Sopravvissuta ad un campo di lavoro forzato racconta le sue terribili esperienze

(Minghui.org) Nei supermercati cinesi in Nord America, è frequente incontrare un particolare e famoso piatto – la torta ai semi di sesamo di Zhoucun. É prodotta nel distretto di Zhoucun nella città di Zibo, provincia di Shandong. Tuttavia, coloro che amano questo saporito spuntino non immaginerebbero mai che lo stabilimento dove viene preparato questo prodotto, nell’antica capitale dello stato di Qi con una storia di oltre 2000 anni, è stato trasformato in un luogo di terrore fin dall'inizio della persecuzione della Falun Dafa nel luglio 1999.

Il ben noto campo di lavoro forzato di Wangcun si trova nella cittadina di Wangcun nel distretto di Zhoucun.

Io sono stata illegalmente rinchiusa là per tre anni. Persino oggi, nove anni dopo, ancora rabbrividisco quando ricordo i miei giorni nel campo di lavoro forzato.

Esercizio delle loro funzioni? O teppisti che eseguono un rapimento?

A quel tempo vivevo in un edificio residenziale della nostra unità di lavoro. Il 5 novembre 2001 stavo tornando a casa con dei colleghi su un autobus. Era il crepuscolo. Arrivata a destinazione, sono scesa. Immediatamente, un gruppo di persone si è avvicinato e mi ha preso a calci e spinta a terra. Sono caduta sbattendo i denti e graffiandomi le dita.

Sono stata spinta a terra da dietro e non ho potuto alzare la testa per vedere chi mi stava attaccando. Ho percepito che una lotta stava scoppiando tra i miei colleghi e i teppisti, poi qualcuno ha urlato, “Siamo della polizia!” Subito dopo, sono stata spinta in una macchina.

Nella macchina, uno dei miei aggressori ha detto, “Meno male che siamo stati veloci. Più di venti persone stavano già raggruppandosi lì intorno”. Continuò, “Meno male che è il tramonto, così non ci hanno potuto vedere chiaramente.” Dal momento che nella macchina ero tenuta a testa in giù, non ho potuto vedere nulla, ma ho sentito chiaramente ciò che stavano dicendo. Ho pensato, “Se questi sono ufficiali di polizia che svolgono il loro lavoro, perché erano così preoccupati di essere visti?”

Ho sentito che uno di loro veniva chiamato Tao Zhifeng, vice capo sezione dell’Ufficio 610 (*) nella città di Yantai. Secondo il regolamento interno, gli agenti dell’Ufficio 610 non fanno parte della polizia e non hanno l’autorità di arrestare le persone.

La mia terrificante esperienza

Sono stata portata in un ufficio seminterrato nella sottostazione di polizia di Zhifu nel dipartimento di polizia di Yantai, e sono stata ammanettata ad una sedia. Ho domandato loro perché ero stata arrestata, ma nessuno mi ha dato una risposta o mi ha fatto domande. Il giorno dopo, Wang, capo sezione della divisione per la politica e la sicurezza della sottostazione di polizia di Laishan, mi ha messo in una macchina e ammanettata al sedile. Lui e pochi altri mi hanno portato all’ospedale per un controllo. Ho rifiutato di entrare, ma un paio di poliziotti mi hanno condotta dentro con la forza.

Uno di loro ha preso le manette e le ha tirate forte, stringendole. Sentivo così tanto dolore che potevo difficilmente respirare e sono quasi svenuta.

Il “controllo” era davvero insolito e molto specifico; era solo un esame del sangue e un controllo dei miei organi interni. Mi sono rifiutata di fare l’esame del sangue. Il dottore, con un'espressione buia e fredda, ha detto che se non avessi cooperato, avrebbe usato una siringa più grande e spessa per prendermi il sangue. Ero veramente a disagio e sentivo che stava accadendo qualcosa di sinistro, quindi ho rifiutato di permettergli di prendere una provetta con il mio sangue. Alla fine si sono arresi.

Poi sono stata portata in un altro reparto per un esame interno. Mi hanno costretto a sdraiarmi su un letto per una scansione dei miei reni. Sette o otto giorni dopo, la polizia ha detto che avevo dei problemi di salute e necessitavo di altri controlli. Mi hanno portato all’ospedale un’altra volta per un esame del sangue.

