Shandong: l'ufficio 610 della città di Shouguang perseguita Zhang Keliang e sua moglie

Attorno alle 4 del pomeriggio del 4 febbraio 2005, Li Tongzhong dell’ufficio 610 (*) della città di Shouguang nella provincia di Shandong e altre 10 persone, sono andati a casa di Zhang Keliang nel villaggio di Houpuli ed hanno arrestato lui e sua moglie Wang Zhongyun.

Dopo che la polizia è entrata nel villaggio, ha circondato la casa del sig. Zhang, ha bloccato le vie di entrata ed uscita del villaggio ed ha cominciato a cercare la coppia. Durante la ricerca, i poliziotti hanno frugato nella casa della coppia. La madre 80enne del sig. Zhang Keliang e sua figlia di 10 anni erano così impaurite che tremavano. Un poliziotto persino se l’è presa con la ragazzina, perché non diceva loro dov’erano i suoi genitori. Ha dato un pugno alla ragazza, facendola cadere a terra. Cinque o sei poliziotti (incluso Liu Zhushen, Guo Hongtang e MaA Wenhe) hanno requisito una chiave per aprire la porta di casa del sig. Zhang Keliang e non hanno seguito nessuna procedura legale per perquisire la casa del sig. Zhang.

Durante un interrogatorio, i poliziotti hanno usato la tortura per costringerli a confessare. La polizia ha levato tutti i vestiti del sig. Zhang Keliang, gli ha ammanettato le mani dietro la schiena, gli ha legato i piedi con del cavo elettrico ed ha usato il cappotto invernale del signor Zhang per avvolgergli la testa. Tre poliziotti (Zhao Chunli, Liu Zhushen e Ma Wenhe) hanno camminato sulla testa e sulla schiena del sig. Zhang ed hanno utilizzato bastoni elettrici ad alta tensione per perquotere tutto il suo corpo. Lo hanno colpito alla gola, al petto ed ai genitali. Hanno versato acqua sulla testa del sig. Zhang ed hanno utilizzato un bastone elettrico per tramortire il suo punto Baihui (un punto di agopuntura nella parte superiore della testa). Inoltre gli hanno messo delle sigarette nelle due narici e gli hanno bruciato la schiena con le sigarette accese, lo hanno schiaffeggiato sul volto, frustato con una cinghia e picchiato. Hanno fatto questo, in continuazione per oltre 10 ore , dalle 17 alle 3 della mattina seguente.

La schiena e la colonna vertebrale del sig. Zhang Keliang sono state nuovamente fratturate. (nel dicembre 2001, la sua schiena venne fratturata ed il suo rene danneggiato da Sang Hanli e da quattro poliziotti della stazione di polizia di via Wenjia nella città di Shouguang). Dopo che lui e sua moglie vennero rinchiusi nel centro di detenzione, neppure i loro amici potevano riconoscerli. Il sig. Zhang Keliang camminava in modo anormale, il sua volto era gonfio e nella parte sinistra gli mancava la pelle. Aveva parecchie cicatrici profonde nella parte destra del mento, di circa 3 centimetri di lunghezza, che sembravano essere ferite da ustione ed aveva segni profondi di ustione sulla gola. La moglie del sig. Zhang Keliang aveva i capelli scompigliati e la fronte aveva dei brutti lividi. Anche dopo aver subito questi tipi di abusi fisici, sono stati nuovamente portati al centro di detenzione di Shouguang. Più avanti, sono stati trasferiti al centro per il lavaggio del cervello di Weifang per ulteriore persecuzione. Prima di essere mandati dal centro di detenzione al centro di lavaggio del cervello della città di Weifang, la metà del corpo di Wang Zhongyun era immobilizzata. Ebbe bisogno dell’aiuto di altri detenuti per salire sulla barella per gli esami fisici e le analisi. Anche dopo essere stati perseguitati in questa misura, il sig. e la sig.ra Zhang sono stati ancora portati con forza nel centro per il lavaggio del cervello città di Weifang.

Quando hanno lasciato il centro di lavaggio del cervello della città di Weifang, il sig. e la sig.ra Zhang erano pelle e ossa, e sembravano deformati. Il sig. Zhang Keliang aveva perso quasi tutti i capelli nella parte superiore della testa, dove era stato scosso con i bastoni elettrici. Aveva contusioni e lesioni su tutto il corpo e la sua schiena era ricurva. Diventò paralizzato e perse la sua capacità di lavorare. Il volto della signora Wang Zhongyun era giallo come la cera, la sua vista era sfuocata e non poteva vedere chiaramente. Metà del suo corpo era paralizzato. La loro famiglia adesso vive in povertà e deve contare sull’aiuto di parenti e amici.

Qui sotto ci sono alcuni membri "dell'ufficio 610" della città di Shouguang che hanno partecipato alla persecuzione:

Zhao Chunli (vive nella zona residenziale della stazione di polizia di Chengqu nella città di Shouguang ed è stato trasferita alla sezione di sicurezza dell'ufficio degli appelli della città di Shouguang): 5234998 (casa)

Ma Wenhe (vive nella zona residenziale del dipartimento di polizia della città di Shouguang e nella sua città natale, il villaggio di Niutou Erfeng nella città di Shouguang): 5298300 (casa)

Liu Zhushen
Cheng An'gang, il direttore dell'ufficio 610 della città di Shouguang

Li Tongzhong, il vice direttore dell'ufficio 610 della città di Shouguang (autista: Xia Xuehu)

(*) GLOSSARIO

Here is the article in English language:
http://en.clearharmony.net/articles/a33894-article.html

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.