Shanghai: Per favore aiutaci a salvare la signora Tu Ming

(Minghui.org) A maggio 2016 la signora Tu Ming, praticante del Falun Gong, è stata arrestata a Shanghai per la seconda volta e a luglio condannata a quattro anni di reclusione.


La signora Tu Ming

Nei sei anni precedenti il suo arresto, ha vissuto come una senzatetto e in assoluta povertà per evitare di essere ingiustamente perseguitata. Dopo l'arresto è stata sottoposta ad alimentazione forzata nell'ospedale del carcere di Shanghai, in conseguenza della quale ha riportato gravi lesioni alla gola e ha iniziato a vomitare con regolarità.

Le torture alle quali è stata sottoposta l'hanno resa paralitica e attualmente è costretta su una sedia a rotelle. Ai suoi familiari non viene permesso di farle visita.

La sua vita è in pericolo e ha bisogno del tuo aiuto.

Prima del suo arresto la praticante aveva scritto la storia di come la sua vita era cambiata; lei spera che sempre più persone possano apprendere i fatti sulla Falun Dafa e sulla persecuzione.

Quanto segue è il suo racconto:

Una principessa viziata

Nella mia famiglia sono la figlia più giovane, per cui i miei genitori mi hanno sempre viziata e trattata come una principessa, crescendo avevo sviluppato un forte ego ed ero diventata molto egoista; in seguito ho lavorato in alcune società straniere d'investimento in capitali a rischio, dove ho ricoperto importanti mansioni.

Per me era tutto facile, ero molto arrogante e i miei colleghi erano soliti chiamarmi: “Miss grande ego”.

Alla ricerca del senso della vita

Mi sono sempre piaciute le montagne, di conseguenza ho viaggiato in molti luoghi diversi per visitare i templi famosi. La prima volta che sono andata in un tempio tibetano nella provincia del Gansu ho visto i tibetani inerpicarsi felicemente sui dorsali della montagna per arrivare al loro luogo sacro sulla vetta, essendo atea provavo ammirazione per loro, tuttavia non sono riuscita a comprendere bene che tipo di energia li spingesse a svolgere questo compito ingrato con tanta gioia.

Sebbene vivessero una vita molto semplice senza quasi alcuna comodità, i tibetani erano felici ogni giorno, perché la propria fede nel loro dio era pura e solida.

Ho cominciato a riflettere su chi ero, da dove venivo e dove sarei andata dopo aver lasciato questo mondo umano. Da quel momento ho trascorso tutte le mie vacanze e tutti i miei giorni festivi a viaggiare in differenti luoghi in cerca di un destino per la mia anima.

Alle fine ho scoperto il Falun Gong, questa disciplina mi ha aiutata a comprendere che tutte le mie ricerche erano mirate a trovare un modo per coltivare nel mondo umano; gli insegnamenti della Falun Dafa mi hanno mostrato il vero significato della vita.

Ho smesso di preoccuparmi per le mie perdite e i miei guadagni; nel Falun Gong sono riuscita a trovare la serenità, indifferentemente da quali tribolazioni ho incontrato (inclusi tutti quei giorni in cui sono stata incarcerata e torturata), la mia fede mi ha dato la forza per sopportare tutti i disagi e la miseria.

Mantenere la mia integrità sul luogo di lavoro

Ero l'assistente esecutivo dell'amministratore delegato di una multinazionale ed ero incaricata di prenotare le camere d'albergo, i biglietti d’aereo e la fornitura di altri benefici per i dipendenti dell'azienda.

In Cina è comune che le compagnie aeree e gli alberghi danno delle provvigioni alle persone nella mia posizione ed ero arrivata al punto che la cifra totale che ricevevo era superiore al mio stipendio mensile. La Falun Dafa mi ha insegnato il vero significato della vita, per cui ho smesso di prendere le commissioni e mi sono rifiutata di essere pagata oltre quanto mi spettasse.