Spedita in un campo di lavoro forzato senza alcuna procedura legale

Dopo aver lasciato l’ospedale, mi hanno trasferita in un altro posto, e sono stata condotta attraverso un cancello di ferro. Quando ho chiesto dove ci trovavamo, la polizia è rimasta in silenzio. Ho chiesto ad altri e mi è stato detto che era un campo di lavoro forzato e che ero stata condannata a tre anni di lavoro forzato.

Non è stata seguita alcuna procedura legale, nessun udienza e nessun processo. Quando ho chiesto, la polizia non si è nemmeno preoccupata di spiegarmi perché ero stata spedita là. Non ho visto alcun documento o avuto alcuna possibilità di fare appello. Ancora oggi non ho nessuna idea se ci fossero documenti, o di cosa ci fosse scritto su questi riguardo la mia detenzione.

Leggi che servono solo come facciata

Ho chiesto alle guardie del campo di lavoro forzato se potevo dare uno sguardo ai documenti per la mia detenzione. Hanno rifiutato. Quando ho chiesto loro perché ero detenuta, hanno risposto, “Non te lo ha detto la polizia? Sei qui perché non ci piace il modo in cui pensi. Non verrai rilasciata finché non avrai cambiato i tuoi pensieri, e finché noi non saremo soddisfatti del tuo cambiamento”. Hanno apertamente detto che erano lì per “trasformare” (*) le menti dei praticanti del Falun Gong.

Ho detto, “ La libertà di pensiero è uno dei più fondamentali diritti umani. Ciò che state facendo è illegale. Voglio vedere un avvocato”. Li Aiwen, vice capo della terza divisione, ha detto, “Gli avvocati servono solo il Partito Comunista Cinese, non te.” Ho risposto, “Allora, scriverò il mio reclamo.” Chen Suping, capo della terza divisione, ha replicato, “ Qualsiasi cosa tu scriva, noi non la spediremo fuori. Che senso avrebbe?”

Torturata all’inferno

Durante i tre anni di detenzione, sono stata rinchiusa in una cella di isolamento per 13 mesi, dove ho subito varie forme di tortura: privazione del sonno (a volte per mesi), alimentazione forzata, tutto il corpo legato, essere ammanettata in una posizione semi accovacciata (non potevo alzarmi o accovacciarmi per giorni interi), essere rinchiusa in un bagno, stare in piedi in un cerchio di 50 cm di diametro per 24 ore, sedersi su uno stretto sgabello (un piccolo e rotondo sgabello di 30 cm di diametro: lo sgabello aveva tre viti che uscivano dalla superficie e che causavano un dolore estremo una volta seduti sopra per lungo tempo), lavaggio del cervello coercitivo (essere circondata da molte persone che calunniano la Falun Dafa 24 ore al giorno).

Da novembre 2001 a gennaio 2012, sono stata spesso privata del sonno e forzata a stare in piedi con la faccia rivolta al muro, mentre ero sottoposta a lavaggio del cervello coercitivo. Negli ultimi dieci giorni sono stata forzata a stare in piedi ogni giorno senza il permesso di dormire.

Il mio corpo continuava a cadere per terra dato che potevo appena reggermi in piedi. Mi sentivo come addormentata anche con gli occhi aperti e certe volte avevo delle allucinazioni. Le guardie hanno ordinato di continuare a monitorarmi a coloro che erano andati fuori strada e avevano sviluppato comprensioni distorte, tre di loro per ogni turno.
Mi circondavano e ogni volta che cadevo giù, mi tiravano su per continuare la pena in piedi.

Siccome continuavo a cadere per tutto il tempo, dovevano cambiare il turno ogni tre ore. La feroce guardia Chen Suping ordinò loro in aggiunta: “Non dovete causare nessuna ferita visibile sul suo corpo.“

Più tardi, la guardia Li Qian disegnò sul pavimento un cerchio di 50cm di diametro e mi forzò a stare dentro al cerchio in piedi per 24 ore al giorno. Sono stata costretta a mangiare e a fare i miei bisogni nello stesso cerchio e non mi era permesso lavarmi. Mi sono sentita estremamente stanca e tutte le mie energie erano esaurite. Sentivo la testa pesante e confusa.

Due mesi dopo, le guardie mi hanno portato di nuovo in una cella di più di dieci metri quadri e condivisa con più di una dozzina di detenuti. Le guardie hanno assegnato due detenuti per continuare a controllarmi tutto il giorno. Non mi era permesso di parlare con nessuno.

Di notte, quando gli altri erano addormentati, venivo portata fuori per il lavaggio del cervello e non mi era concesso dormire fino a dopo le 2:00 del mattino. Poi, mi dovevo alzare alle 5:00 del mattino. Tutto questo è durato fino a maggio dell’anno seguente.

