Striscioni e manifesti che lodano il Falun Gong ed espongono la persecuzione osservati in numerosi luoghi pubblici in Cina

(Minghui.org) Recentemente lungo le principali strade, i principali incroci ed altri spazi pubblici in molteplici località delle provincie cinesi del Jilin, del Liaoning, dell'Hebei, dell'Hubei e dello Shandong, sono apparsi striscioni e manifesti riportanti informazioni sul Falun Gong, sulla sensibilizzazione dei cittadini riguardo alla persecuzione attuata dal Partito Comunista Cinese (PCC) e sugli sforzi per portare l'ex dittatore cinese Jiang Zemin davanti alla giustizia.

Il Falun Gong è stato diffuso pubblicamente nel 1992 ed è diventato molto popolare grazie ai suoi effetti benefici. Il 20 luglio 1999 l'allora capo del PCC, Jiang Zemin, temendo la sua ampia diffusione e la sua sempre più crescente popolarità, ha avviato la persecuzione della disciplina spirituale. Come risultato nel corso degli ultimi diciassette anni numerosi praticanti sono stati uccisi.

A fronte della continua persecuzione i praticanti usano diversi sistemi creativi per informare la popolazione sui benefici del Falun Gong e per esporre la brutale oppressione alla quale sono stati sottoposti.

Nonostante il rischio di essere arrestati appendono striscioni e manifesti per far conoscere la bontà del Falun Gong e la brutalità della persecuzione.

Recentemente sono apparsi dei manifesti per informare il pubblico sugli sforzi per portare Jiang Zemin davanti alla giustizia, accusandolo di detenzione illegale, di aver privato i cittadini del loro diritto costituzionale alla libertà di credo, di abuso di potere e di molti altri crimini.

Manifesti nella città di Jilin, provincia del Jilin

Una passante guarda i manifesti che denunciano la persecuzione del Falun Gong

Striscioni e manifesti nella città di Anshan, provincia del Liaoning

Lo striscione recita: “I praticanti della Falun Dafa di Anshan augurano al Maestro un Felice Anno Nuovo”

Manifesti che espongono la natura del PCC e la persecuzione del Falun Gong

Manifesti nella città di Shijiazhuang, provincia dell'Hebei

Alcuni manifesti che espongono i crimini commessi dall'ex dittatore del PCC, Jiang Zemin, e con i quali si richiede di portarlo davanti alla giustizia

Manifesti che mostrano quei funzionari del PCC che sono stati licenziati o incarcerati a seguito della persecuzione del Falun Gong

Striscioni e manifesti esposti il giorno di Capodanno 2017 nella città di Shenyang, provincia del Liaoning

Manifesto recita: “Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”

Manifesti con informazioni sul Falun Gong e sulla persecuzione

Manifesti con informazioni sul Falun Gong e sulla persecuzione

Manifesto recita: “Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”

Striscioni riportanti la scritta: “La Falun Dafa è buona”

Striscioni appesi agli alberi nella città di Dandong, provincia del Liaoning

Image description here

Image description here

Striscioni e manifesti nella città di Shanhaiguan, provincia dell'Hebei


Striscione che recita: “Portate Jiang Zemin davanti alla giustizia, stop alla persecuzione del Falun Gong”

Striscione che recita: “Portate Jiang Zemin davanti alla giustizia, stop alla persecuzione del Falun Gong”

Striscioni e manifesti nella città di Suizhong, provincia del Liaoning

Striscione con la scritta: “Portate Jiang Zemin davanti alla giustizia”

Manifesto che espone la natura del PCC e la persecuzione del Falun Gong

Manifesto che espone la natura del PCC e la persecuzione del Falun Gong

Striscioni e manifesti nella città di Jingzhou, provincia dell'Hubei

Manifesto sulla bontà del Falun Gong

Manifesto che richiede di portare Jiang davanti alla giustizia

Striscione riportante la scritta: “Portate Jiang Zemin davanti alla giustizia, riabilitate il Falun Gong"

Striscioni e manifesti nella città di Linyi, provincia dello Shandong

Manifesto che richiede di portare Jiang davanti alla giustizia

Manifesto sulla bontà del Falun Gong

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.