I praticanti del Falun Gong sono le principali vittime nei campi di tortura in Cina

(Minghui.org) Recentemente una rivista cinese chiamata Lens ha pubblicato un articolo esclusivo dal titolo "Fuori Masanjia". L’articolo, di circa 20.000 caratteri cinesi, ha riferito ciò che è avvenuto nel campo di lavoro forzato femminile di Masanjia, nella provincia di Liaoning, in Cina. Le prigioniere sono sottoposte a lavoro forzato, vengono rinchiuse in piccole celle, percosse con manganelli elettrici, appese, costrette a sedersi sulla “panca della tigre”, il letto della morte, ecc. L'articolo riporta informazioni utilizzando i reali nomi delle persone coinvolte. Da quando è stato pubblicato, l'articolo è stato ripreso da molti siti web e l'impatto che ha portato è in continua crescita.

Molti cinesi che hanno letto l'articolo pensano che le orrende torture inflitte siano intollerabili. Molti hanno commentato che la tirannia del Partito Comunista Cinese (PCC) è così terrificante da essere difficilmente immaginabile. Molti trovano difficile credere che questo genere di brutalità possano ancora accadere nel 21° secolo. Alcuni hanno anche definito il campo di lavoro di Masanjia come l’ "inferno in terra".

Anche i mezzi di comunicazione fuori della Cina hanno riportato l'impatto di questo articolo, compresi l'Associated Press, la BBC, la Deutsche Welle e la National Mail in Canada. Un fatto interessante è che la maggior parte delle vittime nei campi di lavoro in Cina sono praticanti del Falun Gong. Oggi, il più grande problema dei diritti umani in Cina sono i quasi 14 anni di persecuzione dei praticanti del Falun Gong.

I praticanti del Falun Gong sono le principali vittime nei campi di tortura in Cina

I metodi di tortura raccontati nell'articolo di Lens erano originariamente e principalmente destinati ad essere utilizzati sui praticanti del Falun Gong. Questo però non è stato menzionato nell’articolo. Associated Press, il 9 aprile 2013, sottolinea che le informazioni sul trattamento e la tortura a Masanjia corrispondono alle denunce e alle testimonianze che i praticanti del Falun Gong hanno esposto alla comunità internazionale 10 anni fa. I praticanti hanno raccontato al mondo molto tempo fa che il campo di lavoro di Masanjia era il più brutale centro di lavaggio del cervello utilizzato nella persecuzione del Falun Gong in Cina.

Nel 1999, per gelosia, l’allora presidente del PCC Jiang Zemin decise di perseguitare il Falun Gong. Egli istituì l'Ufficio 610 e utilizzò le risorse dello Stato per reprimere i praticanti del Falun Gong.

I campi di lavoro, i centri di detenzione, e tutti i tipi di centri di lavaggio del cervello hanno ricevuto ordini di persecuzione, e ad uno ad uno questi ordini sono stati eseguiti: "sradicare il Falun Gong in tre mesi", "la morte sotto percosse dev’essere conteggiata come suicidio", "il corpo deve essere cremato senza indagare sull’identità della persona", "non c'è bisogno di rispettare la legge quando si tratta del Falun Gong" e "diffamare la loro reputazione, rovinarli finanziariamente, distruggerli fisicamente".

Per aumentare il numero di "trasformazioni", le agenzie governative hanno esaurito tutti i mezzi per "trasformare" i praticanti del Falun Gong. Le promesse di ricompense finanziarie e promozioni hanno convertito gli agenti di polizia nei campi di lavoro in veri e propri demoni.

I praticanti del Falun Gong costituiscono la gran parte dei prigionieri di coscienza in Cina. Escludendo prigioni e centri di detenzione, delle 250.000 delle persone detenute nei 340 campi di lavoro in tutta Cina, oltre il 50% sono praticanti del Falun Gong. Tra i casi di tortura registrati dalle Nazioni Unite, il 66% vengono commesse su praticanti del Falun Gong.

Campo di lavoro di Masanjia prospera con la persecuzione del Falun Gong

Il campo di Lavoro Masanjia è prosperato torturando i praticanti del Falun Gong. Masanjia si trova nel distretto Yuhong della città di Shenyang. Prima del 1999, ogni anno il campo aveva il bilancio in rosso. Non poteva nemmeno permettersi di pagare la bolletta della luce.

Dopo l'inizio della persecuzione, il governo locale ha elargito a Masanjia 10.000 yuan per ogni praticante del Falun Gong presente nel campo. Dal 1999 al 2004, oltre 4.000 praticanti sono stati detenuti, ciò ammonta a oltre 40 milioni di yuan di fatturato.

Nell'Ottobre 1999, Masanjia ha aperto il reparto femminile N°2, governato direttamente dal Ministero della Giustizia. Il reparto è specializzato nella detenzione e nella "trasformazione" dei praticanti del Falun Gong incrollabili nella loro fede. Uno dei compiti è quello di mettere insieme le tecniche di lavaggio del cervello più efficaci e quindi trasmetterle a strutture di livello nazionale.

Il ministero della Giustizia ha assegnato un milione di yuan a Masanjia per il "miglioramento dell'ambiente". I capi dell'Ufficio 610, Luo Gan, Liu Jing e altri, hanno visitato Masanjia molte volte. L'ex segretario del Comitato per gli affari politici e legali è stato a Masanjia molte volte per dirigere e intensificare personalmente la persecuzione.

Nel 2002, Bo Xilai, un altro leader responsabile della persecuzione del Falun Gong, ha preso il posto di governatore della provincia di Liaoning, e ha dato l’ordine di espandere il campo di lavoro forzato di Masanjia, Longshan e Shenxin.