Tecniche di lavaggio del cervello

Uno dei metodi di lavaggio del cervello è costringerti a stare in piedi circondato da un gruppo di collaboratori con pensieri distorti; loro stanno a circa 20 cm dal tuo volto. Questa forma di tortura prosegue senza sosta, 24 ore al giorno, 7 giorni a settimana. Per tutto il tempo continuano a diffamare la Dafa a turno. Non ti è permesso dormire e sei strettamente sorvegliato per tutto il tempo.

Quando vedono che ti stai addormentando, usano tutti i tipi di metodi malvagi per tenerti sveglio. Questa tortura può andare avanti per molti giorni, la più lunga per tre o quattro mesi. A causa dell’intensa e prolungata pressione la vittima solitamente subisce alla fine un crollo mentale.

Sono stata sottoposta a tale lavaggio del cervello nel 2002. É iniziato il 2 giugno ed è proseguito fino agli inizi di agosto. Ero chiusa in una cella seminterrata. Era molto piccola e solo tre o quattro persone al massimo potevano stringersi all'interno, seduti stretti uno accanto all’altro. Ero bloccata là in completo isolamento dal mondo esterno.

Per più di 40 giorni, non mi è stato permesso di dormire. Ai collaboratori con pensieri distorti era stato ordinato di farmi il lavaggio del cervello, tre turni al giorno. Hanno continuato a fissarmi negli occhi mentre insultavano la Dafa. Appena vedevano addormentarmi, mi pizzicavano il corpo e le braccia duramente usando le loro unghie. Le mie braccia erano coperte di lividi.

Hanno usato anche punte di penne taglienti per colpire la mia testa. Era molto doloroso e spesso gridavo a causa del dolore. A volte, mi afferravano i capelli e tirato su e giù per le scale. Mi hanno scritto parole che diffamavano la Dafa sulle braccia. Altre volte, mi trascinavano nella stanza dell’acqua e mi annaffiavano con acqua fredda.

Normalmente, se una persona viene privata del sonno per lungo tempo, diventa molto ansiosa e agitata, e soffre di un collasso mentale entro sette giorni.

Credo profondamente che è stato grazie alla protezione del Maestro se sono riuscita ad attraversare una così crudele persecuzione.

Paralizzata a causa della tortura

Sono stata rinchiusa in isolamento di nuovo nel marzo 2003 quando la SARS si è diffusa in Cina. Sono stata portata nell’ufficio di una guardia. Un giorno di maggio, la guardia Li Ying si è inventata una scusa per forzarmi a stare in piedi come punizione. Mi sono rifiutata, quindi lei ha chiamato Liang Yan e pochi altri per mettermi uno straccio in bocca e legarmi le gambe insieme. Sono stata legata così per un giorno intero. Verso sera, la guardia Li Qian è arrivata per forzarmi a stare in piedi e dicendo a due detenuti di sorvegliarmi.

Sono stata obbligata a stare in piedi per nove giorni e nove notti, e non mi è stato concesso di dormire durante l’intero periodo.

Dopo sette giorni, non potevo più resistere e continuavo a chiudere gli occhi. Coloro che mi sorvegliavano, mi trascinavano per farmi camminare per alcuni passi e per farmi svegliare, poi mi forzavano a tornare in piedi dove ero. Hanno fatto turni per continuare a sorvegliarmi, per essere sicuri che non chiudessi gli occhi.

Infine, le mie gambe sono diventate molto gonfie e non ho più potuto portare le scarpe. Quindi dovevo stare in piedi scalza. I collaboratori continuavano a dirmi, “Le tue gambe diventeranno presto paralizzate; l’acqua inizierà ad uscire dalle tue gambe”.

In seguito, uno dei miei piedi è rimasto paralizzato e non riuscivo più a tenere il mio corpo dritto.

Quando le guardie erano di buon umore, mi permettevano di sedere su un piccolo sgabello per un paio d’ore. Se erano di cattivo umore, non mi concedevano assolutamente di dormire per tutta la notte. Occasionalmente, mi era concesso di dormire in un letto per due o tre ore. Questa tortura è proseguita fino ad agosto.

Il mio corpo divenne gravemente asimmetrico, e non importava quanto duramente mi sforzassi, non riuscivo a raddrizzarlo. Altri mi hanno detto che un lato del mio viso era più alto dell’altro. Quando l’ho toccato, era veramente così. La guardia Yin Guihua non mi aveva visto per qualche tempo, e quando mi rivide rimase sconvolta dal mio aspetto.

