Il monaco che dormiva troppo

(Clearwisdom) Budda Sakyamuni spesso insegnava ai suoi discepoli a studiare la dottrina Buddista con attenzione e con tutto il cuore, senza rallentare o cadere nella pigrizia. La maggior parte dei suoi discepoli seguiva i suoi insegnamenti coltivando diligentemente, quindi ottenevano l’Illuminazione e raggiungevano il compimento mentre rimuovevano tanti pensieri e soffrendo.

Tuttavia, vi era un monaco che semplicemente non era diligente. Ogni volta che gli altri praticavano la meditazione, andava semplicemente a dormire. I suoi amici discepoli cercavano di ragionarci, ma lui non cambiava.

La più grande debolezza del monaco era di svegliarsi troppo tardi. Tutti i giorni andava a dormire dopo essersi rifocillato. Quando dormiva, teneva la porta chiusa ermeticamente e dormiva solo nella sua stanza. Nessuno riusciva a svegliarlo, non importa quanto duramente ci provassero.

Un giorno, a mezzogiorno, dopo aver mendicato cibo per strada, il monaco tornó portando la sua elemosina nelle viscere. Andò dritto in camera sua e si addormentò. Il russare dalla sua stanza si poteva sentire fino al mattino seguente.

Il mattino successivo, per Sakyamuni era il momento di insegnare la Fa di Budda al pubblico. Ogni discepolo era presente, tranne il monaco a cui piaceva dormire. Sakyamuni domandó: "Perché non viene il discepolo a cui piace dormire?"

Un discepolo rapidamente si alzò e rispose: "Budda, è a letto da mezzogiorno di ieri. Non siamo stati capaci di svegliarlo, tutto quello che abbiamo provato è stato inutile."

Sakyamuni ricordava che il monaco aveva solo sette giorni da vivere. Se fosse morto mentre dormiva per tutto il tempo, la morte gli avrebbe portato infelicità. Sakyamuni aveva una grande compassione per il monaco. Istruí i suoi discepoli a recitare una scrittura e prese Ananda con lui per vedere il monaco nella sua stanza.

Potevano sentire il fragoroso russare prima di giungere alla camera del monaco. Aprirono la porta solo per sentir russare ancora più forte. Il monaco era ancora a letto in un sonno profondo.

Ananda chiamò il nome del monaco un paio di volte, ma il monaco non rispondeva e continuava a dormire. Poi, Sakyamuni si avvicinò al letto e delicatamente lo scosse. Il monaco immediatamente si svegliò.

Vedendo Sakyamuni in piedi davanti a lui che lo fissava con compassione, il monaco subito si alzò e si inchinò a Sakyamuni, dicendo: "venerato Budda, ti prego di perdonarmi per essere irrispettoso".

Sakyamuni gli rispose: "Hai solo sette giorni da vivere. Non posso sopportare di vederti morire mentre dormi così tanto e non riesci a raggiungere un compimento retto. Sono qui per svegliarti".

Il monaco era sconvolto. Non gli era mai venuto in mente che avrebbe potuto avere solo sette giorni da vivere. Era spaventato e non sapeva cosa fare.

Sakyamuni lo confortò e gli disse: "E' predestinato per te. Diverse vite fa, quando eri un monaco, ti eri abbandonato al cibo e al sonno e non hai mai riflettuto sul significato della Fa. Non hai seguito i precetti del Buddismo. Non hai seminato alcuna benedizione o virtù, quindi ti sei reincarnato come un verme del riso per 50.000 anni. Quindi, ti sei reincarnato come una lumaca, una cozza, e una tarma, ciascuno per 50.000 anni.

"Nelle tue vite precedenti ti è piaciuto vivere in luoghi bui, senza luce, e tenevi in gran conto il tuo corpo e la tua vita. Ciò che è più insolito è che tutti e quattro gli esseri diversi amavano dormire e potevano dormire per oltre 100 anni una volta che si addormentavano. Non hai mai provato ad essere diligente. Dopo 200.000 anni sei stato finalmente in grado di ripagare il peccato che hai commesso. Quindi, ti sei reincarnato come un essere umano e sei diventato un monaco.

"Ora che sei diventato un monaco dovresti coltivare e studiare diligentemente per compensare ciò che hai perduto in precedenza. Non mi aspettavo che saresti stato ancora così attaccato al cibo e al dormire come eri 200.000 anni fa. Perché ti senti sempre come se non dormissi abbastanza? Non dimenticare le conseguenze che hai sofferto 200.000 anni fa. "

Sakyamuni smise di parlare. Il monaco arrossì dalla vergogna. Si pentì subito verso Sakyamuni. Quando criticò profondamente se stesso e si pentì, tutti i suoi pensieri cattivi scomparvero. Fu in grado di raggiungere lo stato di Arhat entro la fine della sua vita.

Ci sono solo 24 ore in un giorno. La gente di solito dice che il tempo passa in un batter d'occhi. In media una persona dorme otto ore al giorno. Le persone che dormono troppo possono finire per trascorrere la maggior parte del loro tempo nel sonno e nei sogni, quindi realizzare pochissimi compiti importanti nella propria vita. Alcuni decenni passano rapidamente nel mondo umano. Sarete veramente dispiaciuti se non cogliete fermamente l'opportunità. A volte vi sentite come se la vita fosse lunga, ma non si sa quando la morte vi prenderà. In quel momento, non avrete fatto un buon lavoro mancando di adempiere ai compiti che dovevate eseguire e le missioni che dovevate completare. Peggio ancora, potete non aver fatto alcuno sforzo per fare quelle cose. Niente potrà aiutarvi, non importa quanti rimpianti avrete. Volete davvero diventare un verme che dorme nella vostra prossima vita?

Il monaco che dormiva troppo finalmente capì che aveva bisogno di afferrare il tempo che gli rimaneva e non doveva aver sonno ed essere fiacco per tutto il tempo. Un coltivatore sottolinea l'importanza di impegnarsi diligentemente nella coltivazione del Buddha. Come può una persona assonnata e fiacca diventare diligente come un possente leone? Un coltivatore deve cogliere ogni minuto, dormire meno e coltivare di più per riuscire nella coltivazione.

Versione inglese: http://www.clearwisdom.net/html/articles/2009/11/25/112605.html

Versione cinese: http://minghui.ca/mh/articles/2009/11/15/212614.html

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.