Dove lavora mia nuora più nessuno ripete le calunnie del PCC sul Falun Gong

(Minghui.org) Oggi mio figlio mi ha detto di aver bisogno della mia carta d'identità per ottenere un nuovo libretto per l'accredito della pensione. Ha chiesto ad un amico che lavora negli uffici della polizia di controllare se il mio nome era sulla lista nera. In caso contrario, sarebbe andato a farmi un documento d'identità provvisorio.

Mi ha mostrato le informazioni fornitegli dal suo amico. Attestavano che sono un praticante del Falun Gong e che dovevo essere monitorato perché avevo presentato delle denunce penali contro l'ex dittatore cinese Jiang Zemin per aver organizzato la persecuzione del Falun Gong.

Mi sono reso conto che avevo un'altra buona occasione per illustrare a mio figlio quanto è malvagio il Partito Comunista Cinese (PCC). Gli ho chiesto: “Che cosa pensano di me i nostri familiari e le persone dove lavori?”.

“Pensano che sei una brava persona” ha risposto.

Ho replicato: “Tuo nonno, un medico di medicina cinese, è stato ucciso durante la Rivoluzione Culturale. Ora voglio essere una brava persona ma vengo calunniato. Il PCC ha ucciso oltre 80 milioni di cinesi. Quando il cielo eliminerà il PCC cerca di non esserne coinvolto. Quale membro della famiglia di un praticante del Falun Gong mi hai sostenuto ed hai partecipato nel denunciare Jiang Zemin, pertanto sarai protetto e ricompensato dalla Dafa”.

Ho sempre 'chiarito la verità' (*) alla mia famiglia e mi sono sempre comportato da praticante del Falun Gong. Per questo motivo i miei familiari hanno resistito con me alla persecuzione. Mi hanno aiutato a spiegare la persecuzione agli altri nostri parenti e a convincere loro e i loro amici a dimettersi dal PCC e dalle sue organizzazioni affiliate.

Una volta un collega di mia nuora ha ripetuto le diffamazioni del PCC sul Falun Gong. Mia nuora lo ha corretto subito, spiegandogli che nessuna legge in Cina afferma che la pratica del Falun Gong è illegale. Gli ha detto: “È stato Jiang Zemin a diffondere tali menzogne, e non è lui che fa le leggi”.

Il collega le ha chiesto: “Sei una praticante del Falun Gong?”.

“No, non sono una praticante. Non sono qualificata”, ha risposto mia nuora. “Pensi di poter essere un praticante del Falun Gong solo perché lo desideri? Puoi essere un praticante solo se hai una relazione predestinata”.

Da allora, dove lavora mia nuora, nessuno ha più ripetuto le menzogne ​​del PCC.

(*) GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.