Resoconto dei fatti: Il ruolo dei centri di lavaggio del cervello in Cina è quello di torturare a morte i praticanti del Falun Gong

(Minghui.org) Nella persecuzione del Falun Gong, il Partito Comunista Cinese ( Pcc) ha utilizzato varie strutture per arrestare e torturare migliaia e migliaia di cittadini rispettosi della legge. Oltre alle prigioni più comunemente note, ai centri di detenzione e ai campi di lavoro forzato, esiste una struttura meno nota che ha giocato un ruolo importante nella persecuzione del Falun Gong. Spesso definiti da parte delle autorità cinesi «centri di educazione alla legalità», queste strutture sono più precisamente note come centri di lavaggio del cervello.

Dato che sono prigioni extragiudiziali, i centri di lavaggio del cervello detengono illimitatamente i praticanti del Falun Gong. L'unico scopo del centro di lavaggio del cervello è quello di forzare i praticanti del Falun Gong a rinunciare alla loro fede. Per raggiungere questo obiettivo, essi costringono i praticanti a guardare costantemente i video o ascoltare le registrazioni che diffamano il Falun Gong e spesso vengono fisicamente torturati, il che ha portato a centinaia di morti accertate.

Fino ad oggi, nella persecuzione del Falun Gong sono stati segnalati 3.653 casi di morte, con identità e dettagli confermati. Settecentoquarantasei (l’ 11%) del totale è stato vittima della detenzione nei centri di lavaggio del cervello, di cui 357 sono morti all'interno dei centri. Questi casi di morte e di detenzione coinvolgono 173 città, 329 contee e 449 centri di lavaggio del cervello in Cina. Questo rapporto presenta i risultati di un'indagine sulla correlazione tra i casi di morte registrati e i centri di lavaggio del cervello.

1.Panoramica della storia dei centri di lavaggio del cervello

Il primo caso di morte in un centro di lavaggio del cervello è accaduto nel gennaio del 2000, subito dopo l'inizio della persecuzione del Falun Gong avviata dal Pcc. Il 17 febbraio Chen Zixiu, un operaia in pensione della città di Weifang provincia dello Shandong, è stata arrestata e incarcerata in un centro di lavaggio del cervello poiché era andata a Pechino per fare appello per il Falun Gong. La mattina del 21 febbraio è stata picchiata a morte.

A: Chen Zixiu con i suoi nipoti; B. I vestiti di Chen Zixiu' , macchiati di sangue. C. L’intimo di Chen, bagnato nel sangue

 
Il 20 aprile del 2000 il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo intitolato: «Praticare il Falun Gong era un diritto, ha detto la signora Chen, fino al suo ultimo giorno» di Ian Johnson. Un giornalista dello staff. Johnson ha vinto il Premio Pulitzer 2001 per questo articolo.

Ian Johnson vince il premio Pulitzer 2001 per la storia della signora Chen Zixiu

Dopo l'uscita della notizia, il regime del Pcc non ha portato gli assassini di Chen Zixiu davanti alla giustizia, invece ha arrestato la figlia di Chen, Zhang Xueling per la fuga di informazioni al giornalista americano. Zhang Xueling è stata condannata a tre anni di campo di lavoro forzato, con l'accusa di aver «danneggiato la sicurezza pubblica».

Nell'agosto del 2001 John Pomfret e Philip Pan, dal giornale The Washington Post, hanno riferito che per distruggere il Falun Gong il regime cinese utilizza un approccio di tre ingredienti: la violenza, una campagna di propaganda ad alta pressione e i centri di lavaggio del cervello.

Secondo l'articolo: «Alcuni governi locali avevano già sperimentato il lavaggio del cervello, ma nel mese di gennaio, l’ufficio 610 segreto di Pechino, una task force interdipartimentale, ha guidato un azione contro il Falun Gong ordinando a tutti i comitati dei quartieri, alle istituzioni statali e alle aziende di iniziare a utilizzare questi centri. Le fonti di governo hanno detto: «Nessun membro del Falun Gong dovrà essere risparmiato».