Essere tortura come se fosse un "gioco"

Un altro ciclo di persecuzione iniziò nel settembre dello stesso anno, e venivo picchiata tutti i giorni. Zhang Fang e Xu Liyun, che hanno entrambe sviluppato pensieri deviati, idearono un “gioco di calci”.

Mi trattavano come una palla e mi hanno preso a calci da un lato all’altro. Mentre mi tiravano calci, gridavano eccitate, “Questo è veramente divertente!” Mentre tutto ciò si svolgeva, la guardia Li Qian era seduta nella stanza, ma fece finta di non vedere nulla. Quando ho domandato perché avesse permesso loro di prendermi a calci in quel modo, ha risposto, “Chi ti ha preso a calci? Non ho visto nessuno tirarti dei calci.” Le mie cosce erano arrossate e gonfie.

Una notte, sono stata picchiata così duramente che ho urlato. Molte persone sono state svegliate dal mio grido. Le guardie allora mi hanno portato in un bagno, usato esclusivamente da loro. La guardia Li Qian disse, “Se dovessi morire qui, nessuno verrebbe a saperlo.” Non mi hanno permesso di dormire la notte e ho potuto raramente assopirmi per un istante. Sono stata rinchiusa lì fino a novembre.

I responsabili vengono premiati

I pestaggi furono particolarmente severi in ottobre, e gli aggressori ad ogni turno provavano diversi modi per colpirmi. Xu Liyun lo chiamava l’esercizio per “mantenersi in forma”. Liu Xiaoyan mi disse che quando la guardia Chen Suping le chiamava per una riunione, le incoraggiava a picchiarmi e diceva che se l’avessero fatto bene, sarebbero state premiate con una riduzione della pena.

Non mi è stato permesso di dormire durante ottobre. Occasionalmente mi era permesso di sedere su un piccolo sgabello e chiudere gli occhi per cinque minuti. Ma questo è successo solo poche volte. Il resto del tempo ero costretta a stare in piedi e senza dormire. Ero costantemente picchiata, tutto il giorno.

C’era una spessa mazza di legno nel bagno in cui sono stata rinchiusa. Liu Xiaoyan ha usato quel bastone per colpirmi, battendo forte sulle mie rotule o sulle zone già ferite delle mie cosce. Certe volte, mi ha costretto a camminare per il bagno colpendomi ogni volta che mi fermavo. Le mie cosce e le rotule ero coperte di lividi e potevo a malapena accovacciarmi quando mi riposavo.

Lavoro da schiavi

Sono stata costretta ad eseguire tutti i tipi di lavoro forzato dalla fine del 2002. Ero per lo più forzata ad avvolgere fili di rame smaltato per la zona industriale termale di Weihai, nella provincia di Shandong. Ho sentito che il prodotto era da esportare in Sud Corea.

Eravamo forzate a lavorare dalle 5:30 del mattino alle 11:00 di sera ogni giorno, a volte fino a mezzanotte. A volte abbiamo dovuto lavorare fino alle 2:30 del mattino del giorno successivo, 21 ore. I pasti erano mandati nelle celle. Inizialmente ci erano concessi 10 minuti per mangiare, poi sono stati ridotti a 5 minuti, e dovevamo lavorare per il resto del tempo tutti i giorni.

La superficie del cavo è lucente, ed è estremamente estenuante per gli occhi se lo si deve guardare per 17 ore al giorno. Un giorno, una detenuta chiamata Wei Jinzhi, che era veramente veloce con le mani, improvvisamente è diventata cieca.

Una volta fuori dal campo di lavoro forzato, il giorno successivo sono andata in un negozio di ottica per degli occhiali. Non potevo vedere chiaramente le lettere nemmeno con gli occhiali per elevata miopia da 1000 gradi. Il danno ai miei occhi è stato causato anche dalla lunga privazione del sonno e dal fatto che il mio letto fosse vicino ad una luce che era sempre tenuta accesa durante la notte.

Avvolgere fili di rame è veramente faticoso per le dita. La guardia Li Ying ci faceva avvolgere cavi spessi (solitamente un lavoro per uomini). I cavi erano davvero duri e non flessibili e dovevamo sforzarci duramente per avvolgerli. Il dolore alle dita mi ha frequentemente tenuta sveglia. Più tardi, le mie dita sono diventate molto rigide e non riuscivo a piegarle, rendendomi difficile perfino sbottonarmi i pantaloni quando andavo in bagno.

