Rapporto annuale del Dutch Servizio di Sicurezza Interna sottolinea le interferenze indesiderate da parte di potenze straniere nei confronti dei praticanti del Falun Gong

Dutch Internal Security Service (BVD)
Rapporto annuale
28 Maggio 2002

Capitolo 5: Interferenze indesiderate da parte di potenze straniere

Diversi paesi cercano, per ragioni diverse, di esercitare una influenza o di acquisire informazioni in Olanda di nascosto. In questo capitolo vengono esplicitate le attività di Iraq, Iran, Cina e Russia.

5.3 Gente della Repubblica Popolare Cinese

La ricerca del BVD [on ed. Dutch Intelligence Agency, Internal Security] su attività di intelligence ed altre attività indesiderate del Governo Cinese all'estero, ha dimostrato che sono stati lesi anche degli interessi olandesi.

L'ossessione con cui il regime di Pechino si è dato l'obiettivo di sradicare il movimento spirituale Falun Gong per supposti pericoli per lo stato e per terrorismo, ha prodotto dei Cinesi all'estero fedeli al governo con il compito di mappare i praticanti del Falun Gong e di intralciarli dove possibile. Al di là della drastica persecuzione nella RPC stessa ciò ha già portato in numeresi paesi a dei tentativi di limitazione nei confronti dei membri del Falun Gong. Ci sono stati casi di feroce anti-propaganda per mettere il movimento in cattiva luce e sono state esercitate pressioni per cercare di impedire incontri e pubblicazioni. A causa di ciò singoli membri si sentono spiati e minacciati. Sebbene la cosa non sia pesante come in altri paesi, anche i pochi membri residenti in Olanda si sono nel frattempo abituati a ricevere questo genere di ostacoli. Fino ad oggi ciò si è manifestato nella forma di azioni di disturbo per le manifestazioni prodotte da membri del Falun Gong e nelle comunicazioni internet probabilmente coordinate dalla RPC


Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.