I centri di lavaggio del cervello sono chiamati ufficialmente «Centri di educazione alla legalità», «Basi di formazione giuridica», o «scuole di trasformazione di pensiero», ma non hanno nulla a che fare con la legge, l'educazione o la scuola.

Esecuzione della legge

Non c’è bisogno di presentare alcun documento legale o di passare attraverso alcun processo legale per inviare un praticante del Falun Gong nei centri di lavaggio del cervello. Gli operatori presso i centri non hanno alcuna responsabilità per l'esito delle torture ai praticanti del Falun Gong, anche se la tortura dovesse portare alla morte.

Nel 2004, l'Organizzazione Mondiale per Indagare sulla Persecuzione del Falun Gong ( WOIPFG ) ha pubblicato il «rapporto investigativo sulle classi di lavaggio del cervello e sui metodi di lavaggio del cervello». Secondo il rapporto, le torture fisiche e i farmaci che danneggiano il sistema nervoso sono due metodi comunemente usati nei centri di lavaggio del cervello.

Nei primi mesi del 2013, il Pcc ha annunciato un piano per abolire il famigerato sistema dei campi di lavoro forzato, che era stato un importante apparato nella persecuzione del Falun Gong. I centri di lavaggio del cervello da allora hanno assunto la funzione dei campi di lavoro forzato.

Secondo un rapporto pubblicato sul sito Minghui del gennaio 2014: «Da quando i campi di lavoro forzato sono stati chiusi, il numero dei praticanti del Falun Gong incarcerati nei centri di lavaggio del cervello è aumentato drammaticamente. Da gennaio a giugno 2013, sono stati segnalati 181 casi. Tuttavia, nella seconda metà dell'anno, come il sistema dei campi di lavoro è stato eliminato gradualmente, il numero è salito a 1.044». ( http://en.minghui.org/html/articles/2014/1/18/144478.html)

Molti praticanti del Falun Gong, imprigionati nei campi di lavoro forzato, non sono stati liberati dopo che il sistema dei campi di lavoro forzato è stato abolito, ma sono stati trasferiti direttamente nei centri di lavaggio del cervello.

Un altro articolo su Minghui.org ha riferito che, nel corso del 2013, il Pcc ha istituito 157 centri di lavaggio del cervello in 27 province e 737 praticanti sono stati inviati in questi centri.

2. L'analisi dettagliata dei casi di morte e detenzione nei centri di lavaggio del cervello.

Secondo le statistiche pubblicate sul sito Minghui nel dicembre 2013, su 3.653 casi di morte confermati di praticanti del Falun Gong negli ultimi 15 anni di persecuzione, 746 (l’11 % ) ha sperimentato la tortura nei centri di lavaggio del cervello, alcuni dei quali erano stati incarcerati più di una volta, con un totale di 851 detenzioni. 365 decessi su 3.653 hanno avuto luogo nei centri di lavaggio del cervello. Di recente sono state segnalate due morti che hanno avuto luogo in un centro di lavaggio del cervello, portando il numero totale a 367.

Dall'inchiesta è emerso che la causa più comune di morte nei centri di lavaggio del cervello è stata la forzata iniezione di droghe che danneggiano il sistema nervoso; questo ha costituito il 32% dei casi di morte. La seconda causa più comune è quella di picchiare i praticanti a morte (20 % ). Il 19 % dei casi di morte sono stati causati dall'utilizzo di molteplici torture.

Un documento del governo interno, che fornisce istruzioni e protocolli per i centri di lavaggio del cervello, afferma esplicitamente: «Per trasformare (*) i praticanti del Falun Gong, quando necessario, i funzionari possono utilizzare approcci medici e clinici». Questa politica ha portato all'abuso di droghe che danneggiano il sistema nervoso.

