Ban Chao - Un famoso generale militare e un diplomatico

Dopo essere arrivato nella capitale nel 62 d.C. sotto il regno dell'imperatore Ming della dinastia Han orientale, Ban Chao (32-102 d.C.) ha iniziato a guadagnarsi da vivere come copista. Indotto ad essere purificato dal sangue e dal fuoco nelle battaglie contro gli Xiongnu, tribù nomadi del Nord, ha buttato via la sua penna da scrittore e si è arruolato nell'esercito. Combattè coraggiosamente con buone tattiche e per questo fu promosso molto rapidamente nell'esercito. In seguito fu selezionato come inviato per formare alleanze con altre tribù vicine all'Asia centrale, per resistere alle incursioni degli Xiongnu.

Ban Chao - Un famoso generale militare e un diplomatico - Illustratore: Catherine Chang, staff di Epoch Times

Ban Chao guidò una truppa di 36 soldati a visitare lo Stato di Shanshan (l'attuale Loulan a Turpan, della regione autonoma Uygur dello Xinjiang) come prima fermata. Al tempo lo Stato di Shanshan era costretto a pagare tasse e tributi agli Xiongnu, per mostrare lealtà. Il governante dello Stato di Shanshan non era soddisfatto di questa situazione, ma non c'erano alternative, dato che, negli ultimi decenni, le guerre civili nella dinastia Han orientale avevano impedito alle milizie cinesi di proteggere gli interessi degli Stati nelle regioni ovest. Così inizialmente il governante mostrò grande interesse e accoglienza verso Ban Chao. Tuttavia dopo qualche giorno Ban si accorse di un'improvvisa indifferenza dal governante e pensò ad un arrivo dell'inviato Xiongnu che forse aveva reso il governante indeciso su chi avrebbe dovuto avere la sua fedeltà.

Quindi Ban Chao convocò il servo locale e gli chiese: "L'inviato Xiongnu è stato qui per qualche giorno. Dove stanno?". Preso alla sprovvista e impaurito, il servo confessò la posizione degli inviati Xiongnu. Ban Chao quindi chiamò a raduno i suoi 36 soldati e li intrattenne con il vino. Nel mezzo dell'intrattenimento, Ban Chao disse: "La ragione per cui tutti voi siete venuti qui con me è quella di fare un'alleanza con il governante per la nostra dinastia, e tornare a casa in gloria. Ora, la delegazione degli Xiongnu è venuta qui solo pochi giorni fa, e il governante è diventato indeciso. Se ci mette sotto arresto e ci manda dagli Xiongnu allora verremo tutti uccisi. Cosa dobbiamo fare?"

"Siamo in pericolo e le nostre vite sono a sua disposizione", risposero quei compagni. Ban Chao disse: "Uno non può catturare il cucciolo della tigre senza entrare nella tana della tigre. Dobbiamo cominciare la missione di attacco agli Xiongnu immediatamente in questo momento critico. Loro sono di più ma non sono preparati, quindi li attaccheremo di notte e appiccheremo il fuoco per eliminarli. Allora il governante dello Stato di Shanshan non avrà altra scelta che scegliere di essere fedele alla dinastia Han. Così compieremo la nostra missione". "Siamo pronti ai suoi ordini", echeggiarono i suoi soldati.

Al calar della notte, Ban Chao guidò i suoi guerrieri vicino l'alloggio della delegazione Xiongnu. Avendo visto il forte vento che c'era quella notte, Ban Chao ordinò a dieci soldati di prendere dei tamburi militari e di nascondersi dietro una casa. "Appena si vede il fuoco, suonate i tamburi e create rumore". Gli altri guerrieri presero la spada e la balestra con loro e si nascosero per l'agguato, ad entrambi i lati della casa. Ban Chao lanciò l'attacco incendiando la casa a notte fonda. Oltre trenta delegati Xiongnu furono uccisi da Ban Chao e dai suoi guerrieri, con oltre cento morti a causa del fuoco.

Il governante dello Stato di Shanshan era scioccato ma impressionato dalla capacità militare e dal coraggio di Ban Chao, e decise di essere fedele alla dinastia Han. Gli altri Stati o tribù nelle regioni dell'ovest presto lo seguirono. Pochi mesi dopo, Ban Chao guidò le truppe alleate e conquistò altre tribù, avendo l'intero Bacino di Tarim sotto il suo controllo.

Ban Chao impiegò quasi 30 anni nelle regioni dell'ovest e divenne il generale protettore di tali regioni. Ebbe successo nel mantenere le regioni occidentali alle coste del Mar Caspio sotto la protezione cinese, e assicurò la facile comunicazione per la Via della Seta che connetteva l'Oriente e l'Occidente attraverso l'Asia centrale.

Agg.V

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.