Inganno dell'auto-immolazione: Accendere un fuoco e 'girare un film'

(Minghui.org) Nel corso della lunga propaganda trasmessa dal Partito Comunista Cinese (PCC) in Cina per incitare all'odio pubblico verso il Falun Gong, la messa in scena dell'auto-immolazione in piazza Tienanmen del 23 gennaio 2001 è quella che maggiormente ha mostrato l'immoralità e la cattiveria del regime cinese. Molti cinesi ne sono stati tratti in inganno, divenendo ostili verso il pacifico gruppo di persone che meditano.

Qui di seguito riportiamo una lettera recentemente inviata al sito web Minghui contenente la testimonianza di un soldato che ha assistito all'incidente.

***

Nel 2007 sono stata portata in un centro di detenzione per aver praticato il Falun Gong. Nella stessa cella era detenuta un' altra ragazza. Abbiamo avuto modo di conoscerci e le ho raccontato che pratico il Falun Gong.

"Meditiamo per migliorare la nostra mente e il nostro corpo", le ho detto. "Non è quello che sostiene il governo. Il Partito Comunista ha pubblicato un sacco di propaganda per incitare all'odio verso il Falun Gong. La cosiddetta 'auto-immolazione di piazza Tienanmen' è una di queste".

"Lo so. Quell'incidente è stato organizzato dal Governo", ha risposto subito.

"Davvero? Avevi già sentito parlare della cosa?", ho chiesto.

Testimone oculare: 'è una menzogna'

"Beh, il mio ragazzo allora faceva il soldato a Pechino quando è venuto a farmi visita durante le feste del Capodanno cinese; abbiamo visto la notizia in televisione. Mi ha detto di non credere a quello che veniva detto perché era tutta una bugia".

Ha continuato a raccontare. Il giorno prima del 22 gennaio 2001 al suo ragazzo e ad altri soldati della sua unità era stato detto che il giorno seguente sarebbero stati in servizio in piazza Tienanmen.

"Mentre eravamo in servizio", ha detto, "sono arrivati diversi furgoni. Della gente è scesa, ha acceso un fuoco e ha iniziato a darsi da fare. Era come se stessero girando un film".

Notando le videocamere i soldati hanno pensato che quelle persone stessero girando filmati per un programma televisivo. Non hanno capito completamente di cosa si trattava sino a quando hanno visto le scene in tv.

Ha detto: "Avevamo molto familiarità con questi modi di fare, tranne il fatto che quelle persone sarebbero state poi etichettate come praticanti del Falun Gong".

Gli altri detenuti della cella che ascoltavano sono rimasti scioccati. Ne abbiamo parlato per molto tempo e la maggior parte di loro è stata d'accordo per dimettersi dal Partito Comunista.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.