La Falun Dafa mi ha trasformata in una persona dignitosa ed onesta, e ho rifiutato di accettare tutti gli affari sotto banco. Questa rivelazione ha cambiato il mio punto di vista e mi sono sentita come se fossi una persona nuova, ho cominciato a gestire le cose dalla prospettiva della società, ho istruito i membri del mio team ad essere integri e positivi, ed ho detto loro di non accettare eventuali affari non documentati. Di conseguenza ero molto rispettata nell'azienda in cui lavoravo.

Perseguitata per la mia fede

Nel 2007, non molto tempo dopo aver iniziato a praticare il Falun Gong, due funzionari governativi del dipartimento di sicurezza interna sono venuti a parlare con me mentre mi trovavo al lavoro; mi hanno chiesto dei miei genitori e spiegato che se non avessi rinunciato alla mia fede avrei potuto perdere la mia libertà e il mio impiego. Prima di andarsene hanno anche detto al mio capo di tenermi sotto controllo.

Ero confusa, avevo seguito i principi di Verità, Compassione e Tolleranza in modo da essere una persona con un'elevata moralità e integrità, tuttavia i funzionari del governo erano venuti a minacciarmi e a dirmi di rinunciare alla mia fede; perché stava accadendo tutto ciò?

Essendo stati perseguitati durante la Rivoluzione Culturale, anche i miei genitori volevano che smettessi di praticare la Falun Dafa, perché temevano che sarei stata a sua volta fatta oggetto di persecuzione; mia madre si è inginocchiata davanti a me per implorarmi di biasimare la Falun Dafa e mio padre mi ha sgridata.

Ho avvertito la sensazione che tutti mi avevano abbandonato e che il cielo stava crollando.

Perché stavo coltivando?

Ho riorganizzato i miei pensieri e mi sono domandata cosa fosse la Falun Dafa e il perché avessi iniziato a coltivare; dopo di che ho pensato alla ragione per la quale il Partito Comunista Cinese aveva vietato alle persone di praticare la Dafa ed aveva perseguitato i praticanti.

Mi sono resa conto che non avevo fatto niente di male e che la Falun Dafa in realtà mi aveva insegnato a lasciar andare il mio egoismo, ad essere più coscienziosa e a considerare sempre prima gli altri; inoltre i miei colleghi mi rispettavano perché la Falun Dafa mi aveva insegnato a non prendere tangenti e a trattare sempre tutti con onestà e compassione.

Ho così deciso di continuare a coltivare nella Dafa.

Mi sono presa molta cura di mia madre dal momento che aveva mostrato alcuni segnali di un Alzheimer precoce e le ho detto di recitare la frase: “La Falun Dafa è buona”.

Alla fine un giorno mi ha detto “la Dafa è davvero buona” e ha lasciato il Partito Comunista Cinese (PCC).

Dopo aver appreso la verità su ciò che la Falun Dafa fosse veramente, mio padre ha accettato di pubblicare le sue scuse sul sito web Minghui per le cose cattive che aveva detto in precedenza sulla disciplina spirituale.

Essendo cristiano, il mio capo ha compreso la ragione per la quale mi sono rifiutata di rinunciare alla mia fede; un giorno mi ha invitata a cena e mi ha offerto un sostegno finanziario per lasciare la Cina.

La detenzione e le torture non indeboliranno la mia volontà

Nel pieno di una notte del 2009 la polizia ha fatto irruzione nel mio appartamento e dopo averlo messo sottosopra mi hanno arrestata; ho avuto il permesso di chiamare la mia famiglia solamente il mattino successivo. Sono stata rinchiusa in un centro di detenzione dove gli agenti del dipartimento di sicurezza interna mi hanno interrogata per tre volte e sono stata privata del diritto di fare gli esercizi della Falun Dafa.

