carta d'identità. Hanno dato una falsa motivazione per tale perquisizione e hanno affermato che una persona non specificata aveva visitato la nostra casa in un tempo imprecisato.

Mio padre mi ha chiamato per spiegarmi dell'incidente e mia zia mi ha inviato un testo con maggiori dettagli. Ho deciso di tornare a casa e affrontare l’accaduto.

La notte era molto buia quando sono arrivata e, sola, ho guardato la nostra casa in soqquadro. Questa volta non aveva paura. Un potere più forte mi ha pervaso… la fede. Ho sperimentato una calma e una serenità senza precedenti. Ero pronta ad affrontare tutte le sfide, che si trattasse di essere ancora separata da mia madre o che si trattasse di essere fraintesa da altri. Volevo sostenere mia madre con coraggio.

Mia madre è stata rilasciata dopo 30 giorni. Ero agitata nel vederla così magra e temevo che avrebbe perso i suoi denti.

Risoluzione per chiedere giustizia

Quest’anno il dramma della mia vita ha vissuto un nuovo episodio.

Il mio volo di rientro da Vancouver per Pechino è coinciso con un’importante parata militare. Come avevamo programmato mia madre mi avrebbe atteso all’aeroporto internazionale di Pechino.

Nel momento in cui lei ha presentato la sua carta d'identità per acquistare un biglietto del treno, un avvertimento è stato attivato nel sistema e la polizia l'ha fermata. Le hanno detto che i praticanti del Falun Gong non possono andare a Pechino durante la parata militare.

Quando l’aereo è atterrato, ho acceso il cellulare e ho visto un messaggio di mio padre che diceva che mia madre non era in grado di venire. Mentre riflettevo su come gestire tutto il mio bagaglio, mia madre mi ha chiamato dicendomi: "Due poliziotti mi stanno portando all'aeroporto per venirti a prendere. Loro ci riporteranno a casa. Cerca di essere gentile".

Eravamo gli unici passeggeri dell’autobus e i due poliziotti mi hanno aiutato a prendere e a caricare il mio bagaglio.

Il viaggio di ritorno a Tianjin è stato il primo contatto faccia a faccia che ho avuto con questo gruppo di persone che ci perseguitano da tanti anni.

Mentre chiacchieravano mia madre ha raccontato di un poliziotto che aveva arrestato molti praticanti e che era morto molto giovane a causa di un cancro in fase avanzata. Era la retribuzione karmica. Ha chiesto ai due giovani poliziotti di non partecipare alla persecuzione del Falun Gong per il loro bene.

Ho notato che i loro atteggiamento era cambiato. Invece di maledirci e minacciarci, sono diventati razionali e ci hanno spiegato più e più volte che era solo il loro lavoro e che dovevamo capirli.

Questo incidente mi ha fatto riflettere maggiormente sulla persecuzione:

Perché i cieli permettono che questa persecuzione continui? Perché così tanti praticanti rischiano ancora il carcere o la tortura per dire alla gente del Falun Gong? Perché ci sono così tanti bambini che non possono unirsi ai loro genitori? Perché ci sono persone nella polizia e nel sistema giudiziario che continuano a perseguitare il Falun Gong? Perché i numerosi casi di retribuzione karmica non risvegliano i responsabili?

Penso che tutte le risposte convergano su Jiang Zemin, l’artefice della persecuzione che deve ancora essere punito. La Cina avrà la libertà di credo solo dopo che Jiang sarà portato davanti alla giustizia e le persone che hanno imparato la verità non saranno più costrette a partecipare alla persecuzione. I bambini della Cina saranno in grado di crescere felicemente in una società morale.

Ho quindi deciso: Voglio anch’io citare Jiang Zemin. Il mio scopo è quello di permettere alle persone innocenti di apprendere la verità sulla Falun Dafa, lasciando che la Cina entri in un'era senza menzogne ​​e violenze.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.