Nel 2003, Bo Xilai ha approvato lo stanziamento di oltre 1 miliardo di yuan per il progetto di espansione del carcere. Solo su Masanjia sono stati investiti oltre 500 milioni di yuan. Per la prima volta è stata creata una città prigione. Il Campo di Lavoro Femminile di Masanjia copre oltre 330 ettari.

Un alto ufficiale del Dipartimento di Giustizia nella provincia di Liaoning, ha detto in una riunione tenutasi a Masanjia: "L'investimento finanziario dovuto alla questione dei praticanti del Falun Gong ha superato quello di una guerra". La provincia di Liaoning implementa alcune delle persecuzioni più gravi.

Mentre Su Jing era direttore a Masanjia, ha ricevuto un "premio di secondo livello" da parte dell’Ufficio 610 – un bonus di 50.000 yuan da parte del Ministero della Giustizia. Nel Settembre del 2003, gli è stato assegnato il "premio di secondo livello" nazionale ed è stato considerato il modello perfetto. Shao Li, allora vice direttore, ha ricevuto un bonus di 30.000 yuan.

Dal 2000 al 7 aprile 2013, la data in cui Lens ha riportato le torture nei campi di lavoro al popolo cinese, il sito Minghui.org ha pubblicato 8.109 relazioni, commenti e articoli settimanali sui praticanti del Falun Gong che hanno subito persecuzioni a Masanjia.

I metodi di tortura usati a Masanjia sono diventati noti e sono stati utilizzati come "modelli" negli altri campi di lavoro in Cina. Oltre alle torture, anche gli abusi sessuali sono comuni. Ciò ha portato a stupri singoli e di gruppo nei campi di lavoro nazionali.

Le praticanti sono state molestate sessualmente a Masanjia. La polizia ha percosso le loro parti intime con bastoni elettrici. Le praticanti sono state anche spogliate e gettate nelle celle maschili.

Secondo quanto riferito dalle organizzazioni per i diritti umani d’oltreoceano, nell’Ottobre 2000, durante la visita di Luo Gan a Masanjia, la polizia ha spogliato 18 praticanti del Falun Gong e le ha gettate nelle celle maschili. Gli stupri che sono seguiti hanno portato a cinque morti. Sette delle 18 praticanti che sono state violentate hanno avuto poi disturbi mentali; le altre sono rimaste disabili.

Inoltre, un gran numero di praticanti del Falun Gong sono stati torturati a morte.

Liu Yuling, Wang Guilan e Zhang Yahua, tra gli altri, sono stati tutti vittime di queste "torture di Masanjia". I praticanti del Falun Gong hanno subito queste torture ogni giorno negli ultimi 13 anni in molti dei campi di lavoro e nei centri di lavaggio del cervello in tutta la Cina.

Chiunque può diventare vittima delle torture dei campi di lavoro

Le tecniche di tortura sviluppate a Masanjia sono state utilizzate sui praticanti del Falun Gong. In seguito, sono state utilizzate su altri detenuti. Dopo oltre un decennio di persecuzione del Falun Gong, il sistema del campo di lavoro ha ampliato le vittime del campo dai soli praticanti del Falun Gong ai firmatari di petizioni, avvocati, dissidenti e altri prigionieri di coscienza. Per comodità, alcune forze di polizia locali hanno addirittura etichettato le persone che non sono praticanti del Falun Gong come "Falun Gong", al fine di arrivare a fare quello che desideravano.

Per la persona media, un campo di lavoro è un concetto molto estraneo e remoto. Tuttavia, la realtà ha dimostrato che i campi di lavoro non sono molto lontani dalla nostra vita quotidiana. Qualsiasi cittadino cinese potrebbe diventare una vittima del campo di tortura. I campi di lavoro sono come le mine antiuomo - non si sa mai quando lui o lei potrà diventare la prossima vittima di Masanjia.

Abbandonare l’illusione che il Regime Comunista cambi il suo modo di agire

Quando i media cinesi parlano dei crimini commessi nei campi di lavoro, stanno semplicemente rispondendo alla pressione sempre più crescente della comunità internazionale o manifestano il risentimento del popolo cinese. Quando il regime comunista "recente" parla di chiudere i campi di lavoro, sta solo tentando di ritardare la sua stessa fine.

Se ci facciamo illusioni su un evoluzione positiva del PCC, allora commettiamo un terribile sbaglio. La persecuzione del Falun Gong continua e addirittura si è intensificata. Il regime sta ancora arrestando i praticanti del Falun Gong, violando la legge, e li incarcera nelle prigioni.

Non importa quanto il regime cambi la sua facciata, la sua natura brutale non è mai cambiata. I crimini che il regime ha commesso contro il popolo cinese lo stanno conducendo ad un vicolo cieco. La sua scomparsa è solo una questione di tempo.

Non c'è dubbio che l'articolo su Lens abbia scoperto la realtà oscura e sporca del sistema dei campi di lavoro cinesi. Tuttavia, è importante sapere che i praticanti del Falun Gong sono la maggioranza delle vittime di questi campi di lavoro.

Negli ultimi dieci anni, la banda di Jiang Zemin, Luo Gan, Liu Jing, e Zhou Yongkang si è concentrata sulla persecuzione del Falun Gong con la tortura, la detenzione, e il lavaggio del cervello, per tutto il tempo e ingannando la comunità internazionale. Quando i cinesi vedranno che il regime ha mentito, quello sarà il momento del suo crollo.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.