Più di 15.783 cittadini cinesi hanno firmato la petizione per portare Jiang Zemin davanti alla giustizia

(Minghui.org) Dalla fine di maggio 2015 oltre 200 mila cinesi hanno presentato le loro denunce penali contro l'ex capo del regime comunista cinese Jiang Zemin, per aver avviato, nel 1999, la persecuzione del Falun Gong (chiamato anche Falun Dafa).

Oltre alle lettere ufficiali di denuncia, presentate principalmente dai praticanti del del Falun Gong, sempre più persone stanno firmando petizioni a sostegno della loro iniziativa.

È stato recentemente confermato che dall'8 aprile 2016 hanno firmato una petizione a sostegno della causa un totale di 15.783 cittadini, così ripartiti: 3.396 residenti della città di Zunyi, nella provincia del Guizhou, 2.419 della città di Chenzhou, nella provincia dello Hunan e 9.968 della contea di Quzhou, nella provincia dello Hebei.

I sostenitori includono sia nuovi praticanti che familiari ed amici dei praticanti veterani. Sono persone consapevoli che la persecuzione rappresenta una considerevole ingiustizia e costituisce la distruzione sistematica di un gruppo di persone a causa della loro fede.

I membri di numerose famiglie sono stati testimoni dell'efficacia del Falun Gong nell'incentivare la guarigione e la salute, così come il notevole miglioramento spirituale che la pratica ha portato alle persone.

Una ragazza di dieci anni ha espresso il suo ringraziamento al Falun Gong per essere venuta al mondo. I suoi genitori erano intenzionati ad interrompere la gravidanza, tuttavia sua nonna, che era un praticante, aveva detto loro che abortire equivaleva ad uccidere ed era severamente proibito dalla disciplina. Essi hanno compreso e l'hanno portata in questo mondo. La bambina, sin dal momento in cui ha cominciato a parlare, ha iniziato a recitare le frasi: “La Falun Dafa è buona” e “Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”.

Le persone si risvegliano alla verità

Numerose persone hanno detto ai praticanti: “Per anni i praticanti del Falun Gong ci hanno raccontato la verità dei fatti. Siamo ben consapevoli di come il Partito Comunista Cinese (PCC) stia perseguitando il Falun Gong. I praticanti vivono seguendo i principi di Verità, Compassione e Tolleranza e non c'è niente di sbagliato nell'aderire a questi principi. Il regime cinese dovrebbe riconoscere l'erroneità delle proprie azioni e portare Jiang Zemin, che ha lanciato la persecuzione, davanti alla giustizia”.

“Il prelievo degli organi dai praticanti del Falun Gong ancora in vita e la loro vendita a scopo di lucro è un qualcosa che va ben oltre la malvagità. Chiunque sia responsabile di un simile orrore deve essere punito. Se questo è vero, il regime di Jiang Zemin e tutti coloro che sono coinvolti in questo crimine, devono essere portati davanti alla giustizia”.

Nonostante la persecuzione sempre più persone stanno praticando il Falun Gong

La persecuzione non ha impedito alla gente di intraprendere la pratica del Falun Gong.

A Zunyi due coniugi e il loro figlio, dopo aver iniziato a praticare il Falun Gong, hanno sperimentato grandi benefici. Sono tra coloro che hanno denunciato alle autorità i crimini di Jiang.

La donna ha ricordato: “Ero insicura, avevo una mentalità ristretta e mi lamentavo continuamente. Adesso sono divenuta tollerante, gentile e premurosa, e penso sempre prima alle necessità degli altri”.

Suo marito 47enne, di professione autista, ha condiviso un'esperienza straordinaria. In seguito ad un incidente automobilistico le sue ginocchia erano rimaste gravemente ferite. Tuttavia, poco dopo aver iniziato a praticare il Falun Gong, si è completamente ristabilito e ha ritrovato la completa mobilità delle gambe.

Sua moglie, dopo aver assistito al suo recupero, ha deciso di intraprendere la pratica anche lei, e così la loro vita familiare è diventata armoniosa.

Tempo fa il figlio della coppia, che si è avvicinato al Falun Gong tramite la madre, era afflitto da un' ernia del disco nella parte inferiore della schiena, che gli causava un forte dolore. I medici avevano emesso una prognosi sconfortante – i farmaci avrebbero solamente attenuato il dolore e un'operazione chirurgica avrebbe potuto causargli una paralisi. Il giovane ha così optato di riporre la sua fiducia nel Falun Gong, ed ha iniziato a recitare spesso le frasi: “La Falun Dafa è buona” e “Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”. Nel giro di pochi giorni si è completamente ristabilito.

Scenario

Nel 1999 Jiang Zemin, come capo del Partito Comunista Cinese, contro la volontà degli altri membri del comitato permanente del Politburo, lanciava la violenta repressione del Falun Gong.

Nel corso degli ultimi 16 anni migliaia di praticanti del Falun Gong sono stati torturati a morte. Il bilancio attuale è probabilmente più alto poiché tale informazione viene strettamente censurata in Cina. Molti sono stati torturati per la loro fede e molti altri uccisi per i loro organi. Jiang Zemin è direttamente responsabile di aver dato inizio e condotto questa brutale persecuzione.

Il 10 giugno 1999, sotto la sua personale direzione, il Partito Comunista Cinese ha istituito un organo di sicurezza extralegale, l'Ufficio 610. Quest'organo ha la precedenza sulle forze di polizia e sul sistema giudiziario nello svolgimento degli ordini di Jiang per quanto riguarda il Falun Gong: “Rovinare la loro reputazione, distruggerli economicamente ed eliminarli fisicamente”.

La legge cinese permette che i cittadini ricorrano alle cause penali e molti praticanti stanno ora esercitando tale diritto sporgendo denunce penali contro l'ex dittatore.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.