Nel centro di detenzione mi hanno fatta dormire in una piccola cella (*) assieme tossicodipendenti, spacciatori e ladri; in un primo momento, poiché agli altri detenuti era stato vietato di parlare con me, mi sentivo sola. Tuttavia dal momento che spesso li aiutavo a risolvere i loro conflitti, la mia compassione li ha gradualmente toccati e alla fine ho conquistato la loro fiducia.

I miseri pasti serviti nel centro di detenzione non erano mai abbastanza per riempire il mio stomaco, così quando prima della festa di metà autunno ci hanno dato due polpette di carne, ne ho mangiata una sola ed ho messo da parte l'altra per un momento successivo.

Le dure condizioni all'interno della struttura, così come la mia paura di venire brutalmente torturata, mi hanno alla fine sopraffatta: mi sono arresa ed ho firmato la documentazione degli interrogatori. Tuttavia subito dopo averlo fatto mi sono pentita ed ho deciso che non avrei mai più collaborato con il centro di detenzione.

Dopo il mio rilascio nel dicembre del 2009, il procuratore (*) della provincia del Liaoning mi ha convocata in tribunale per due volte, tuttavia mi sono rifiutata di firmare la loro accusa. Per evitare ulteriori persecuzioni ho lasciato la mia casa, sono diventata una senzatetto e ho vissuto in condizioni di indigenza.

La Falun Dafa mi ha cambiata da “Miss grande ego” a persona onesta ed integra. La Falun Dafa ha purificato il mio corpo e la mia mente, e ha elevato i miei standard morali. Mi ha aiutata a comprendere il vero significato della vita e a trovare il destino per la mia anima.

Io non sono una criminale e non ho fatto qualcosa di sbagliato che violi la legge cinese. I praticanti della Falun Dafa sono cittadini buoni e rispettosi della legge.

Elenco delle persone e delle organizzazioni coinvolte nella persecuzione della signora Tu Ming:

Dipartimento degli affari politici e legali del distretto di Changning di Shanghai
Indirizzo: 788 Gubei St., Suite B, Shanghai, codice postale 200336
Zhong Xiaoyong, segretario generale del Partito Comunista, telefono: +862162702182

“Ufficio 610(*)” del distretto di Changning di Shanghai
Indirizzo: 788 Gubei St., Suite B2-2, Ufficio 4, codice postale 200336
Jiang Xinping, segretario generale del Partito Comunista, telefono: +862162753077

Dipartimento di polizia di Changning
Indirizzo: 201 Weining Rd, Shanghai, codice postale 200336
Telefono: +862162906290, +862123039000

Dipartimento di sicurezza interna:
Telefono: +862123039381, +862123039382, + 862123039443
Zhang Hui, direttore

Centro di detenzione del distretto di Changning
Indirizzo: 108 Qingchi Rd, distretto di Changning, Shanghai, codice postale 200335

Tribunale del distretto di Changning:
Indirizzo: 1133 Hongqiao Road, distretto di Changning, Shanghai, codice postale 200051
Telefono: +862152574999
Zhou Weimin, giudice capo della corte, telefono: +862152574999, interno 18120, 16121, 64086
Yuan Ye, segretario generale del PCC, telefono: +862152574999, interno 18459 e 18450

Procura del distretto di Changning
Indirizzo: 160 Anshun Rd, distretto di Changning, Shanghai, codice postale 200051
Telefono: +862162521100, +862162081100
Li Jian (李健), procuratore capo, +862162521100

Stazione locale di polizia di Changning
Indirizzo: 201 Xianning Road, distretto di Changning, Shanghai, codice postale 200336
Telefono: +862162906290, +862123039000
Ufficio della sicurezza interna: +862123039381, +862123039382, +862123039443

Ospedale generale della prigione di Shanghai
Indirizzo: distretto di Putdong, municipalità di Zhoupu, villaggio di Liren, #1236, Shanghai, codice postale: 201318
Telefono: +8602168189955, +862168189955, interno 4303
Chen Zhiguo, direttore dell'ospedale, +862168189955

(*) GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.