Hubei: Atleta detentore del record del mondo denuncia Jiang Zemin

(Minghui.org) Zhang Qingyuan, praticante del Falun Gong di quarantotto anni proveniente dalla città di Wuhan, è un ex atleta che nel 1994 ha partecipato alla quarta edizione dei Giochi per disabili dell'Estremo Oriente e del Sud Pacifico, battendo il record mondiale nel salto triplo maschile e vincendo l'oro.

Il signor Zhang ha recentemente presentato una denuncia penale contro l'ex dittatore cinese Jiang Zemin per aver iniziato la persecuzione del Falun Gong. Arrestato sette volte, condannato a quattro anni di carcere e tenuto in un centro di lavaggio del cervello per sei mesi, Jiang è responsabile inoltre delle sue passate carcerazioni.

Durante la detenzione il praticante è stato torturato con vari metodi: picchiato, privato del sonno, costretto a stare in piedi contro un muro per lunghi periodi, insultato e alimentato forzatamente attraverso le narici.

Di seguito è riportato un estratto dalla sua denuncia penale:

Il 1° gennaio 2001 sono andato in piazza Tiananmen per protestare contro la persecuzione del Falun Gong, tenendo uno striscione in mano. Sono stato arrestato, picchiato e portato alla stazione di polizia Huangsongyu. Qui sono stato interrogato, minacciato e hanno abusato fisicamente di me, ma ho resistito e mi sono rifiutato di collaborare con la polizia. Il giorno dopo sono stato portato a Tianjin e poi rilasciato.

Il 5 novembre del 2001 sono stato arrestato di nuovo dagli ufficiali della divisione di polizia del dipartimento di sicurezza interna della città di Wuhan per aver spedito delle lettere nelle quali venivano spiegati i fatti sul Falun Gong.

Sono stato portato al centro di detenzione n° 2 del comune di Wuhan e poi trasferito al centro di lavaggio del cervello Erdaopeng nel distretto di Jianghan. Per sei mesi sono stato costretto a partecipare a sessioni di lavaggio del cervello. Quando mi sono rifiutato di rinunciare alla mia fede nel Falun Gong, sono stato privato del sonno e costretto a stare in piedi per un lungo periodo di tempo di fronte a un muro.

Sono stato poi inviato al centro di detenzione Hongjiadawan nel distretto di Jianghan, dove ho fatto lo sciopero della fame per protestare contro la persecuzione. Dopo diciotto giorni di sciopero sono stato rilasciato.

Nel gennaio 2003 sono andato a Pechino per la seconda volta per fare appello per il diritto di praticare il Falun Gong. Sono stato arrestato e portato alla stazione di polizia di Dongfeng.

La polizia mi ha torturato e ha cercato di costringermi a dire loro il mio nome e l'indirizzo. Siccome non collaboravo mi hanno incatenato sulla panca della tigre (*) e mi hanno picchiato. Sono stato torturato fino a dopo mezzanotte. In seguito mi hanno privato del sonno non permettendomi di chiudere gli occhi.

Il giorno successivo sono stato trasferito al centro di detenzione n° 2 del dipartimento di polizia Fangshan. Ho fatto lo sciopero della fame e sono stato alimentato forzatamente così tante volte che il tubo d’alimentazione era coperto di sangue. Trentasette giorni dopo sono stato rilasciato. Mi hanno portato in una stazione d’autobus e mi hanno lasciato li.

Nel luglio 2005 sono stato arrestato per la quarta volta dagli ufficiali del dipartimento di polizia e della divisione di sicurezza interna della città di Wuhan. Mi hanno sequestrato un computer, una stampante e altri oggetti personali.

Sono stato poi portato al centro di detenzione n° 2 del comune di Wuhan. Ho fatto un altro sciopero della fame e sono stato brutalmente alimentato forzatamente attraverso un tubo delle dimensioni di un dito che mi è stato inserito nella narice.

