Bai Juyi - Il poeta che guidò la "nuova campagna dei versi"

Bai Juyi, il poeta che guidò la "nuova campagna dei versi". (Jessica Chang/Epoch Times)

Bai Juyi ( 772-846 d.C.) fu un famoso poeta della dinastia Tang. Le sue poesie sono semplici e facilmente comprensibili e hanno avuto grande seguito tra la gente comune.

A differenza di altri grandi poeti che sono stati rispettati solo dopo la loro morte, Bai Juyi si guadagnò fama e rispetto sia inpatria che all’estero. Nei due decenni del suo periodo di massimo splendore, le sue poesie si potevano vedere sulle pareti dei templi e delle locande e furono anche utilizzate come moneta nei mercati. Si racconta che al mercato del pesce e della carne, le persone comuni usassero dei panni da seta, mentre gli studiosi usavano copie delle poesie di Bai Juyi, per commerciare pesce e carne. Inoltre alcuni dei primi ministri d'affari stranieri acquistarono le poesie di Bai Juyi a un prezzo equivalente ad oltre un centinaio di lingotti d'oro.

Qui riportiamo una delle sue popolari poesie -

"Il fuoco rosso lampeggia nel forno, e riflette nel nuovo, verde e profumato vino. Un quadro caldo e meraviglioso, nel freddo inverno, tutto è tranquillo. La neve in serata sembrava essere caduta, e mi chiedo se il migliore amico vorrebbe venire e per chiacchierare con me con del vino nuovo? "

In questa poesia Bai Juyi descrive il bere vino in parole povere e semplici, ma l'atmosfera descritta è piena di tenera emozione.

Rispetto ad altri poeti, Bai Juyi scrisse molti più "poemi allegorici", che riflettono la sua profonda preoccupazione per la sofferenza della gente e la sua natura giusta di compassione verso le vittime della povertà. Anche oggi la sua energia compassionevole può essere percepita leggendo le sue poesie. Si preoccupava non solo per i poveri, ma guardava anche verso l'interno, e si sentiva imbarazzato per la sua vita agiata.

Bai Juyi visse in un periodo estremamente turbolento quando la dinastia Tang iniziò a declinare. Il suo contributo alla storia della poesia fu quello di stabilire una teoria della poesia sostenendo il realismo. Creò un movimento chiamato nuova campagna dei versi. Molte eccellenti poesie nella categoria del realismo sono state create da questo movimento.

La "nuova campagna di versi" sosteneva che la creazione della poesia dovrebbe riflettere la realtà e dovrebbe essere ispirata da eventi reali e dalle circostanze sociali. La campagna ha avuto grande impatto sulla storia della poesia e ha ricevuto molto sostegno.

Bai Juyi eccelse nell'esame imperiale all'età di 28 anni, e da allora divenne persona rinomata e di successo, fino a quando non fu retrocesso a 44 anni, e cambiò il suo stile di vita e lo stile di scrittura della poesia. In questa situazione cupa rivolse la sua attenzione verso i paesaggi e le sue poesie progressivamente si modificarono di conseguenza fino a distaccarsi dalle cose ordinarie. La sua vecchiaia la trascorse con uno stile appartato e si convertì al buddismo, dedicandosi alla pratica. Nel 846 d.C., a 75 anni, morì nella sua casa.

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.