Qui di seguito daremo un'analisi più dettagliata dei casi di morte e detenzione dei centri di lavaggio del cervello.

Nota : L'analisi si basa sui dati dei 3.653 casi di morte confermati nella persecuzione. Non tutte queste morti sono avvenute nei centri di lavaggio del cervello. La ragione per cui usiamo questa serie di dati è perché le informazioni su questi casi di morte sono disponibili in dettaglio. Molti altri praticanti sono stati incarcerati nei centri di lavaggio del cervello, ma sono riusciti a sopravvivere. Tali casi, così come le morti non dichiarate o non confermate, sono escluse dall'analisi.

La figura 1 mostra che il centro di lavaggio del cervello ha svolto un ruolo importante nella persecuzione sin dall'inizio. Nel 1999, 107 praticanti sono stati incarcerati nei centri di lavaggio del cervello, tra cui 58 a luglio, il mese in cui il Pcc ha lanciato la persecuzione. Delle 3.653 morti, il numero di detenzioni nei centri di lavaggio del cervello è aumentato a 146 nel 2000, e ha raggiunto il picco più alto con 188 nel 2001.

Il 21 luglio 1999, il secondo giorno dopo l'annuncio del Pcc di sopprimere il Falun Gong, Li Chuanfu – direttore del Comitato politico e degli affari giuridici del Pcc della città di Zhushan, contea di Yilan, provincia dello Heilongjiang – ha istituito un centro di lavaggio del cervello temporaneo. Lì ha imprigionato tutti i praticanti locali e ha cercato di farli smettere di praticare con l'uso della violenza. Il 29 settembre, Zhao Chunxi (maschio ), un praticante locale, è morto a causa delle torture.

Il numero dei casi di morte nei centri di lavaggio del cervello è aumentato da 5 nel 1999 a 17 nell’anno seguente, elevandosi costantemente fino a 50 morti ogni anno dal 2001 al 2005. Il 70% delle morti nei centri di lavaggio del cervello (250 casi) si è verificato nel corso di questi cinque anni (Fig. 2).

Tra i 367 praticanti torturati a morte nei centri di lavaggio del cervello, il 62% era di sesso femminile, il 35% era di sesso maschile, non si hanno dati precisi per il restante 3%.

La figura 3 mostra la distribuzione per età dei casi di morte. La percentuale di età con il più alto numero di decessi è compresa tra i 61 e i 70 anni, che ha incluso 92 casi di morte.

La persecuzione dei praticanti del Falun Gong nei centri di lavaggio del cervello si è verificata in quasi tutte le province della Cina, tranne nel Tibet. La tabella 1 mostra il numero dei casi di morte e di detenzione in ogni provincia. La provincia dello Shandong ha avuto il maggior numero di morti causate dal centro di lavaggio del cervello (65 casi). La provincia dello Hebei (59 casi) e dello Sichuan (35 casi), secondo e terzo posto.

Nota: La classifica si basa sul numero dei casi di morte. Il numero dei casi di detenzione viene preso in considerazione quando due province hanno lo stesso numero di casi di morte. Lo stesso metodo è stato applicato per la stesura delle tabelle 2 e 3.

La tabella 2 mostra il numero dei casi di morte nei centri di lavaggio del cervello nelle principali città cinesi, tra cui, Pechino, Tianjin, Shanghai e Chongqing. La città di Yantai, nella provincia dello Shandong si colloca al primo posto con 21 casi, seguita dalla città di Weifang, sempre nella provincia dello Shandong (20 casi) e Chengdu nella provincia del Sichuan (19 casi).

Tra i 367 e 851 casi di morte e casi di detenzione, ecco i nomi dei centri di lavaggio del cervello coinvolti che hanno causato 281 morti e 652 casi di detenzione. La tabella 3 elenca i primi 15 centri che hanno causato morti e detenzioni.

(*)GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.