In seguito mi hanno ammanettato i polsi e le caviglie ad un letto di legno e lasciato il tubo d’alimentazione dentro il corpo. Non potevo girarmi e sono stato costretto ad urinare e defecare nei miei vestiti. Questa tortura è continuata per più di 20 giorni, prima di essere rilasciato su cauzione.

Nel dicembre 2005 la polizia ha cercato di arrestarmi di nuovo, ma non ci sono riusciti.

Nell'aprile 2006 durante il Festival Qingming, sono stato arbitrariamente arrestato mentre andavo dalla mia città natale verso la campagna per visitare la tomba dei miei vecchi parenti. Agenti della divisione di polizia del dipartimento di sicurezza interna della città di Wuhan mi hanno portato al centro di detenzione n ° 2 di Wuhan e hanno emesso un mandato d'arresto nei miei confronti.

Il 7 aprile 2006 sono stato illegalmente processato nella Corte Intermedia della città di Wuhan. Ho di nuovo fatto uno sciopero della fame di oltre venti giorni per protestare contro i maltrattamenti e finalmente sono stato rilasciato su cauzione.

Il 1° giugno 2006 i funzionari della divisione di sicurezza nazionale e la Corte Intermedia della città di Wuhan hanno consegnato un documento del tribunale a casa mia. Era un avviso per la mia condanna a quattro anni di carcere. Sono stato costretto a lasciare la casa per evitare altre persecuzioni.

Nel 2008 i funzionari dell'Ufficio 610 (*) e la Divisione di Sicurezza Nazionale hanno messo sotto pressione il mio datore di lavoro per farmi licenziare e togliermi l’indennità di lavoratore modello provinciale, così come l'indennità per persone disabili. Le mie fonti di reddito sono state completamente eliminate.

Prima delle Olimpiadi di Pechino del 2008 gli agenti della divisione di sicurezza interna hanno cercato di arrestarmi. Hanno cercato a casa di tutti i miei parenti e amici e alla fine hanno arrestato un membro della famiglia.

Ho deciso di scrivere un articolo per esporre la persecuzione che ho subito ed è stato pubblicato su Minghui.org. La polizia ha poi messo il mio nome sulla loro lista di praticanti del Falun Gong da perseguitare. Ho lasciato la casa per evitare l'arresto.

Nel febbraio 2011 sono stato arrestato per la distribuzione di materiale informativo sul Falun Gong in una zona rurale. Sono stato tenuto nel centro di detenzione locale. Non ho collaborato con le guardie e mi sono rifiutato di dire loro il mio nome e l'indirizzo. Ho fatto lo sciopero della fame per protestare contro il mio arresto e sono stato rilasciato alcuni giorni dopo.

Antefatto

Nel 1999 Jiang Zemin, capo del Partito Comunista Cinese, scavalcando gli altri membri del comitato permanente del Politburo ha lanciato una violenta repressione contro il Falun Gong.

Negli ultimi diciassette anni la persecuzione ha causato la morte di molti praticanti di questa disciplina. Gli agenti dell’ufficio 610 hanno inflitto su larga scala minacce, pestaggi, incarcerazioni illegali e torture ai praticanti del Falun Gong. La maggior parte di loro sono stati torturati per la loro fede e persino uccisi per i loro organi. Jiang Zemin è direttamente responsabile per l'avvio e la
continuazione di questa brutale persecuzione.

Il 10 giugno del 1999 sotto la direzione personale dell’ex leader Jiang, il Partito Comunista Cinese ha istituito un organo di sicurezza extralegale chiamato Ufficio 610(*). Questo ufficio è stato istituito per danneggiare la reputazione dei praticanti del Falun Gong, tagliare le loro risorse finanziarie e distruggerli fisicamente. Ha la precedenza sulle forze di polizia e sul sistema giudiziario e risponde direttamente alle direttive di Jiang Zemin.

La legge cinese permette ai cittadini di ricorrere alle cause penali e molti praticanti stanno ora esercitando tale diritto, presentando denunce penali contro l'ex dittatore.


(*) GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.