La signora Zhang Guoqing denuncia Jiang Zemin per le pesanti torture subite nel campo di lavoro forzato

(Minghui.org) La signora Zhang Guoqin della città di Yushu, provincia dello Jilin, dopo aver iniziato a praticare il Falun Gong nel 1998 era guarita da un cancro al seno e da altre malattie.

Tuttavia, nel luglio 1999, quando il Partito Comunista Cinese ha lanciato la sua persecuzione del Falun Gong, la signora Zhang Guoqin è stata ripetutamente molestata ed arrestata dagli agenti dell’ufficio 610 di Yushu, dalla divisione di sicurezza interna e dalla stazione di polizia di Peiying.

Per due volte è stata imprigionata nei centri di detenzione e per tre volte in campi di lavoro forzato dove è stata picchiata, privata del sonno, sottoposta al lavaggio del cervello, legata alla “panca della tigre” e messa in isolamento.

Il 2 giugno 2015 la signora Zhang ha inviato alla Corte Suprema del Popolo una denuncia penale contro l'ex leader cinese Jiang Zemin. Nel documento racconta le sue sofferenze. Gran parte del suo calvario è stato raccontato nell’articolo “Persecuzione della signora Zhang Guoqin della città di Yushu, provincia dello Jilin”.

Scenario

Nel 1999 Jiang Zemin, come capo del Partito Comunista Cinese, contro la volontà degli altri membri del comitato permanente del Politburo, lanciava la violenta repressione del Falun Gong.

Nel corso degli ultimi 16 anni migliaia di praticanti del Falun Gong sono stati torturati a morte. Il bilancio attuale è probabilmente più alto poiché tale informazione viene strettamente censurata in Cina. Molti sono stati torturati per la loro fede e molti altri uccisi per i loro organi. Jiang Zemin è direttamente responsabile di aver dato inizio e condotto questa brutale persecuzione.

Il 10 giugno 1999, sotto la sua personale direzione, il Partito Comunista Cinese ha istituito un organo di sicurezza extralegale, l'Ufficio 610. Quest'organo ha la precedenza sulle forze di polizia e sul sistema giudiziario nello svolgimento degli ordini di Jiang per quanto riguarda il Falun Gong: “Rovinare la loro reputazione, distruggerli economicamente ed eliminarli fisicamente”.

La legge cinese permette che i cittadini ricorrano alle cause penali e molti praticanti stanno ora esercitando tale diritto sporgendo denunce penali contro l'ex dittatore.

Versione inglese

* * *

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.