Tornare in vita dalla morte (起死回生)

Bian Que riporta in vita il principe morente e il re rimane molto colpito dalle ottime competenze mediche di Bian Que. (Jane Ku/Epoch Times)

L'idioma cinese 起死回生 (qĭ sĭ huí shēng) significa letteralmente «Ritornare in vita dalla morte».

Nasce dalla storia del leggendario medico, Bian Que (1) (circa 401-310 a.C.) che salvò la vita di un principe in fin di vita. Questa storia è riportata in Memorie di uno storico (2) scritto da Sima Qian (135-86 a.C.).

Durante il periodo degli Stati combattenti (475-221 a.C.), c'era uno Stato chiamato Gui (3) situato al centro della Cina. Un principe si ammalò improvvisamente e il re di Gui chiamò i dottori per salvare il giovane uomo. Molti dottori cercarono di salvarlo ma fallirono e il re soffriva nel vedere il giovane principe morente.

In quel periodo il famoso medico cinese Bian Que, che viaggiava in differenti Stati per raccogliere erbe medicinali, stava attraversando lo stato di Gui. Rimase molto sorpreso vedendo le persone in lutto per la strada.

Chiese loro perché stessero piangendo e loro gli raccontarono come il principe fosse appena morto. Interessatosi della questione, Bian Que andò a palazzo per informarsi sulle circostanze della morte del giovane nobile. Mentre esaminava il principe vide che le sue cosce erano ancora calde e capì che il principe non era ancora morto ma era in uno stato di coma.

Chiese al re il permesso di curare il principe. Visto che il re non aveva altra scelta, pieno di dubbi, concesse a Bian Que il permesso di curarlo.

Bian Que estrasse degli aghi d'argento e fece al principe un trattamento di agopuntura. Immediatamente, il principe rispose e apri gli occhi. Il re era pieno di sorpresa e di gratitudine.

Continuò il suo trattamento, utilizzando delle compresse di erbe da applicare al corpo del principe. Dopo un breve tempo il principe riuscì ad alzarsi.

Bian Que continò per 20 giorni a fornire giornalmente al principe una dose di erbe medicinali. Dopo il 20 giorno di trattamento, il principe si ristabilì completamente. Poi Bian Que si preparò a partire per un altro Stato.

La notizia che Bian Que aveva curato il principe e che poteva riportare in vita dalla morte si diffuse molto velocemente. Dopo aver sentito i commenti Bian Que disse: «Non sono in grado di riportare in vita dalla morte. Ma sono riuscito a salvare la vita del principe perché non era ancora morto».

In seguito la gente ha usato questo idioma per indicare o elogiare l'eccellente abilità di un dottore medico.

Note:
1. Bian Que è uno dei principali medici cinesi, vissuto agli albori della storia cinese. Secondo la leggenda, grazie al suo maestro, un essere illuminato, fu in grado di fare eccellenti diagnosi con una precisione simile ai raggi X. Usò il battito cardiaco come metodo diagnostico e la terapia con l'agopuntura. Lasciò all'umanità un libro importante di medicina cinese chiamato Classico di medicina Interna.
2. Il libro Memorie di uno storico (史記, Shǐjì) contiene 130 volumi e copre un periodo che va dal 2.600 a.C. all' 86 d.C. La Biografia di Bian Que e del Duca di Can è il centocinquesimo volume di questa raccolta.
3. La pronuncia corretta del nome 虢 è Gui, non Guo.

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.