Poi, sono stata costretta ad imballare matite in scatole. Non c’era alcun tipo di protezione. Ero anche costretta ad attaccare etichette su bottiglie di aceto di mele. Nel 2003, ci è stato dato del lavoro supplementare, tagliare via fili indesiderati da jeans ed eliminare la lanugine dalle tasche, o usare un pezzo di pietra per asportare le palle di lanugine sulle tasche.

La lanugine formava una specie di polvere blu che volava nell’aria. Non c’era alcuna maschera per la polvere da indossare e non c’erano ventilatori che portavano dentro aria fresca. Potevamo vedere la polvere persino nel nostro porridge di mais e nel catarro che sputavamo.

Nel 2004 una grande officina venne costruita, ed iniziammo ad usare macchine da cucire elettriche per la produzione di indumenti. I jeans che ho menzionato prima e gli indumenti erano fatti per la fabbrica di indumenti Luyun a Zhoucun. Il direttore dello stabilimento si chiama Bi Luwei. Tutti gli indumenti erano da esportare, e noi eravamo usate come lavoratori non pagati, o meglio schiavi. Bi Luwei veniva spesso all’officina per dirigere il nostro lavoro.

Umiliazione mentale

Per un lungo periodo di tempo, sono stata ammanettata in un gabinetto, proprio di fianco alla tazza. La guardia Li Qian si scaricava proprio accanto a me.

Durante il periodo di “intensificata” persecuzione, non mi era nemmeno permesso di lavarmi. Quando arrivò l’estate, non mi è stato permesso di lavarmi per mesi, e puzzavo terribilmente. Volevano farmi vivere nell’umiliazione. Quando dovevo andare di corpo, i detenuti assegnati al mio monitoraggio mi portavano un secchio e mi guardavano mentre svolgevo i miei bisogni. Dopo, non mi era nemmeno concesso di lavarmi le mani.

Durante il lavoro, ci era concesso l’uso del bagno in gruppo due volte al giorno. Circa una dozzina di persone in fila per l’uso del gabinetto; ogni volta venivano concessi cinque o sei minuti in tutto. Siccome l’uso del bagno era così limitato, non ci azzardavamo a bere troppa acqua. Se qualcuno aveva bisogno di più tempo, doveva fare rapporto e chiedere il permesso alle guardie, che ti avrebbero chiesto di diffamare la Dafa; altrimenti non ti sarebbe stato permesso di usare il gabinetto.

Quando non c’era sufficiente lavoro, eravamo costretti a scrivere le “esperienze”. Molto spesso, eravamo trascinati a guardare i cosiddetti video della “trasformazione”, che erano pieni di diffamazioni contro la Dafa. Quelli che venivano “trasformate” dovevano credere nell’ateismo e opporsi a tutti i principi tradizionali etici. Erano perfino forzati a criticare Verità, Compassione, e Tolleranza.

Per gli esseri umani, nulla può essere più doloroso che essere forzati a dire qualcosa contro la propria coscienza e guardare la propria coscienza venire distrutta.

Usare la persecuzione dei praticanti del Falun Gong per lucrosi profitti

Quando sono stata portata al campo di lavoro forzato, sono stata innanzitutto spedita all’ospedale del campo di lavoro per un controllo della salute. Ho sentito un dottore dire, “Questa non ha una buona salute. Il capo sezione Wang della sottostazione di polizia Laishan e coloro i quali mi hanno spedito lì, dissero, “Questa ha i soldi. Fino a che è in trasformazione, la sua famiglia ha un mucchio di soldi”. Mentre stavamo uscendo, ho sentito Wang dire ad un altro ufficiale di polizia: “Questi dottori stanno avendo grandi guadagni. Nel periodo di Capodanno, pacchi regalo alla stazione di polizia erano impilati nel corridoio, quasi fino all’altezza della cintola.”

Non appena sono stata dimessa dal campo di lavoro forzato, Xiao Aihua, capo della sezione disciplinare, ha fatto domanda per 2000 yuan alla polizia, dicendo che era per le mie “spese di nutrizione”. Più avanti ho scoperto che la polizia ha estorto i soldi alla mia famiglia.

L'alimentazione forzata era anche usata per estorcere soldi. Sono stata alimentata con la forza quattro giorni dopo aver iniziato lo sciopero della fame per protestare contro la persecuzione. Mi hanno legato le mani e inserito un tubo attraverso una narice; dopo avermi alimentato con la forza, invece di tirar fuori il tubo, l’hanno tenuto nella mia narice e fissato alla mia faccia per usarlo la volta dopo. É stato estremamente fastidioso. Per ogni nutrimento forzato, mi hanno chiesto 70 yuan, dicendo che era per salvarmi la vita.

