Gli effetti delle cause legali contro alti funzionari del partito comunista cinese presentate all’estero

Le cause legali al di fuori della Cina contro i funzionari di alto livello del PCC, sono diventati un aspetto molto importante per gli sforzi fatti dai praticanti del Falun Gong opponendosi alla persecuzione.

Fino a giugno 2005, sono state presentate 47 cause. Gli accusati sono una decina di funzionari del PCC, inclusi: Jiang Zemin, Luo Gan, Liu Jing, Zhou Yongkang, Zeng Qinghong, e Li Lanqing. 35 avvocati di 29 paesi stanno lavorando per rappresentare ed assistere i querelanti, formando il gruppo più grande, in una causa internazionale sulla violazione dei diritti umani dopo la seconda guerra mondiale.

Alcune persone potrebbero chiedersi, "Se fate la causa e loro scappano in Cina. Cosa potete fare? Che cosa serve citarli alla giustizia?”

Quando Hu Jintao ha visitato USA e Canada nel 2005, il Ministro del Commercio cinese Bo Xilai doveva partecipare come membro della delegazione negli USA. E' perchè Bo è stato citato alla giustizia che, un anno fa quando accompagnava la vice premier Wu Yi negli USA, i praticanti del Falun Gong si sono appellati per impedire a Bo di entrare negli USA. Alla fine, Bo non è venuto con Hu. Chi vorrebbe portare con sé a visitare vari paesi in posti diversi, colui che è citato in una causa criminale? Chi vuole accompagnare un funzionario che si presta a rubare la luce dei riflettori dei media del presidente di un paese? Come ministro del commercio, se Bo non può più viaggiare all’estero per negoziare, anche se è ancora il più importante, potrà ancora avere un ruolo politico in futuro?

Le cause legali fuori della Cina hanno evidentemente un effetto molto forte nel limitare i funzionari del PCC che non conoscevano il limite della persecuzione. Attualmente, I funzionari che seguono Jiang Zemin e la sua banda di furfanti non si interessano a nient’altro, se non per il loro rango sociale, interessi personali, promozioni, poter andare all’estero, ricchezza ai figli, al loro futuro dopo il ritiro. Molti funzionari sono corrotti, accettano bustarelle a frode di soldi pubblici. Sognano di spostare le loro ricchezze all’estero, e cercano di fare di tutto per mandarci i loro figli. Questi funzionari vogliono veramente avere la possibilità di andare a vivere all’estero. Oltre ai soldi, possono permettersi gite turistiche, e molte esperienze per abbellire il loro curriculum politico.

Comunque, dopo le querele per torture, genocidio, e crimini contro umanità, questi funzionari non osano più lasciare la Cina. Il loro futuro politico è limitato. Anche se adesso sono protetti dal gruppo di Jiang, la situazione è soggetta al cambiamento. Per i funzionari citati in giudizio, il futuro politico è finito, non possono più muovere le loro ricchezze all’estero. Questo è il migliore avvertimento per questi funzionari che hanno partecipato alla persecuzione per guadagni politici.

Zhao Zhifei, vice direttore dell’Ufficio di Polizia della provincia di Hubei, e Bo Xilai, Ministro del Commercio, entrambi hanno ricevuto una notifica di citazione in giudizio al loro arrivo negli USA.

La consegna della notifica a Jiang, è stata molto più drammatica. Jiang è stato citato alla giustizia durante la sua visita di Chicago, a ottobre 2002 dove il PCC ha smentito pubblicamente. L’avvocato del querelante ha poi usato il FedEx per la consegna della notifica in Cina. La natura speciale del documento ha messo in dilemma il Ministero degli Affari Esteri. Non potendo dire " questa persona non c’è, ” non potevano neanche firmare e accettarla. Hanno quindi consegnato il documento all’Ufficio di Jiang Zemin a Zhongnanhai. T. Huang e l’ufficio di Jiang hanno firmato la ricevuta, che è diventata una testimonianza importante del ritiro della notifica.

La reazione degli imputati ha dimostrato il potere di queste cause.

Jiang ha usato i canali diplomatici per dire agli USA e altri governi che “sono disponibili a compromettere ogni cosa per fermare le cause”. Quando Zhao Zhifei ha ricevuto la notifica in un hotel di Manhattan, ha immediatamente cambiato il suo piano ed è tornata in Cina. Chen Zhili, ex ministro per l'Educazione, e una seguace di Jiang, stava visitando la Tanzania quando ha ricevuto la notifica, non ha potuto trovare una scusa per scappare, ed è stata la prima ad essere apparsa in tribunale coinvolta nella persecuzione. Su Rong, ex vice segretario del PCC della provincia di Jilin, ha ricevuto la notifica quando stava visitando con Wu Bangguo, lo Zambia. Dopo circa 10 giorni e fuggito a nascondersi, mentre era ricercato dalla polizia dello Zambia, è scappato in Sud Africa e poi in Cina dopo tante difficoltà.

Ogni causa legale è come un colpo di bacchetta sulla testa degli imputati. È un avviso di risveglio per i collaboratori. È un secchio d’acqua sulla fiamma della persecuzione.

Il PCC, abituato a uccidere e perseguitare la gente, crede che nessuno possa controllarlo. Ma l’accettazione sempre più ampia dei valori universali dell’umanità, con i numerosi scambi tra gli stati, il popolo cinese ha imparato ad usare la giustizia e le leggi internazionali, come potente strumento atto ad impedire la tirannia del PCC.

Un annuncio pubblicato dall’associazione della Falun Dafa il 9 ottobre 2005 dice, “Coloro che si rifiutano di fare le cose giuste e continuano a seguire la politica persecutoria del regime criminale di Jiang, saranno severamente puniti per aver commesso crimini imperdonabili." "In questo momento critico della storia, l’Associazione della Falun Dafa ha fatto questo annuncio speciale: da oggi in poi, i praticanti del Falun Gong all’estero perseguiranno con processi penali e civili, tutti i principali funzionari governativi e del PCC che continueranno a partecipare alla persecuzione nei confronti del Falun Gong, commettendo nuovi crimini in aggiunta a quelli che già hanno commesso contro il Falun Gong."

L’obiettivo definitivo delle cause legali dei praticanti del Falun Gong, è fermare la persecuzione. Da un altra prospettiva, le cause legali, servono per portare una persecuzione di lunga durata e quasi sotterranea, all'attenzione della comunità internazionale usandone il potere per reprimere la brutalità del PCC e punire i crimini attraverso le leggi internazionali. Inoltre, le cause legali hanno inviato un avviso ai funzionari che hanno partecipato alla persecuzione, dando loro l’opportunità di riscattare loro stessi e riparare i loro errori, nel frattempo serve ad incoraggiare le persone di cuore gentile che credono nel potere della giustizia.

Here is the article in English language:
http://en.clearharmony.net/articles/a29374-article.html

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.