Attività in Europa: Sostegno per porre fine al persecuzione del Falun Gong

(Minghui.org) Nel corso delle ultime settimane, i praticanti della Falun Dafa in Europa hanno svolto varie attività per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla persecuzione della Falun Dafa (conosciuta anche come Falun Gong) che dura ormai da quasi diciotto anni in Cina. Le persone in tutta Europa hanno mostrato il loro sostegno per la Dafa firmando le petizioni per chiedere la fine della persecuzione, in particolare affinchè cessino immediatamente i crimini del prelievo forzato di organi dai prigionieri di coscienza, operati dal regime comunista. Di seguito sono riportati i servizi fotografici delle recenti attività a Stoccolma, Bucarest, Colonia e di Helsinki.

Svezia, Stoccolma

Il Konserthuset (Stoccolma Concert Hall), vicino alla stazione ferroviaria centrale, è un famoso luogo di Stoccolma, visitato da turisti e residenti. I praticanti locali hanno organizzato, la scorsa settimana al di fuori della sala da concerto, un’Information Day della Falun Dafa.

Sono stati allestiti dei tabelloni per presentare la Dafa e fornire informazioni sulla brutale persecuzione che dura da quasi diciotto anni. I praticanti hanno mostrato gli esercizi e distribuito i volantini alle persone interessate.

Colpiti dalla brutalità della persecuzione, molti passanti hanno firmato la petizione per condannare queste atrocità.


Dimostrazione degli esercizi del Falun Gong vicino al Konserthuset di Stoccolma

Parlando con la gente della persecuzione della Falun Dafa in Cina

Molte persone hanno firmato la petizione per sostenere la resistenza pacifica dei praticanti

Un turista (a sinistra) impara gli esercizi

Ahmed, un sino-americano, ha letto il volantino e ha parlato con i praticanti per lungo tempo.
L’uomo ha detto, prima di firmare la petizione: "Ho avuto una comprensione sbagliata del Falun Gong. Ho pensato che voi foste coinvolti in politica, e non mi piaceva. Oggi, mi sono reso conto di sbagliare. Il Falun Gong è grande; cercherò ulteriori informazioni attraverso Internet. Ora sono molto interessato".

Due giovani svedesi, entrambi giornalisti, non potevano credere che il governo cinese raccogliesse organi dai praticanti ancora in vita.

Hanno parlato tra di loro riflettendo su come agire per aiutare i praticanti, decidendo di produrre un programma radiofonico per divulgare i fatti inerenti questo crimine.

Un padre e sua figlia hanno letto con attenzione tutti i tabelloni e l’uomo ha detto: "Il partito comunista non dovrebbe esistere. Nessun paese comunista è buono. Non hanno fatto nulla di buono. Credo che il partito crollerà presto; per questo motivo sollecito mia figlia a imparare il cinese, credo che la Cina senza il Partito Comunista sarà migliore".

Romania, Bucarest

Il 5 marzo, i praticanti della Romania hanno organizzato un evento simile a Statuia Lupoaicei, un luogo trafficato nel centro di Bucarest.

Turisti a Statuia Lupoaicei firmano la petizione per chiedere la fine della persecuzione del Falun Gong in Cina

Questo giovane ha vissuto in Cina per nove anni; ha espresso il suo sostegno per la resistenza pacifica dei praticanti della Falun Dafa alla persecuzione

Germania, Colonia

I praticanti di Colonia, in Germania, spesso allestiscono uno stand al di fuori della cattedrale di Colonia, parlando con i turisti della persecuzione e raccogliendo firme per la petizione. Le seguenti immagini sono state scattate durante un evento del 4 marzo.

Finlandia, Helsinki

I praticanti della Falun Dafa di Helsinki hanno partecipato ad una fiera per la salute, il ‘Joogafestival’, il 25 e 26 febbraio; hanno presentato quest’antica pratica di coltivazione ai visitatori provenienti da tutti i ceti sociali, tra cui imprenditori, sacerdoti, musicisti, artisti e studenti universitari.

Molte persone si sono fermate presso lo stand dei praticanti per imparare gli esercizi

I visitatori della fiera della salute a Helsinki firmano la petizione che chiede la fine del prelievo forzato di organi in Cina

Versione inglese

* * *

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.