Seminare discordia tra i miei parenti

Non mi è stato concesso di scrivere lettere durante i miei tre anni di detenzione. Se volevo scrivere una lettera, dovevo chiedere il permesso e far controllare il contenuto. Comunque, hanno detto ai miei parenti che ero diventata fredda e indifferente dopo aver praticato il Falun Gong e che non avevo mai sentito la loro mancanza e che non avevo mai pensato a loro.

Si sono pure rifiutati di consegnarmi una lettera della mia famiglia, mentendo e dicendo che i miei parenti e amici avevano scritto loro, chiedendo urgentemente di “trasformarmi”.

Dato che la mia famiglia ha continuato persistentemente con le richieste, mi sono stati concessi due brevi incontri durante i tre anni con i membri della mia famiglia. Ogni incontro era strettamente sorvegliato dalle guardie che assistevano all’incontro.

Nel maggio 2004, il mio periodo detentivo era giunto a termine e la mia famiglia era pronta per portarmi a casa. Ma la guardia Li Aiwen si è rifiutata di rilasciarmi perché avevo ancora delle ferite ed era preoccupata di essere esposta. Ha mentito alla mia famiglia, dicendo che non poteva rilasciarmi perché avevo resistito alla “trasformazione” ed altro ancora.

Distruggere le prove

Nel settembre 2004 quando sono stata finalmente rilasciata, delle persone dell'Ufficio 610 sono venute a prendermi. Una di loro era un capo sezione, soprannominato Yang. Ha detto che avevano inizialmente programmato di mandarmi in un centro per il lavaggio del cervello, ma poi ha deciso di lasciarmi andare. Mi ha chiesto di darggli il certificato di residenza sostenendo che me lo avrebbe ridato successivamente. Ma non me lo ha mai riconsegnato.

Più tardi ho sentito che questo fatto è successo anche ad altri praticanti. Già dal 2004, l’Ufficio 610 aveva iniziato a distruggere le prove.

I campi di lavoro forzato continueranno

Ho recentemente sentito che il regime cinese ha pianificato l’abolizione del sistema di lavoro forzato. Penso che finché il PCC esisterà, esso continuerà la persecuzione, probabilmente in maniera ancor più nascosta.

Infatti, fin dal 2004, il secondo campo di lavoro forzato femminile di Shandong aveva due nomi – l’altro era il “centro femminile di riabilitazione da droghe”. I detenuti includevano qualche tossicodipendente e persone provenienti da gruppi religiosi clandestini. Aveva sette divisioni nel 2001, ognuna con circa 120 detenuti, e un numero totale pari a otto o nove centinaia. Nel 2004, il numero di detenuti è sceso a circa cinque centinaia.

Tuttavia durante questo periodo, almeno cinque nuovi edifici sono stati costruiti, incluso l’edificio della polizia (che contiene le stanze di “stretta sorveglianza” – camere di tortura), l’edificio per la produzione, l’edificio di un nuovo ospedale e un edificio per il dormitorio.

Uno si potrebbe domandare: cos’è che ha cambiato queste persone, un tempo adorabili madri e mogli, in questi crudeli ufficiali di polizia e guardie con così poca coscienza? È il lavaggio del cervello dell’educazione del PCC. Una volta sottoposti a questa educazione che riforma la mente, vedono la tortura come il loro lavoro e vengono promosse e ricompensate nel fare questo.

Il PCC ha anche disposto grandi quantità di fondi per espandere i loro posti di lavoro. La malvagia guardia Chen Suping una volta mi ha detto che era stata in una classe di addestramento tenuta dal Ministro della Giustizia, dove veniva insegnato loro qualche metodo di tortura perfino oltre la nostra immaginazione, includendo il forare il polpaccio di qualcuno con un filo metallico.

Bi Hua, un ex capo di un campo di lavoro maschile (successivamente promosso alla posizione di vice capo dell’ufficio di rieducazione tramite il lavoro) ha detto che agli inizi non sapevano come comportarsi con i praticanti del Falun Gong perché sono tutte persone di buon cuore. Quindi il Ministro della Giustizia li ha accolti per essere addestrati al campo di lavoro forzato di Masanjia, dove è stato detto loro che un metodo efficace di tortura era usare i bastoni elettrici sui praticanti.

(*)GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.